Crea sito

Giuseppe Marchesani Villani

Giuseppe Marchesani Villani (Foggia 1818-1897), bibliotecario della Comunale di Foggia, è autore della traduzione in dialetto foggiano de La dama di Guascogna ed il Re di Cipri (Novella 1, IX del Decamerone di Giovanni Boccaccio), pubblicata da Giovanni Papanti ne “I parlari italiani in Certaldo alla festa del V Centenario di Messer Giovanni Boccacci” (Livorno, Vigo, 1875), e ripubblicata, con qualche piccola variazione, da Carlo Villani in “Scrittori ed artisti pugliesi, antichi, moderni e contemporanei” (Trani, 1904). G. M. Villani in una nota in calce alla sua versione in dialetto foggiano della Novella del Boccaccio scrive: “La traduzione è fedele, senonchè il tipo caratteristico di questo vernacolo consiste piú ancora nella pronunzia molto aperta, che solo a voce potrebbe ritrarsi. E però si noti, che l'e nel mezzo delle parole e quasi tutte le vocali finali, distinte nella stampa con due punti (ä, ë, ï, ö, ü) sono mute, servendo di mero appoggio alla pronunzia.” A questo proposito riportiamo alcuni esempi: fattö: fatto; vëndettä: vendetta; perdijë: perse. Alcune volte, però, le vocali mute non finali di parola non vengono trascritte (addventajë: diventò; crona: corona) oppure presentano una vocale non accentata (tenevä: aveva; succidijë: successe). Le vocali toniche, a parte quelle tronche, non sono accentate. La i semiconsonante viene resa con la i lunga / j / (vincijë: conquistò; vajë: vai; arrëvajë: arrivò).

La dama di Guascogna ed il Re di Cipri
(Novella 1, IX del Decamerone di Giovanni Boccaccio. Versione in dialetto foggiano di Giuseppe Marchesani Villani del 1874.

T’agghiö accuntà nu fattö: A lu tiempö de lu primö Rre dë Ciprö, doppö cä Guffredö lu Bugghionë vincijë la Terra Santä, succidijë cä na signorä dë la Guascognä ijë cu li pëllëgrinï a Gërusalemmë, e quannö turnajë e arrëvajë a Ciprö, certë malazzionantë së l'arrunzarënö a la vastasegnä. La povërä schianätä nun potëvä truvà pacë pë lu dulorë cä sentevä, pigghiajë la viä e pensajë dë rëcorrë a lu Rre; ma truvannësë a parlä cü unö, quístö lë dicijë: « Tu chë vajë facennö, cï pierdë lu tiempö, pëcchè quillu là è accussì dlasciatö e minchiarinö, cä nun sulamentë nun facë justiziä a l'angiuriä dë l'autë, ma së surchiä quillë cä le fannö a issö stessö; cä së unö lu pisciä 'ncapö, mancö së në ncarïcä: sï trattä cä së unö tenë na sustä cu quaccunö, së la scontä cü n'angiuriä cä lë facë. » La signorä, a sëntì quësto, perdijë tuttä la spëranzä dë vëndëcarsë, e pë truvà nu sulliëvö dë lu rammarëco cä tenevä, pigghiajë la viä e penzajë dë pungëcà quillü minchiarinö dë lu Rre; e tuttä chiagnennö ijë da issö, e dicijë: « Signorë miö, io vengö da te, no pë cërcà vëndettä dë l'angiuriä cä ànnö fattö a me, ma pë na suddësfazionë vogghiö cä m’ammiëzzï cumë fajë tu a suffrì l'ingiurië cä tuttï të fannö; accussì ö më l'amparö e suffrarraggio cü pacienzä l'angiuriä cä m'ànnö fattä; cä Diö lu sapë, s’iö lu putarriä fa, cü tuttö lu corë të la rialarriä, pecchè tu saië accussì bellö suffrì. » Lu Rre, cä avevä durmutö fin'a tannö, cumë së sï fossë dëscitatö, primä accummenzä a fa pagà carä l'angiuriä dë sta signorä, e pò addventajë cumë nu Rodë cü tuttë quantë, nun zia majë Diö, quaccunö malapenä tazzëcavä l’unorë dë la crona. »

Villani Marchesani Giuseppe, La dama di Guascogna ed il Re di Cipri (Novella 1, IX del De-camerone di G. Boccaccio), versione in dialetto foggiano (1874), in G. Papanti “I parlari ita-lianii”, Livorno, Vigo, 1875.