Crea sito

Gianni Occhiochiuso

Fujetenne criature (ai bambini di Gaza)

Fujetenne criature
se te firmee chiagne
a lacreme che cadespacca a prete
e s'accocchiene ciele e terre
e l'albere s'ammoccanesott'u vende forte
i nuvole striscene sop' i fiure
i cane se ne fujene
i varches'ammocchene sop'a l'acque
l'onne sfraganeje u purte.

Se te firme e chiagne
e cume si avisse menate na bombe
cumm'e quille cadute
sope i palazzedu paese tuje.

Fuje chiù forte criature
se te firme e chiagne
eje pecchè tann' arrubbete l'aria frescke da matine subbete
u penzire che ada venì dumane.

Scappa lontano bambino (ai bambini di Gaza)

Scappa lontano bambino
se ti fermi e ti cade una lacrima
la vedrai spaccare la pietra
e il cielo e la terra saranno una cosa sola
e gli alberi si piegheranno al vento forte
le nuvole lambiranno i fiori
i cani fuggiranno le barche impazziranno
le onde sbricioleranno il porto.

Corri più forte bambino
se ti fermi e ti cade una lacrima
sarà come sganciare una bomba
come quelle cadute sui tetti
della tua città della tua casa.

Se ti fermi e ti cade una lacrima
è perché hanno rubato l'aria del tuo mattino
l'attesa del nuovo giorno.

GO(2012) ©

U Favugne

Uuhh....fiuuuhh... sende sì
eje arruvate a tempeste
vide quill' 'mbrelle rutte
e' arruvate 'ncile
e 'ncile rumane:
se ferme, s'avasce e po' ' ngnane
ma 'ncile remane...
fiuuuhh...fiuuhh... guarde gua'
quante scazzamurrille c'abballene
mezza a via nova:
s'allargane e se strengene
da nu pizz'a late
tre, quatte, cinghe...no: so' nove!
Fiuuhh...fiuuhh... citte ci'
che agghie sentute sbatte a porta
u favugne eje trasute
fin'a sotte u litte...
citte ci' e tenemece strette strette,
(GO2009)

Il Favonio

Uuhh...fiuuuhh ... ascolta, ascolta
è arrivata la tempesta
vedi quell'ombrello rotto
è arrivato in cielo
e in cielo rimane:
si ferma, si abbassa e dopo risale
ma in cielo rimane
fiuuuhh...fiuuhh... guarda, guarda
quanti folletti che ballano
sullo stradone:
s'allargano e si stringono
da un angolo all'altro
tre, quattro, cinque...no: sono nove!
Fiuuhh...fiuuhh... zitta, zitta
ho sentito sbattere la porta
è entrato il Favonio
fin sotto al letto
stiamo zitti e teniamoci stretti stretti.
(GO2009)

U ventelatorjie

U cavete a controre
assemmegghjie a 'na neve vullente
accummogghje a terre spacchete,
arse e asciutte cum'è l'esche.
A caliggine s'arrambechejie sop'i mure
tremelanne tremelanne
fin'a sop'i titte di palazze.
Sott'e i pide se sfraganejie a gramigne
a ogni passe che mitte
e a ogni passe che live
na serpe se ne fuje.
Quest' eje a terre
du ventelatorie
ma quanne s'appresente u sole lione
tutte se ferme
tutte s'accujiete
e s'accorde cu dulore.

Folate di vento

Il caldo della controra
sembra una neve bollente
copre la terra spaccata, arsa
e asciutta come un'esca.
La caligine sale lungo i muri
tremolante tremolante
fino ai tetti dei palazzi.
Sotto i piedi si frantuma la gramigna
ed a ogni passo che levi
un serpe scappa via.
Questa è la terra del vento
ma quando c'è il solleone
tutto si ferma
tutto s'acquieta
e s'accorda col dolore
(GO2009)

Ch’eje ch’è viste?

Ch'eije ch'è viste arrete o mure?
Ch' eije quille rumore surde
cume na botte de tarramote?
L'è viste, le viste ufiore capesotte?
E u sole che more a levante, l'è
viste?
E u fume che torne 'nderre ...?
A mane che quann'ire criucce
te lasseve i segne 'mbacce,
eije sparite tutte 'nzimme?
S'anne aperte tutt' i caggiole di
cardille?
E u sapore du vinde l'è sendute?
E mò , che vide?
Me vide?
Parle, parle che te sende ...

Cosa hai visto?

Cosa hai visto dietro il muro?
Cos'è quel rumore sordo come
un terremoto?
L'hai visto ilfiore capovolto?
E il sole che muore a Levante,
l'hai visto?
E il fumo che torna in terra ...?
La mano che da bambino
ti lasciava isegni sul viso
è sparita all'improvviso?
Si sono aperte tutte le gabbie
dei cardellini?
E il sapore del vento, l'hai sentito?
E adesso cosa vedi?
Mi vedi?
Parla, parla ti sento.