Crea sito

Gianni Ruggiero

 ESCAPE='HTML'

‘U Retratte

Fogge nen tròve recitte!
Vèlite, suldate amminz'e strade
'a stanne mettenne sott'e ragge.

Ogne viche, ogne piazze
Ogne e pizzze de candone
mo tene u retratte.
E pure i balcune ck tutte
i panne spase e ck tutt’i graste.

Chi tène mette
e chi nen tène vace a mbriste
cose che già l'hamme viste
chè ognune vole cantà ind’o core
de sta canzona nove.

S'agavezene ‘a matine de notte;
'a pomerigge quanne èje
U timbe da’ mezzorette
pe cogghie quella luce
che sckitte tanne 'a puje truvà.

Chisà cume se sende mo stu pajese
ck tutte st'attenzione;
èje na cosa bone, e se capisce
e tutte ca cape pe l'arje
cum'a tanda 'ngandate.

Stateve accorte a quillu lavaròne.

G.R. 26/03/2015 ore 19.05

Il ritratto – Foggia non trova pace / Veliti, soldati per le strade / la stanno mettendo sotto i raggi / Ogni vicolo, ogni piazza / ogni angolo di strada / ora ha la foto / ed anche i balconi con tutti/ i panni stesi e con tutti le piante. // Chi ha espone / e chi non ha va in prestito / cose che abbiamo già visto / perché ognuno vuole cantare nel coro / di questa canzone nuova. // Si alzano al mattino presto; / il pomeriggio quando è / il tempo della mezzoretta / per cogliere quella luce / che solo allora puoi trovare // Chissà come si sente ora questo paese / con tutte queste attenzioni ; / è una cosa buona e si capisce / e tutti con la testa per aria / come tanti imbambolati. // State accorti a quella pozzanghera.

U Pertuse

U sollione s’è zucate
l’acque da’ jummare
che lenda lende mo
s’appapagne passe passe
e a taragnole cacchia cacchie
zumbanne da prete a prete
passe a l’ate quarte
e nen s’abbagne manghe i ciambe.

I uagliune ciacchièjene
ind’a l’acque stagnate
e i macciuanne pa’ suste
vulessere addevendà
pringepe a cavalle
cku scrijàte spesalate
pi secutà tanne tanne.

Vòle nu vinde cucente
e ‘na rennele tardive s’appoje
e se face purtà ‘ngarrozze;
po se mène de late
e acalanne a l’acque, vève

L’utema stizze de preiezze
da cocche pertuse se n‘è asciute
nu cucce rutte
che nenn’u puje chiù apparà.

Magge

Spusaje i cinghe de Magge
‘e cinghe da’ matìne
e cinghe ind’a sagrestije.
Ghije , ghisse
A mamma mije, a mamme de ghisse
e ziprevete che purtave presce.
Dòje papocchie, na bendezione
e ce truwamme già pa’ vije
che tanne tanne asceve u sole.
Senza frate nè sore, senza nu fiore.
Senza festacchie, né pastarelle e resolie
Abbetamme a case de ghisse
i prime timbe:
Filuccce a jurnate pi cambagne
E ghije ca panze annannze
A lavà i panne a donna Jolande.
Po se specciaje nu suttane
Sòpe a banghine de San Giuanne
E llà hamme state pe tand’anne
Fine a che sfullamme, a fine de Magge
Sott’e bumbardamente, o quarantatrè.
Quella matìne cia scanzamme
E u jurne appirze quanne
Appene appene ci’abbijamme
Attaccaje subbete a serene
e ci’ammucciamme a timbe a timbe
ind’a l’opere i Strazzulle,
(chè ce canuscemme, stemme llà tutt’i sere)
Ngrazzianne o Signore e a quella Madonne
Arrevamme a Ceregnole
E llà sime state
fine e quanne tutt’i bombe
che ci’avevene assegnate
i menarene sope a Fogge.
Pure i sfullate avirene a razione
Marije me murije pu sckiande
E che teneve, tre anne…
Che bellu mese era Magge
apprime de tanne
Po’ ce vulìje tanda timbe
P’ammerà n’ata vote
a ddore di rose, a Magge

Foggia,05/05/2012 Gianni Ruggiero

Maggio- Mi sposai il cinque di Maggio/ alle cinque di mattina/ e cinque nella sacrestia/ io, lui/ la mamma mia, la mamma di lui/ e il prete che andava di fretta// Due frasi, una benedizione/ e ci trovammo già in strada/ quando stava sorgendo il sole/ Senza fratelli né sorelle, senza un fiore/ Senza festino, né pastarelle e rosolio// Abitammo a casa di lui/ i primi tempi:/ Raffaele a giornata in campagna/ ed io col pancione/ lavavo i panni a donna Jolanda.// Poi si liberò un sottano/ alla banchina di San Giovanni/ e là siamo stati per tanti anni/ fin quando sfollammo, a fine Maggio/ sotto i bombardamenti del quarantatre.// Quella mattina la scampammo / e il giorno dopo quando/ appena appena ci avviammo/ attaccò subito la sirena/ e ci nascondemmo in tempo in tempo/ dentro l’opera degli Strazzulli/ (ci conoscevamo, stavamo là tutte le sere)// Ringraziando il Signore e la Madonna/ arrivammo a Cerignola/ e là siamo stati/ fino a quando tutte le bombe/ che ci avevano destinato/ le sganciarono su Foggia/ Anche gli sfollatti ebbero la loro razione/ Maria mi morì per lo spavento/ cosa poteva avere, tre anni….// Che bel mese era Maggio/ prima di allora/ poi ci volle tanto tempo/ per apprezzare ancora/ l’odore delle rose, a Maggio.

‘A Vìsite

Ind’a sta case
Se magne se vève
Se sòne chetarre e tamburre
E quanne i crijature
S’arrrecettene
Se fàce a more.
Se vìne na sere
Pruve a tuzzelà.
Ma se nen sìnde
I crijature fiatà
E vìde i mure
Tremmelà
Nen sunanne
Aspitte che apprime
Passe a tembeste.

Fg, 08/02/2012 Gianni Ruggiero

La visita - In questa casa / si mangia si beve / si suona chitarra e tamburo / e quando i bambini dormono / si fa l’amore// Se vieni una sera / prova a bussare / ma sen non senti / fiatare i bambini / e vedi tremare i muri / non suonare / aspetta che primi / passi la tempesta.

Ind’o viche*

A vrascere mìse fore
chenzume u prime caravone.
Derembette
‘a fundane sott’a l’arve
se guarde tutt’a scene
e quanne ‘a fiamme
lanna lanne
avasce ‘a lenghe
‘a nonne ‘a trase ind’a case
e s’appiazze
o cendre du’ vasce.
Assettate arrete ‘è lastre
spije e guarde
a tutt’a ggende che passe.
Tene u resarije ‘nzine
e sop’e spalle ‘na scialla nere
Ogne ttande se ‘ngande
e se perde u cunde
di Mestere
Accussì accummenze n’ata vote
e che adda fa
l’abbaste sòle
che passe ’a sere.

Nel Vicolo - Il braciere messo fuori / consuma il primo carbone / Dirimpetto / la fontana sotto l’albero / guarda tutta la scena / e quando la fiamma / lentamente / abbassa la lingua / la nonna lo porta in casa / e se lo piazza / al centro del basso./Seduta dietro i vetri /spia e guarda / tutta la gente che passa / Ha il rosario in grembo / e sulle spalle uno scialle nero / Ogni tanto si distrae / e perde il conto / dei Misteri / Così ricomincia da capo / e cosa deve fare / gli basta solo / che passi la sera.

* Vincitrice 2° posto Premio di poesia Immagini dal Borgo Croci - Parrocchia Sant’Anna Foggia, 17 luglio 2010

‘A ggende

A canuscirle megghie ‘a ggende
nen cunvene
E chiu te piace
e chiu videle mene
e chiu so’ belle
e chiu stacce lundane
che quanne po’ s’avote
‘a faccia vere
T’a pigghie troppe a forte
‘a ragge nen se frene.
Che tu quann’i canusce
i vide tanda belle
ma po’ chiu i guarde
e chiu vide i magagne;
e vide tutt’i sturce che fanne
e vide che so’ brutte ( e nen pareve)
e so’ pure scurze ( e chi u penzave)
e po’ so’ curte,
so’ chiu curte.
E fosse ninde quiste
Che po’ addevendene
zinghere e cattive
E se nenn’i capisce tanne tanne
Ammizze ‘e taccarate
Si’ sembe ‘u prime
E pure chi cumbagne
Che t’e cresciute anzime
Ammizze ‘a vije
‘a mane sope ‘o fuche
‘ngia mettenne
Che ormaje nen saje
Che vite vanne menanne
Pecche secure e certe
Nen so’ chiu ‘i stesse
che e canusciute a tand’anne
a tand’anne arrete.
Quanda meserie
E che ce stace
povera ggende
e povera a nuje
che sime cumm’e lore
pe chi ce guarde a fore.
Foggia, 19/02/2008