Crea sito

Alfredo Amatruda

Robbèrte 'u rebbèlle
Testo di Alfredo Amatruda
Musica di Alfredo Amatruda
e Sereno Labbozzetta

Mov'acconde sta sturjèlle
de Robbèrte chjamàte "u rebbèlle":
cchjù che rebbèlle ... sènza cervèlle ...:
nz'accapèzz'a rraggjunà.
Nz'accapèzz'a rraggjunà.
Eje nu ggjovene cjutte e ffòrte,
assemmègghje a na cascjafòrte;
quanne passe pe na pòrte,
nen ze pòte frezzecà.
Nen ze pòte frezzecà.
Cande e ssòne ogni mumènde;
de sta vite nze lamènde;
quanne trove nu strumènde,
te lu vide llà a ssunà.
Te lu vide llà a ssunà.
Na jurnàte c"u clarine,
n'ate jurne c"u vjuline,
c"a chitarre ...; e' na rujne!
Nen ze sàpe acquaquagghjà.
Nen ze sàpe acquaquagghjà.
Che na zòche 'u tammurrille,
'mmocche, invèce, 'u freschettille:
vàce facènne 'u chjarapille ...
stàce sèmbe a llucculà.
Stàce sèmbe a llucculà.
Nen ze sàpe mandenè
c"u magnà e c"u cafè;
nen ve diche ch"i bbignè ...
... pènze sèmbe a strafucà.
Pènze sèmbe a strafucà.
Quanne vède na fèmmena racchje,
vot'a càpe e ce Iàce i pernacchje;
e, c"a voce de na curnacchje,
dice: "È bbrutte quèlla Ilà!"
Dice: "È bbrutte quèlla Ilà!".
Quanne vède na fèmmena bbone,
attassàte remàne 'u bbabbjone;
addevènde cum'e mmelone,
ruscje ruscje, mbalàte llà.
Ruscje, ruscje, mbalàte llà.
Sop'a maglje e 'u cappille
isse ha scritte c"u pennille:
"Roby" ... Ma che farfarille! ..
... Nu 'nfatuàte e' quiste qua!
Nu 'nfatuàte e' quiste qua!
"Roby", sì... Robert' Inzèlle.
Nenn'eje bbrutte, nèmmèn'e' bbèlle.
Nenn'e' ruère che s'arrebbèlle
quann'u vann'a ggemendà.
Ouann'u vann'a gemmendà.
Ma mo bbaste c"a sturjèlle;
quann'e' longhe nenn'eje bbèlle.
Roby rìre a crèpapèlle,
mèndre nuje chjudìme qua.
Mendre nuje chjudìme qua.

Roberto il ribelle
Ora vi racconto questa storiella / di Roberto chiamato "il ribelle ";/ più che ribelle ... senza cervello ...:/ non riesce a ragionare. / Non riesce a ragionare. / È un giovane grasso e forte, / rassomiglia ad una cassaforte; / quando passa per una porta, / non si può muovere. / Non si può muovere. / Canta e suona ogni momento; / di questa vita non si lamenta; / quando trova uno strumento, / te lo vedi là a suonare. / Te lo vedi là a suonare. / Una giornata col clarino, / un altro giorno col violino, / con la chitarra ...: è una rovina! / Non si sa raccapezzare. / Non si sa raccapezzare. / Con una corda il tamburello, / in bocca, invece, il fischietto; / va facendo il pagliaccio ... / sta sempre a gridare. / Sta sempre a gridare. / Non si sa contenere / col cibo e col caffè; / non vi dico con i bignè .../ pensa sempre a mangiare. / Pensa sempre a mangiare. / Quando vede una ragazza racchia, gira la testa e le fa i pernacchi; / e, con la voce di una cornacchia, / dice: "È brutta quella là!" / Dice: "È brutta quella là!" / Quando vede una ragazza formosa, / incantato rimane il balordo; / diventa come un cocomero, / rosso rosso, impalato là. / Rosso rosso, impalato là. / Sulla maglia e sul cappello / egli ha scritto con un pennello:/ "Roby". ... Ma che diavoletto! ... / Un infatuato è questo qui! / Un infatuato è questo qui! / "Roby", sì... Roberto Inzella. / Non è brutto, nemmeno è bello. / Non è vero che si ribella / quando vanno a canzonarlo. / Quando vanno a canzanarlo. / Ma ora basta con la storiella; / quando è lunga non è bella. / Roby ride a crepapelle, / mentre noi chiudiamo qua. / Mentre noi chiudiamo qua.

da Vernacolo in musica - Leone Editrice, Foggia 1989