Crea sito

Pino Boccuzzi

U scazzamurille
(A cuscienze)

Commedia in 2 atti – Foggia 1990

dal I atto

SAVINO - I giuvene de mo’ … nen canoscene chessò i sacreficie ….. tenene a frette arrete o cuzzette, sono impazienti … vonne i cose subbete … appene escene da scole … TAC … vonne u poste subbete fanne i confronde …. cumeje … quille pigghie 5 miliune o mese e ije ninte? .. nen tenghe u deritte de campà pure ije? …
ORNELLA – Scusami Papà … io non sono …
SAVINO – No. No ….. a vuje nen ve piace a fa a gavette i sacreficie nen sapite neanche che sò … a Cime da Muntagne …. se raggiunge .. chiane chiane .. nu gradine a vote! Nò a quatte e cinque come vulite fà’ vuje …… accussì ve rumbite u messe e baste ….
ORNELLA – Papà .. non credi che questo tuo modo di vedere i giovani sia superato? … questa tua tesi non è credibile? … oggi cosa fa lo Stato per i giovani? … Le Università sfornano migliaia di laureati …. e nessuno o soltanto pochi trovano una giusta occupazione … gli altri invece dopo anni di studi ….. devono sperare …. che qualche Politico compiacente durante qualche sua campagna elettorale lo sistemi …. Come puoi considerare …. Impazienti i tuoi figli? … siamo laureati da 4 anni …. abbiamo fatto concorsi … solo …. Concorsi .. e .. siamo in attesa … di cosa? di niente.
SAVINO – Scuse … me sò lamendate che stite sope e spalle mije? V’hagghie ditte maje qualche cose che stite senza poste?