Luisa Bratti

 ESCAPE='HTML'

'I TACCARÁTE

‘I buffettune ‘nda facce
se danne a chi se sfide,
duije scherzune arrète ‘e rècchije
ass'i se fèrmene ‘o cuzzètte,

‘nda l’ucchije nu papagnóne
ass'i è ditte ‘na buscije
e sop'e garze nu mafalóne
ass'i respunne ‘o padre tuje.

‘A smèrze t’avóte ‘a facce
‘a uaglijon'a ‘nnammuráte,
si nu sckaffe po’ t’assèste
a si è fatte ‘u scustumáte,

doije pàcche sope ‘e spalle
t’i regále nu cumbàgne,
o ‘ngape ‘na catòzze
ke ‘a viste po’ te càgne

‘Sti paróle so’ sonóre,
statte cèrte, fanne mále
e tanda vóte, esaggerànne,
po’ te mannene ‘o spedále…!

Si da sole ‘i sinde stráne
a cocckeune pròdene ‘i máne ma, si ‘nda l’arije vanne ‘nzìmme o ’i sinde arruà tutte de botte,

‘nde facenne ammandenè,
nen facènne maje ‘u sbreffóne,
si ‘nzò crude po’ so’ còtte,
tènene a ‘ddore ’u paglijatóne,

‘nge penzànne ckiù de tande,
è batte sckitte ‘a reteráte:
pugne, cavece e sckaffune
nuje ‘i chiamáme "taccaráte"…!!!

Luisa Bratti ~ FG 11.02.2016

~
Traduzione
~

LE BOTTE

I buffetti in faccia
si danno a chi si sfida,
due manrovesci dietro le orecchie
se si fermano dietro la nuca,

negli occhi un pugno
se tu dici una bugia
e sulle guance uno schiaffone
se rispondi a tuo padre.

La faccia te la fa girare al rovescio
la ragazza innamorata
se uno schiaffo poi ti assesta
se hai fatto lo scostumato,

due pacche sulle spalle
te le regala un amico
o in testa un pugno netto
che ti fa cambiare la vista.

Queste parole sono sonore,
stanne certo, fanno male
e molte volte, esagerando,
ti fanno finire all'ospedale…!

Se le senti strane quando son sole
a qualcuno gli prudono le mani ma, se nell’aria le senti arrivare insieme o tutte di botto,

non farti mantenere,
non fare mai lo sbruffone,
se non sono crude poi son cotte,
hanno il profumo del pagliatone

non pensarci più di tanto,
devi battere solo la ritirata:
pugni, calci e ceffoni
qui da noi si chiamano "taccarate" (botte) …!!!

Luisa Bratti ~ FG 11.02.2016

(... in tempi di pandemia...)

'U CÀNDE

Pe 'ttè nìnd'è cagnáte
passarìlle 'nda caggióle
ke frìscke
da lundáne
sópe ’o balcóne;
quìlle ke ’nze vède
nend’a tuccáte
nend’a ferìte
e 'u tìmbe pe 'ttè
eje sckìtte n'ata staggióne.

'Nda 'stu recìtte furzáte,
tra mìlle suletudene
ke se guàrdene 'mbàcce,
'u cànde tuije armonijùse
vóle libbere 'nda l'arije,
passe tra 'i sbarre de càstete
e tráse cum'e l'ossìggene
tra i mùre d'i cáse nostre
ke so' addevendáte tutt’anzìmme
uguále 'a tuije.

Pe 'ttè nìnd'è cagnáte
passarìlle suletarije
ke cànde cápetùste
'a sòlet’a canzóne,
pure 'u vècchije sunne tuije
de libbèrtà
rumarrà inalteráte,
ma 'u nustre no, nz'arrà
ckiù 'u stèsse, 'ndo frattìmbe,
se sarrà securamènde raffurzáte...!

Luisa Bratti ~ FG 19.04.2020

Traduzione

IL CANTO

Per te nulla è cambiato
uccellino in gabbia
che cinguetti
da lontano
sul balcone;
l'invisibile
non ti ha colpito
non ti ha ferito
e il tempo per te
è solo un'altra stagione.

In questa quiete forzata,
tra mille solitudini
che si guardano in faccia,
il tuo canto armonioso
vola libero nell'aria,
attraversa le sbarre della tua casa
ed entra come ossigeno
tra le mura delle nostre case
diventate all’improvviso
simili alla tua.

Per te nulla è cambiato
uccellino solitario
che cinguetti testardo
la solita canzone,
anche il tuo vecchio
sogno di libertà
rimarrà inalterato,
ma il nostro no, non resterà
più tale, nel frattempo,
si sarà di sicuro rafforzato...!

Luisa Bratti ~ FG 19.04.2020

JUCÀNNE C’A FUNDÁNE

Tenève cing’anne
quanne cadije
sope a quella fundáne
d’a chiazzetta copèrte
e cinghe pùnde mettije
‘ndo mìzze d’a máne
ke, c'u nu vètre pe ‘ndèrre,
s’ère po’ apèrte.
‘I lucckele...,’u sckànde...!
Quanda sànghe
aggh’ijettáte…
pe ‘na vèppeta frèscke
e ‘nu juche scurdáte
ma, c'u stèsse delóre,
turnarrije volendìre
a pazzijà che quell’àcque
ke mo' m’enghije sckìtte
i penzìre.

Luisa Bratti ~ FG 2.12.2015

(Traduzione)

GIOCANDO CON LA FONTANA

Avevo cinque anni
quando caddi
a ridosso di quella fontana
della Piazzetta Coperta (Mercato Arpi)
e cinque punti misi
in mezzo alla mano
che, con un vetro lì per terra,
si era ferita aprendosi.
Le urla…, lo spavento…!
Quanto sangue
ho perso...
per una bevuta d’acqua fresca
e per un gioco che non ho potuto più fare
ma, con lo stesso dolore,
tornerei volentieri
a giocare con quell’acqua
che adesso riempie solo
i miei pensieri.

Luisa Bratti ~ FG 2.12.2015

Fogge sott' a l'acque

E fáce frìdde... e nen 'nzìme cundènde,
e mo' chióve... e ce bagnáme, 
fáce càvede... e c'è sciusciáme...
Stìme sèmbe a lamendàrce....!
Però quand'eje 'bbèlle Fogge sott' a l'acque...!

SI ‘U PUTÈSSE FA'...

Si putèsse
appiccià ‘a luce
ogn'e ‘vvóte ke
a vije eje scure,
appicciarrije
‘i stelle
cum'e fiamme
arrengáte ‘nderre.

Si putèsse
asciugà ‘i lacreme
ke te scàvene
‘sta facce,
che lacreme de ggioije
inghiarrije ‘sti fusse
e, che ‘na resáte frescke,
te pettarrije ‘stu musse.

Si putèsse
luà ‘u delóre
ke ogn’e 'ttande
attanagghije ‘u córe,
‘u svacandarrije da tutt'i prète
p’alleggerì ‘stu pèse fòrte
e te darrije ‘u córe mije,
‘na resáte, ‘nu confòrte.

Si putèsse
allungà ‘a vite
ke se ferme
quann’esse vóle,
strazzarrije ‘u ‘llorge ‘o timbe
ca pe tutte se ne vóle,
me sendarrije ckiù fòrte
e... parlarrije c’a mòrte…!

Luisa Bratti

Traduzione

SE POTESSI FARLO

Se potessi
accendere la luce
ogni volta che
la via è scura,
accenderei
le stelle
come fiamme
allineate per terra.

Se potessi
asciugare le lacrime
che ti scavano
questo viso,
con lacrime di gioia
riempirei questi solchi
e, con una risata fresca,
ti dipingerei queste labbra.

Se potessi
togliere il dolore
che ogni tanto
attanaglia il cuore,
lo svuoterei di tutte le pietre
per alleggerire questo forte perso
e ti darei il mio cuore,
una risata, un conforto.

Se potessi
allungare la vita che si ferma
quando pare a lei,
strapperei l’orologio al tempo
che per tutti se ne vola,
mi sentirei più forte
e... parlerei con la morte…!

(Luisa Bratti)

A MADÒNNE D’I SÈTTE VÈLE 

Minze a ‘nu stagne
 tra fanghe, erbe e canne 
nu vóve T’ha guardáte 
e s’è subbete addunecckijáte. 

Duije pasture da lundáne 
‘i mane ‘ngápe s’hanne mìsse 
ma se so’ po’ avvicináte 
tenènne ‘u sguarde e l’ucchije fisse. 

Sope a ‘na tavule tutta de lègne 
t’hanne truáte, cume fosse nu sègne, 
che tre fiammèlle sope pusáte 
a sètte vèle, ‘ndo stive stipáte. 

I ragge d’u sole d’u mese d’Aùste 
parèvene ascì nd‘o quadre là ‘ndèrre 
e quella Madonne ch’i Sette Vèle 
Patróne eje rumaste po’ de ‘sta tèrre. 

Luisa Bratti  


LA MADONNA DEI SETTE VELI 

In mezzo ad uno stagno 
tra il fango, le erbe e i canneti 
un bue Ti ha guardata 
e si è subito inginocchiato. 

Due pastori da lontano 
si son messi le mani in testa (si sono meravigliati) 
ma poi si sono avvicinati 
tenendo lo sguardo e gli occhi fissi. 

Su di una tavola tutta di legno 
Ti hanno trovata, come se fosse un segno (divino), 
con tre fiammelle poggiate sopra 
a sette veli, nei quali eri custodita. 

I raggi del sole del mese di Agosto 
sembravano uscire dal quadro posto lì per terra 
e quella Madonna con i Sette Veli 
è rimasta poi la Patrona di questa terra (Foggia).

Luisa Bratti

L'ÙCCHIJE D'U CÌLE

Camenànne pe Fògge,
'u favùgne m'ammànde i spalle
e m'accumbàgne
'ndà 'sta nòtta cucènde
mìnze 'o sùnne agetate
de tanda 'ggènde.

Sópe 'e strade e 'i stradunnèlle
me sènde venì 'ngùlle
e avvecenàrse tutt'ì stèlle
de 'stu cìle sèmbe apìrte
che nenn'apparténe
sckìtte 'e Sànde.

'U guàrde a vòcckapèrte,
'u salute, allònghe 'a mane,
me pare de tuccàrle che 'nu dìte
e accùmmènze a cundà a ùne a ùne
quìlli lùce, che pe mè, sò ùcchije
'nnammùrate de 'sta tèrre.

Foggia, lì 13.07.2015

GLI OCCHI DEL CIELO

Camminando per Foggia,
il vento caldo (favogno) mi ammanta le spalle
e mi accompagna
in questa notte cocente
in mezzo al sonno agitato
di tanta gente.

Nelle strade e nelle stradine
mi sento venire addosso
e avvicinarsi tutte le stelle
di questo cielo sempre terso
che non appartiene
solo ai Santi.

Lo guardo a bocca aperta,
lo saluto, allungo la mano,
mi sembra di toccarlo con un dito
e conto una ad una
quelle luci, che per me, sono occhi
innamorati di questa terra.

Foggia, lì 13.07.2015

'U CAPPELLÓNE

Cúm'e súldatíne
ch'i lóre baijunétte 'mmane
'i vécchije cappélle
se ne stànne in fíle indijane
pe guardà tútte e cínghe
'u Cáppellóne 'i Crúce
ca se svéglije stánghe
e se dúscéte 'mmízze 'o vérde,
'nzímme a 'u cànde d'i passàrìlle,
tra 'i nóte silenzióse
e 'i piccúle súne
de 'na città rumórose
che stace angóre durménne....
Foggia 07 giugno 2015

IL CAPPELLONE

Come soldatini
con le loro baionette in mano
le vecchie cappelle
se ne stanno in fila indiana
tutte e cinque alla guardia
del Capellone delle Croci
che si desta stanco
e si risveglia in mezzo al verde,
insieme al canto degli uccellini,
tra le note silenziose
e i piccoli suoni
di una cittå rumorosa
che sta ancora dormendo...
Foggia 07 giugno 2015

'U LARGHE RIGNANE

Vècchie casarelle
spòngene cume 'i funghe
tra 'i strade grigge
cunzumate da 'u timbe.

I mùre sbiancate
ammantènene tètti de tègule
e s'affàccene sope 'a rotonde,
pùnte fèrme de tanti juche,
ma i lùcchele dì criùcce
'nge stanne chiù da timbe,
hanne làssate nù vàcande
che maje chiù se inghiarrà.

Mizze a tànta solitudene
se sènde sckitte
nu' criature che chiagne
e nu' cane che abbaje
e, cìtte cìtte, in lontananze
'u stèsse cante
de nà vecchia funtane:
l'utema tèstimonianze
dù bèlle timbe ch'è state!

Foggia, 16.01.1990 L.B.

Largo Rignano

(ora Piazza Nuova - una vecchia via di Foggia)

Vecchie casupole
sporgono a funghi
tra le grige stradine
diroccate dal tempo.

Muri sbiaditi
sorreggono tetti di tegole
e si affacciano sulla rotonda,
mèta di tanti giochi,
ma la grida dei bimbi
son scomparse da anni,
hanno lasciato un vuoto
che mai più si colmera'.

Tra i tanti silenzi
si ode soltanto
un bimbo che piange
e un cane che abbaia
e, sommesso, in lontananza
il canto perenne
di una vecchia fontana:
ultima testimone
del bel tempo che fu!

Foggia, 16.01.1990 L.B

'U MANDULINE DE ZIJE NICOLE

Zije Nicole se ne stace
tutte 'u jurne annanze 'a pòrte
guarde a drìtte, guarde a mànghe
e de l'ate 'nze ne 'mborte.

Annanze e arrète se nazzecheje
sope a nà sègge scuscelate
e chissà 'u jurne che i cristiane
hanna dice: ue' eje sciulate!

Tène l'anne che 'nze còndene
nà varva iànche longa longhe
ì piace a vève, rire e pazzià
ma 'u vizie suje eje de sunà.

'A ggente atturne nù pote vedè
pecchè 'a veretà a dice candanne
ma tène nà voce 'ndunate e splèndende
che tutte 'i cristiane ù stanne po' a sènde.

Cà cape inde e i rècchie da fòre
se ferme de colpe tutte ù quartire
e s'addecrèjene che 'u tìmbe vòle
cù manduline de zije Nicole.

Foggia, 29.10.1990 L.B.

IL MANDOLINO DI ZIO NICOLA

Zio Nicola se ne sta
tutto il giorno davanti alla porta
guarda a destra, guarda a sinistra
e degli altri non se ne importa.

Avanti e dietro si dondola
su una sedia traballante
e chissà il giorno in cui le persone
diranno: ecco, è scivolato!

Ha tanti anni che non si contano
una barba bianca lunga, lunga
gli piace bere, ridere e scherzare
ma il suo vizio (hobbj) è quello di suonare.

La gente intorno a lui non lo sopporta
perché la verità la dice cantando
ma ha una voce così intonata e splendente
che alla fine poi tutti lo stanno a sentire.

Con la testa dentro le proprie case e le orecchie fuori
si ferma di colpo tutto il quartiere
e si ha piacere perche' il tempo sembra volare
con il mandolino di zio Nicola.

Foggia, 29.10.1990 L.B.

'A BANDÌRE

Eje nà settemane che chiòve...
e mò che cucìne ?
Stu timbe ha rutte l'òve
e già nervuse stìme!


L'arie s'è guàstate
chiòve jurne pe jurne,
'u friscke eje arrùate
e sòne già mizzejurne!

Se sènde a 'ddòre
dà terra 'bagnate,
'u cìle eje scùre
'u sole s'é 'mmucciate.

Nun vène vogghie de fa nìnde
apprisse a stu' brutte timbe,
però m'è tràsute nu' vulije
de lassà stà pucundrije.

Vulèsse fa 'na cosa spicce,
belle, 'bbone e nustrane....
sì, ma chessò? ... 'A bandìre:
maccàrune, rùcole e pàtane!

Foggia, 05.09.2014 L.B.

- Traduzione -

LA BANDIERA

È una settimana che piove...
e adesso cosa cucino?
Questo tempo ha rotto le scatole
e siamo già nervosi di buon mattino!

L'aria si è guastata
piove giorno per giorno,
è arrivato il freschetto
ed è suonato già mezzogiorno!

Si sente l'odore
della terra bagnata,
il cielo è scuro
il sole sembra essersi nascosto.

Non viene voglia di far niente
con questo brutto tempo,
però mi è venuto il desiderio
di lasciar stare questa noia.

Vorrei fare un pasto veloce,
bello, saporito e nostrano...
sì, ma che cosa? ... La "bandiera":
maccheroni, rucola e patate!

Foggia, 05.09.2014 L.B.

'A POESIJE

Ché eje 'a poesije?
Na' canzone, nu' ritornelle...
eje tutte 'a vita mije.
Te pigghie all'imbrovvise
staje 'bbune o malamende
te parte da' inde 'o core
e se ficche subbete 'mmende
po' esce chiane chiane
s'affacce 'nde' penzire,
na' forme a danne i mane
a' guarde e po' l'ammire
Esse parle sì' tu a ligge,
te racconde tanta cose,
te cunzole e a 'vvote affligge
ma eje sembe belle cume na' rose
A poesije, sì u vuje sapé,
eje a realtà che tine inde,
buscije nun dice, ecche pecche',
sì tu li vute i spalle esse se scorde de te.

LA POESIA
Che cos' è la poesia?
Una canzone, un ritornello...
è tutta la mia vita.
Ti prende all'improvviso
sia se stai bene sia se stai male
ti parte dal cuore
e arriva subito alla testa
poi esce fuori pian pianino
e si affaccia nei pensieri,
le mani le danno la vita
tu la guardi e poi l'ammiri.
Lei sembra parlarti se la leggi,
ti racconta tante cose,
a volte ti consola, a volte ti affligge
ma rimane sempre bella come una rosa.
La poesia se proprio vuoi saperlo,
è una realtà che vive già dentro di te,
bugie non ne dice, ecco perché,
se tu le volti le spalle anche lei si scorda di te.

Foggia, 23.10.1990 L. B.