Crea sito

Luisa Bratti

 ESCAPE='HTML'

L'ÙCCHIJE D'U CÌLE

Camenànne pe Fògge,
'u favùgne m'ammànde i spalle
e m'accumbàgne
'ndà 'sta nòtta cucènde
mìnze 'o sùnne agetate
de tanda 'ggènde.

Sópe 'e strade e 'i stradunnèlle
me sènde venì 'ngùlle
e avvecenàrse tutt'ì stèlle
de 'stu cìle sèmbe apìrte
che nenn'apparténe
sckìtte 'e Sànde.

'U guàrde a vòcckapèrte,
'u salute, allònghe 'a mane,
me pare de tuccàrle che 'nu dìte
e accùmmènze a cundà a ùne a ùne
quìlli lùce, che pe mè, sò ùcchije
'nnammùrate de 'sta tèrre.

Foggia, lì 13.07.2015

GLI OCCHI DEL CIELO

Camminando per Foggia,
il vento caldo (favogno) mi ammanta le spalle
e mi accompagna
in questa notte cocente
in mezzo al sonno agitato
di tanta gente.

Nelle strade e nelle stradine
mi sento venire addosso
e avvicinarsi tutte le stelle
di questo cielo sempre terso
che non appartiene
solo ai Santi.

Lo guardo a bocca aperta,
lo saluto, allungo la mano,
mi sembra di toccarlo con un dito
e conto una ad una
quelle luci, che per me, sono occhi
innamorati di questa terra.

Foggia, lì 13.07.2015

'U CAPPELLÓNE

Cúm'e súldatíne
ch'i lóre baijunétte 'mmane
'i vécchije cappélle
se ne stànne in fíle indijane
pe guardà tútte e cínghe
'u Cáppellóne 'i Crúce
ca se svéglije stánghe
e se dúscéte 'mmízze 'o vérde,
'nzímme a 'u cànde d'i passàrìlle,
tra 'i nóte silenzióse
e 'i piccúle súne
de 'na città rumórose
che stace angóre durménne....
Foggia 07 giugno 2015

IL CAPPELLONE

Come soldatini
con le loro baionette in mano
le vecchie cappelle
se ne stanno in fila indiana
tutte e cinque alla guardia
del Capellone delle Croci
che si desta stanco
e si risveglia in mezzo al verde,
insieme al canto degli uccellini,
tra le note silenziose
e i piccoli suoni
di una cittå rumorosa
che sta ancora dormendo...
Foggia 07 giugno 2015

'U LARGHE RIGNANE

Vècchie casarelle
spòngene cume 'i funghe
tra 'i strade grigge
cunzumate da 'u timbe.

I mùre sbiancate
ammantènene tètti de tègule
e s'affàccene sope 'a rotonde,
pùnte fèrme de tanti juche,
ma i lùcchele dì criùcce
'nge stanne chiù da timbe,
hanne làssate nù vàcande
che maje chiù se inghiarrà.

Mizze a tànta solitudene
se sènde sckitte
nu' criature che chiagne
e nu' cane che abbaje
e, cìtte cìtte, in lontananze
'u stèsse cante
de nà vecchia funtane:
l'utema tèstimonianze
dù bèlle timbe ch'è state!

Foggia, 16.01.1990 L.B.

Largo Rignano

(ora Piazza Nuova - una vecchia via di Foggia)

Vecchie casupole
sporgono a funghi
tra le grige stradine
diroccate dal tempo.

Muri sbiaditi
sorreggono tetti di tegole
e si affacciano sulla rotonda,
mèta di tanti giochi,
ma la grida dei bimbi
son scomparse da anni,
hanno lasciato un vuoto
che mai più si colmera'.

Tra i tanti silenzi
si ode soltanto
un bimbo che piange
e un cane che abbaia
e, sommesso, in lontananza
il canto perenne
di una vecchia fontana:
ultima testimone
del bel tempo che fu!

Foggia, 16.01.1990 L.B

'U MANDULINE DE ZIJE NICOLE

Zije Nicole se ne stace
tutte 'u jurne annanze 'a pòrte
guarde a drìtte, guarde a mànghe
e de l'ate 'nze ne 'mborte.

Annanze e arrète se nazzecheje
sope a nà sègge scuscelate
e chissà 'u jurne che i cristiane
hanna dice: ue' eje sciulate!

Tène l'anne che 'nze còndene
nà varva iànche longa longhe
ì piace a vève, rire e pazzià
ma 'u vizie suje eje de sunà.

'A ggente atturne nù pote vedè
pecchè 'a veretà a dice candanne
ma tène nà voce 'ndunate e splèndende
che tutte 'i cristiane ù stanne po' a sènde.

Cà cape inde e i rècchie da fòre
se ferme de colpe tutte ù quartire
e s'addecrèjene che 'u tìmbe vòle
cù manduline de zije Nicole.

Foggia, 29.10.1990 L.B.

IL MANDOLINO DI ZIO NICOLA

Zio Nicola se ne sta
tutto il giorno davanti alla porta
guarda a destra, guarda a sinistra
e degli altri non se ne importa.

Avanti e dietro si dondola
su una sedia traballante
e chissà il giorno in cui le persone
diranno: ecco, è scivolato!

Ha tanti anni che non si contano
una barba bianca lunga, lunga
gli piace bere, ridere e scherzare
ma il suo vizio (hobbj) è quello di suonare.

La gente intorno a lui non lo sopporta
perché la verità la dice cantando
ma ha una voce così intonata e splendente
che alla fine poi tutti lo stanno a sentire.

Con la testa dentro le proprie case e le orecchie fuori
si ferma di colpo tutto il quartiere
e si ha piacere perche' il tempo sembra volare
con il mandolino di zio Nicola.

Foggia, 29.10.1990 L.B.

'A BANDÌRE

Eje nà settemane che chiòve...
e mò che cucìne ?
Stu timbe ha rutte l'òve
e già nervuse stìme!


L'arie s'è guàstate
chiòve jurne pe jurne,
'u friscke eje arrùate
e sòne già mizzejurne!

Se sènde a 'ddòre
dà terra 'bagnate,
'u cìle eje scùre
'u sole s'é 'mmucciate.

Nun vène vogghie de fa nìnde
apprisse a stu' brutte timbe,
però m'è tràsute nu' vulije
de lassà stà pucundrije.

Vulèsse fa 'na cosa spicce,
belle, 'bbone e nustrane....
sì, ma chessò? ... 'A bandìre:
maccàrune, rùcole e pàtane!

Foggia, 05.09.2014 L.B.

- Traduzione -

LA BANDIERA

È una settimana che piove...
e adesso cosa cucino?
Questo tempo ha rotto le scatole
e siamo già nervosi di buon mattino!

L'aria si è guastata
piove giorno per giorno,
è arrivato il freschetto
ed è suonato già mezzogiorno!

Si sente l'odore
della terra bagnata,
il cielo è scuro
il sole sembra essersi nascosto.

Non viene voglia di far niente
con questo brutto tempo,
però mi è venuto il desiderio
di lasciar stare questa noia.

Vorrei fare un pasto veloce,
bello, saporito e nostrano...
sì, ma che cosa? ... La "bandiera":
maccheroni, rucola e patate!

Foggia, 05.09.2014 L.B.

'A POESIJE

Ché eje 'a poesije?
Na' canzone, nu' ritornelle...
eje tutte 'a vita mije.
Te pigghie all'imbrovvise
staje 'bbune o malamende
te parte da' inde 'o core
e se ficche subbete 'mmende
po' esce chiane chiane
s'affacce 'nde' penzire,
na' forme a danne i mane
a' guarde e po' l'ammire
Esse parle sì' tu a ligge,
te racconde tanta cose,
te cunzole e a 'vvote affligge
ma eje sembe belle cume na' rose
A poesije, sì u vuje sapé,
eje a realtà che tine inde,
buscije nun dice, ecche pecche',
sì tu li vute i spalle esse se scorde de te.

LA POESIA
Che cos' è la poesia?
Una canzone, un ritornello...
è tutta la mia vita.
Ti prende all'improvviso
sia se stai bene sia se stai male
ti parte dal cuore
e arriva subito alla testa
poi esce fuori pian pianino
e si affaccia nei pensieri,
le mani le danno la vita
tu la guardi e poi l'ammiri.
Lei sembra parlarti se la leggi,
ti racconta tante cose,
a volte ti consola, a volte ti affligge
ma rimane sempre bella come una rosa.
La poesia se proprio vuoi saperlo,
è una realtà che vive già dentro di te,
bugie non ne dice, ecco perché,
se tu le volti le spalle anche lei si scorda di te.

Foggia, 23.10.1990 L. B.