Crea sito

Vincenzo Tria

‘U pestagge: il pestaggio

Non c'è più religione. Trattasi di un'aggressione di gruppo a tutti gli effetti. Nel pestaggio, il branco non raggiunge vette esagerate di violenza ma difficile è dire dove finisce l'attività ludica e inizia l'attività criminale. Anche le motivazioni che spingono al pestaggio non sono sempre nobili né disinteressate: ...si jùte a 'nfamà 'o prèvete kè c'amme frekàte 'i solde nd' o presèpije? Mo 'e murì ... moke t'angappàme a sùle t'amma fa 'u pestagge (1).
(1) - Hai riferito al sacerdote dell'Oratorio il furto delle offerte nel presepe? Ora, io e la mia banda siamo tenuti a picchiarti.

da ‘Mmìzze ‘a stràde - I giochi di strada, 2005

Pallùcce: le biglie 
Mastacchiotta S.p.A. 

Pallùcce praticato a Foggia è conosciuto nel resto della penisola come gioco delle biglie: sfere di vetro trasparenti al cui interno sono decorate ondulate venature multicolore. 
Per giocare bisogna disporre di un campo, uno spiazzo, un lembo di marciapiede in cui vi sia un buco, una fossetta che prende il nome di kacce (72). I giocatori, di numero variabile, si dispongono a distanza dal kacce evi lanciano la pallùcce il più vicino possibile. 
Il primo concorrente comincia il gioco cercando di far entrare la pallùcce nel kacce perché solo così si diventa kacciatòre (73), ossia si ha licenza di squacciare (74) le pallùcce avversarie. 
Le palline che non passano per il caccio sono alleviòtte (vedi Glossario, lettera A) e non potranno colpire le pallùcce avversarie. Il tiro della pallùcce è cosa abbastanza complessa. 
La mano sinistra viene usata per distanziarsi dalla posizione in cui la biglia è ferma a terra. La destra tiene 'a pallùcce stretta tra il pollice e l'indice e, dopo aver accuratamente preso la mira, il pollice scatta a flipper lanciando la sfera a squaccio della avversaria. 
Chi, dopo il passaggio dal kacce, riesce a squaccià la pallùcce avversaria ne diviene legittimo proprietario e può tentare lo squacce delle altre pallùcce fino a fallire colpo e passare la mano. 
Grossa importanza in questo gioco è data al marketing. 
Le pallùcce, a secondo del numero di venature, possiedono un valore. Una mastakkiotte (75) può essere scambiata con 10/15 sembliciotte (76).
E ancora, la krocise ed il pallettòne: la prima è in ceramica bianca, non trasparente, con venature colorate, di valore superiore a mastakkiotte, mentre 'u pallettòne è una biglia di grandezza doppia rispetto alle altre e non è competitiva con le pallùcce piccole. 
Il gioco delle biglie, che si effettua stando piegati a terra, è spesso foriero di litigi in famiglia causa l'usura dei pantaloni. 

72 - Deriva da cacciatore, in seguito se ne coglierà il senso. 
73 - Da cui il termine "caccio". 
74 - Bocciare. 
75 - Biglia di grande valore artistico. 
76 - Biglie di poco conto.

da ‘Mmìzze ‘a stràde - I giochi di strada, 2005