Crea sito

Francesco Garofano

Na jurnate ‘a scole

So passate cinc’ann n’zim
e di maestre hamm sentut d’ tutt i culur.
Qann vedemmo a’ maestre
c’a valigett e i libre sott u’ vrazze
ci facemm ‘u segn d’a croce
e c’dumannamm: - Ma che ten oggi n’cape?
Àb verific o l’interragazione?
Manc aprev voc che già accumunzavan tut i lamint:
chi s’senteve male a destr
e che t’nev mal d’panz a sinistr.
Qualcun p’a tremarelle s’n’fujev in do bagn.
Ma na cos l’amma dic,
sti maestre c’hann insegnate tanta cose:
l’educazione, a’legge e scrive
da quann emm propt p’ccinunn.
Han corret tim e problem
E quann velène!
E mò che l’amma lassà,
l’amma ringrazià
p’tutt quill che sapim fa.
Una giornata a scuola
Sono passati cinque anni insieme
e delle maestre abbiamo sentito di tutti i colori.
Quando vedevamo la maestra
con la valigetta e i libri sotto il braccio
ci facevano il segno della croce
e ci chiedevamo: -Che cosa ha oggi in testa?
La verifica oppure l’interrogazione?
Neanche apriva la bocca
che già iniziavano tutti i lamenti:
chi si sentiva male a destra
e chi aveva mal di pancia a sinistra.
Qualcuno per la paura se ne scappava nel bagno.
Ma una cosa la dobbiamo dire,
queste maestre ci hanno insegnato tante cose:
l’educazione, a leggere e scrivere
da quando eravamo proprio piccolini.
Hanno corretto temi e problemi
e quanto veleno!
E ora che le dobbiamo lasciare
le dobbiamo ringraziare
per tutto quello che sappiamo fare

Francesco Garofano
(Scuola media F. De Sanctis – Foggia - V E)