Crea sito

Gino Marmorino

Traduzioni

Vogghije ...

Vogghije luce, vogghije sòle, vogghije sènde u' profume d'u màre.
Vogghije pràte d'erva frèscke da calpesta'.
Vogghije guarda' i fiùre.
'Me vogghje 'ncanta' quardanne tramonte culuràte.
Vogghije respera' aria pulite.
Vogghije sènte 'a vite scorre inde 'e vène e canta' canzùne allègre.
Nen vogghije vive 'nda'  'na prigione doràte, ma vogghije sènde 'u timpe che scorre vèloce e no sòle 'a speranze de 'nu bèl sunne chè nen s'avère mùije ... 

trad. di Gino M. 02/2021 da "Voglio" di Dora Ivana Longo

Voglio luce, voglio sole, voglio sentire il profumo del mare.
Voglio freschi prati da calpestare.
Voglio fiori da ammirare.
Voglio colori e tramonti per farmi incantare.
Voglio aria pulita da respirare.
Voglio sentire la vita pulsare e canzoni allegre da cantare.
Oggi la mia vita è una prigione dorata da cui vorrei scappare.
Ma sento che il tempo passa veloce e non mi lascia che la speranza fatta di sogni belli da poter sognare...

Dora Ivana Longo

SAN MARTINO

San Martine 
'A negghje da sòpe 'i culline chiù avete
assemègghe 'n'acque dènze cum'o sàle
e c'u vinde forte
se sènde 'u rumòre de l'onne janche d'u màre ,

ma p'i vije d'u paisotte
'ndè tine chè vollene
se spanne 'naddòre de vine
e l'anema s'addecrèje .

Aggire sòp'i tizzùne cucènte
'nu spide sckuppettanne :
e d'annanze 'a porte
'u cacciatòre guarde e fresckettèje ,

vèrse quèll'i nuvòle rusciastre,
'i stùrme d'aucille nère ,
cum'i pinzire
chè vulèsse alluntanà.

da San Martino di Giosuè Carducci
trad. Gino Marmorino

 

' U SABETE DU VELLAGE

- 'Na guagliuncèlle vène da campagne,
'a calàte du sole , cùn' nù fasce d'èrve;
e màne porte 'nu mazzitille de rose e viòle,
pecchè , soletamènte , 'a dumènche
'i pijàce addubbarse 'u pitte e 'i capille.
- 'Na vicchiarèlle assettàte sòpe 'i scaline,
aspettanne chè fenèsce 'u jurne,
cusènne e chiacchjeranne du bèlle timpe suje,
quanne 'u jurne de fèste pure èsse s'apparecchijeve,
quanne ancòre sàne e arzille 'a sère abballàve
chi cumpagne de quèlla chè èje 'a chiù bèlle èta .
- Ma già l'arije s'è scurite , torne l'azzure e 'a pàce,
l'ombre da muntagne e da sòpe 'i titte
già se vède 'u biancòre da lùne
- 'A svèglie t'avvise chè 'a fèste stàce arruanne,
'a quille sune 'u còre se rallègre.
- 'Na rocchje de crijucce lucchelèjene mizze 'a stràde,
vanne zumbanne da quà e da là,
fanne 'nu remòre chè t'èngghje 'u còre;
mèntre s'aretire 'a càsa suje frisckanne.. frisckanne
'u zappatòre, 'ncàpa a isse pènze già 'o jurne de ripose .
- Po' quanne pure l'utema luce s'è stutàte e tutte stanne citte , allòre sinde 'nu martille chè batte , sinde 'a sèghe du falignàme che 'nda putèga suje , tène 'na lucennèlle appicciàte , s'affrètte a fenèsce 'u lavurètte prime da matine .
- Quiste di sètte jurne è 'u chiù bèlle,
chiène de speranze e de gioje,
dumàne tristèzze e noije sò già arruàte
e ognune pènze già 'o lavore chè l'aspètte.
- Wagliòne sind'a mè quèst'ètà è cum'è 'nu jurne de prijezze , lècete, sèrène, chè anticepe 'a fèsta tuje .
- Gudatille mo' , che si giovene, stu mumènde felèce,
quèste è ha stagiòne bèlle .
- Nind'ate tènghe da dirte,
ma 'a fèsta tuje pe quanne tarde arrive
nen te sije troppe pesante.

trad; @Gino Marmorino .
da IL SABATO DEL VILLAGGIO di Giacomo Leopardi

'NU CHIANDE ANDICHE !

Quèll'albere chè tu allungàve
'a manuzzèlle
'u vèrde mèlogràne
cki fiùre ruscigne,

stàce citte citte
inde a l'urte sùle sùle,
è speghàte proprije mò
e giugne 'u enghe

de luce e calòre.
Tu, fiore da ghianda mije
suffèrte e 'narredite
tu de 'na vita 'nutele

stàje 'nda tèrra frèdde
stàje 'nda tèrra nère
'u sòle nen te porte chiù gioje
nè te svèglie 'n'amore .

--------------------------

traduzione in dialetto della poesia

PIANTO ANTICO di Giosuè Carducci.

--------------------------

L'albero a cui tendevi
la pargoletta mano,
il verde melograno
da' bei vermigli fior,

nel muto orto solingo
rinverdì tutto or ora,
e giugno lo ristora
di luce e di calor.

Tu fior de la mia pianta
percossa e inaridita,
tu de l'inutil vita
estremo unico fior,

sei ne la terra fredda,
sei ne la terra negra
né il sol più ti rallegra
né ti risveglia amor.

Proverbi e detti foggiani

<' A razze de Colaròse : dùdece fràte , tridece fèsse >.

<' A corte p'u marìte , 'a longhe pe 'ccogghje ì ficke >.

< Marije cundrariose : quanne chjòve mètte l'acque 'e galline >.

<' A gatte se làve 'a facce : hadda chjòve >.

<  ' U gallenàre >

< fèmmene e tèle nen se vèdene a luce d'i cannèle >
( donne e tele non si guardano alla luce di una candela )

< Isce inde >

< 'U fatte è proprije ruère >

< Chi tène 'i solde; 'i solde vanne 'ngalère> !

<A Madonne t'accumpagne >

< Mènghe 'a prète o calcagne e 'i esce 'u sanghe d'o nàse >

< 'U pàne Sand'Andonije >

< 'U fatte è proprije ruère >

< mercande e pùrke se pèsene dope mùrte >
( MERCANTI E PORCI SI PESANO DOPO MORTI )
(un detto contenente molta cattiveria, può essere riferito a persona oppure a una specifica categoria).

< l'ùteme pizze ha da esse 'a rècchje >
( L'UTIMO PEZZO DOVRA' ESSERE L'ORECCHIO )
( frase minacciosa con la promessa di colpire qualcuno, elencando,addirittura, le parti del corpo preferite o scelte).

< pur'a reggine àve abbesùgne d'a vecine >
( ANCHE LA REGINA HA BISOGNO DELLA VICINA )

IL " CIUCCIO " NELLA TRADIZIONE POPOLARE FOGGIANA.

** 'A lava 'a càpe 'o ciucce se perde timpe, acque e sapòne.
** Attacche 'u ciucce addò vòle 'u patrùne.
** 'U ciucce porte 'a pagghje e 'u cuicce s'ha magne.
** Tène 'i vizije cum'o mule ciuccigne.
** ' I ciucce fann'allite e 'i varrile se sfascene.
** O more 'u ciucce o more 'u patrùne.

Scenette

“ Franciscke “ ; < ‘u chianghire >

E’ quasi ora di chiusura quando nel locale  di “ Franciscke”, noto macellaio nella zona storica della città entrano due donne, intente a parlottare fra loro, attardandosi a ordinare.  Al che “ Franciscke”, interrompendo il dialogo, chiede con modi sbigativi: < chè vùlète ? >.  Una delle due signore smette un attimo di chiacchierare e risponde: < vedo poca roba esposta sul bancone cosa hai ancora ? > “ Franciscke “, di rimando e infastidito risponde: < sòle ‘a lènghe è rumaste >.

da Facebook 02/11/2020

Franciscke " ; tifoso in trasferta !
.............................. 
" Franciscke " e tre amici tifosissimi del Foggia tornano da una trasferta al nord.
Nello scompartimento del treno viaggiano con loro 2 ragazze e subito dopo la partenza da Milano si intavolano i soliti discorsi.
Entrambe, pur non conoscendosi, devono scendere a Bologna.
Una, francese di padre va a trovare la mamma, l'altra il fidanzato e che per motivi di lavoro e lontananza possono incontrarsi una o due volte al mese.
Iniziano le battutine, " Franciscke: < stasère ti vide ! ... dopo tanta timpe mamme cume hadda cumbena' ! ... a sicce 'mbuttite !.... > ecc., tutto in dialetto foggiano.
Gli amici gli fanno osservare che le ragazze possono capire e offendersi. "Franciscke": < Une eje francèse, l'ate milanèse chè vonne capì >
Intanto si arriva Bologna la francesina sempre sorridente saluta e l'altra dice che è stata piacevole la loro compagnia, poi, fa due passi nel corridoio e torna indietro: < Scusate ci siamo messi a parlare e mi sono dimenticata di dire che " mamma eje de Manfredonije " .
I 4 senza parole.
* nomi e stazioni inventate ma il fatto è vero.

da Facebook 29/09/2020

 

" FRANCISCKE "; 'U muratòre !

" Maste Franciske " con il suo titolare dell'impresa edile si recano in un appartamento incaricati per lavori di ristrutturazione allo stesso.
IL colloquio avviene principalmente fra il titolare e la proprietaria dell'appartamento.
Ma ad un certo momento interviene " Franciscke " , che parla solo il nostro dialetto: < Signò, ma 'a topolature di chè colòre hamma fa ? >
Risponde: < vuol dire la zoccolatura? >
... di rimando " Franciscke " : < Signò, avète ditte vuje , ije hagghje ditte topolature ... tènghe 'i testemonije >

* Nomi inventati ma il fatto è successo

da Facebook 19/09/2020

" Franciscke " allo stadio. !

Stadio Pino Zaccheria, anni '70, curva nord.
Fra le  persone che si ritrovavano sempre allo stesso posto c'era anche 
"Franciscke " , forse , il più anziano del gruppo e sempre prodigo di consigli calcistici a noi più giovani.
< quanne scatte l'àla dèste ce hanna da'  'u pallòne ... > 
< 'u cèntravante nen adda penza'  'a nisciùne, quanne tène 'u pallàne adda' tira' in porte > .... ci spiegava.
Un anno il Foggia aveva un centravanti molto prestante fisicamente, "  'nu carrarmàte " , praticamente, Renato Mola.
Corner a favore del Foggia e Mola, smarcandosi, ne scaraventa 2 a terra.
Qui la chicca " tecnica " de " Franciscke " ; < Cumba', dice , sara' che Mòle nen tène 'u scatte,  nè 'a vèlocita' ma tène 'nu sbalanze chè 'na bellèzze > .!
* " Franciscke "è un nome di fantasia ma il fatto è vero, testimone lo scrivente .
da Facebook - 06/09/2020

" FRANCISCKE e ROMèJE "

Francesco e l'amico, di vecchia data, Romeo passeggiano in centro.
< Buono giorno, papà, > educatammente saluta Mario, il figlio adelescente di Romeo.
" Franciscke " a Romeo; < Chi è stù bèlle uagliòne >, che gli risponde < è figghijeme Marietille, sapisse quande è bràve >.
Francesco, perplesso, fra se pensa; < Possibele màje, 'u padre nen sàpe mètte manche 'a firme e 'u figghje è bràve ? >.
... e con gioia gli riferisce; < Romè, me fàce piacère che figghete è bràve a scòle >.
Di rimando; < ma quala scòle e capite tu ? ... Mariettille è bràve a magnà >

" GIUANNE e FRANCISCHE "...... duje amice « fedàte »

« FRANCI' tu chè fàje 'u fèrrovire e vàje spisse a Napule , mè 'cattà 'na chitarèlle 'o uagliòne , chè là costene pocke ? ».
« Chè problème GIUA' , a prossema vòte chè vàche a Napule t'accatte ».
Dopo 'nu pocke 
« FRANCI', si jute pò a Napule ? ».
« Si GIUA' , ma sò arruàte tarde e stève achiuse»
'Na settemàna dope 
« FRANCI', allore ?».
«GIUA', erene fenete , l'ha urdenàte »
« Allore facime accussì FRANCI'  quiste sò dice mila lire, quanne vàje 'n'ata vòte a Napule pigghjàme a chitarèlle ».
Duje jurne dope 
«GIUA' , t'agghje purtàte a chitarelle »

Traduz.

GIOVANNI e FRANCESCO ..... due amici « fidati »

«FRANCESCO tu che fai il ferroviere e vai spesso a Napoli , mi compri una chitarrina per il bambino , che li costano poco ? ».
«Nessun problema GIOVANNI , la prossima volta che vado a Napoli la compro»
Dopo un pò 
«FRANCESCO sei andato a Napoli ? ».
« Si GIOVANNI, ma sono arrivato tardi ed era chiuso »
Una settimana dopo 
« FRANCESCO, allora ? ».
«GIOVANNI erano finite, le ha ordinate ».
«Facciamo cosi FRANCESCO  queste sono dieci mila lire, quando ti trovi a Napoli mi prendi la chitarrina ».
Due giorni dopo 
«GIOVANNI ti ho portato la chitarrina».

GMarmorino 13/05/2020

" Franciscke e i stagnarille " !

" Franciscke ", nullafacente di professione, dalla sua abitazione al pianterreno, dice al figlio < Ligge, chiù ligge mègghije eje pe tè >.
I vicini meravigliati e anche compiaciuti fra loro commentavano:
< Sara' che Franciscke è 'nu sfatigàte e 'mbriacòne pèrò ce tène a fa' studia' 'u figghije >
Ma un giorno "Franciscke " esasperato dopo una abbondante dose di schiaffoni al figlio lo rimprovera aspramente < T'hagghie ditte, ligge se no fanne remore i stagnarelli 'nda giacchètte e t'accidene de taccaràte >
In pratica tentava di insegnare al figlio i trucchi del suo mestirte ... " 'U marijulle " !!!

GMarmorino 22 agosto 2020