Crea sito

Antonio Scopece

 ESCAPE='HTML'

LA DIETA DI ROSETTA

monologo

Personaggio: Rosetta.

Oggi so jut do midch… sì, p’ famm scrive na dieta. Agghia  perde nu poco di pes. Agghia dimigrì! In quest utm ann so ingrasst. E p’ forz! Je da n’ann fatig inta na pasticcerie. E ch tanta cose beun s’capisce che un ‘ngrass.  Sapete...  nn’è p’ me che vogghie fa a diet. No, no. Ie vogghie dimagrì p’ l’amor mie, p’ Peppin. “Eh, l’amore mio!” Iss è meccanic, e ten l’officin proprio vicin a pasticcerie andò che fatig ie.  Eh!... A Peppin piaccen “le donne snelle”, chum dic’ ess. E proprie p’ fa piacere a Peppin mi so’ dett: “Rosè falla la dieta!… Ada perd solo qualche chil!… Nn’è po’ tant!… E così m’so decis a jé do midch, “anzi, dal dietista. Dietista!”  E ce so juta. Foss tutt’ qua u problem… A veset!… ie crdev che avesse durà cinq mnut, jiust u timp d darm n’occhieut e d scrive a diet. U midic invece… eeeh, ha cumnzeut na tiritera: s’è miss a parlà d tanta cose... e parlv e parlv e nn‘a fnev meuie. Parlv di problem da gente, “dei disturbi nervosi, del disagio…- cume ha dett? - ah sì, “e… e…esistenziale. Disagio esistenziale!” Beh, da quell che agghie potut capì, peur che a gente mangn malament e tropp pecché “vive male e così ingrassa”. Cusì ha ditt. Meh, lassm stà i discurs cumplcht. Insomm agghia fa a diet. Eccola qua: (Trae di tasca un foglio, l’apre, lo sventola e legge) “50 gr. di pasta, una insalatina, una fettina sottile di pane, un pezzetto di pollo, un frutto e niente dolci...” No! Ninte dolce, no! E cum agghia fa! Mhm… e va bbun facim u sacrific. E po’, u poll… Uh, che schif! A me u poll, quella carna sfatta, nn m’ piace, nn m’ piace. Mhm, e va bbune facim pur quist’at sacrific… (Guarda il foglio).
Però, però “essere snelle” cum dic Peppin è na bona cose: “Fa bene alla salute, per i vestiti nessun problema di taglia, e poi si piace di più al proprio amore”… Eh, a l’umn piaccien i femmn magr. Eh, sì! “Magro è Bello!” Basta vdè na sfileut d moda… Mhm, i indossatrici! “Oh sì, sono belle, sono alte, sono slanciate...” Però, però... mhm, p’ me quelle so tropp magre. Anz, sono secche. Sì, secch secch, quatt’oss ch nu poch de pell. P’ me quell so tutt…, ehm, cumm s’ dice… sì, sì: “sono tutte a…anoressiche. Stanno tutta la giornata a stecchetto, mangiano solo un’insalatina scondita”. Na nzalatell scundit. Cume fann, po’? Mah, vacci a capì! Però piacceun a l’umen… Nu mument! Nu mument! A l’umen pieuce guardà i femmn magre, tnerl o fianc per fars avvdè, ma po, into litt, vonn a sustanz. A sustanz! Je m’addummann se tanta umen “nel loro intimo, non desiderino avere due donne, una snella da portare in giro, e una in carne per il letto”. Mah!... Allor sta diet... (Guarda il foglio) Oh, sarà nu fastidie… psà tanta gramm d quest e poch gramm d quell. Uh, sarà tost! Tutti jurn! Tutt i jurn! Na penitenz! Qua  je tengh l’impression che s’ pot pigghià quella malatie…la… la... uh!... “la… la ss… schi…la schizofrenia.” L’hann dett in television. “Si ha quando la personalità si scinde in due”.  Mhm, magheur una grass e una magra… Oh!… Ma che pensier mi vennen in mente?… E avessa capità a me?… Oh!… Qual di doie sarei io, quella vera? A grassa o a magra?  E quell’ata? Chi sareie? Mamma mie, je qua non ci capisce chiù ninte, chiù ninte, chiù ninte... (Esce di corsa).