Crea sito

Ester Loiodice

 ESCAPE='HTML'

‘U CICENE FOGGIANÉ A ROMÉ

‘Nu juorné, nun sapevé
che ghera sûccijessé,
ind’a la scola mijé.
Tutté quanté stêvené,
k’u mussé appîsé:
guardavené, e dicevenè:
~ Oh, bello! È molto carino!
~ È elegante! bene slanciato!
~ Dove l’hai, tu, trovato?
~ Da chi l’hai, tu, comprato?

Ije, mò, mé crêdeve
ca gheré chisà che cosa nové!
M’accoste chijane chijané,
pe’ vedè; e, andûvine,
chi te vede, là,
e te trové, cum’e nu rè ?
‘Nu cìcené d’a Terra mije!
Steve, cum’e’nu signore,
là, sope a’na scrivanijé.

~ Ueh! ueh! subbeté, dicijé.
D’andò è sciute, quistu quà?
Cum’eijé arrúaté, ‘nzin’e qua? ~
Me guardavené, ‘nzàlanuté,
tutté quanté, quilli là;
e aprêvené l’uocchije
cumé si avesseré sénduté
chisà, che cosa stravaganté!

~  Come hai, tu, detto? ~
me dicevené a me.
~ Come si chiama, quest’oggetto? ~
m’addûmannavené, a me.
~ Cicce.. ? ciccin… ? ci.. ci.. ciih… !

~  Che ciccio e ciucce e ci. ci.. ci.. !
Qua, nun cé stànné avêcijellé:  
né fafé, cicere e sâlatijellé !

Quiste, sé chiame: “Cìcene”
a lu paijese mije;
e serve pe’ tenè ‘nfriscké
l’acqua, inda la statijé.
- Ah! Siih! dici davvero? ~ 
Allora comprarlo possiam noi.
davvero? davvero?

~  E come, no ?! Chi vé mântené?
E, si vuijé nun me credîté 
Ve lu fâzzé pruvà, ije ~ 
E quilli là, chijù ‘ngàndate
de prime guardavené
quillu bellé cicîanetté mije,
k’ tanté d’uocchijè apijerté:
e li giravené attuorné.
Ma ije, cûndenta cundenté,
me facevé,
nu sacck’ e mmijezzé dé risaté:
e li guardavé !

Po’, pe’ passà
da lu ditté a lu fatté,
li dicijé: ~  Ècckete,
mettìte qua, l’acqua;
e lassàtela sta. ~

Cum’e ‘na papera, l’acqua
faceve: “Quà! Quà! Quà!...
passànne, ind’a lu cìcené.

Dopo ‘nu belle pocke.
ka ‘u cìcene s’era staté,
vrègûgnuse e spâijesaté
(cum’e ‘nu guâglijuncijlle,
ka l’addôre angôre ‘a voccké
dé latte) ‘mmijezzé a registre,
penne, lâps’ e calamaré,
fìjure, carté e stróppelé,
‘ngândate e cìtté cìtté,
senza fijatà, e s’era dìtté.
‘ndrà isse: ~ Pe’ ghèsse
apprêzzaté, s’add’ascì’ fore,
da ‘ndò se gheija naté. ~ 
éccketé ‘i bûcchijeré pronté.

~  A me! A me! Anch’io,
provar desìo,
e l’acqua il refrigerio. ~ 
~  Teh ! Teh ! vide cume scênné,
a cânnellìne,
l’acqua, ìnd’a lu cìcené
Vîditela, vîditela ! Scênne
a vìscelicchije,
frescka Irescka e lucenné !
Eija pròbté ‘na bellezza
e ‘na prêijezza,
sott’a la spèra d’u solè l
Oh, che frisckezza !
Oh, ‘che bellezza!
eija pròbté belle! belle!

~   Ah, ma è fresca, davvero!
~   Gustosa, deliziosa, davvero! ~ 
mé décevene a me tutt’ quillé:
e ije, a un’a une li spijavé
tutté li mossé loré e dicèvé:
~  Avite viste mò ? Ve site pêrsuasé ?
Ghéije o no, frêscké, e rùsecarellè
l’acqua, ind’a’u cìcianijelle
fuggianijelle ?
E cume tìtecheije,
‘nqànne, e frìzzecheìje !
Te sijende ‘n’àte e tànté,
e t’esce, da l’àneme:
~  Addèfrescke pure l’àneme
de lu Prìjatorìje ! ~ 
Te sìjendé de turnà a nascé:
te sijendé n’àta cose!
E chijù la tire, e chijù esse
scênne a gàrgarijelle,
e te schijarisce,
e te cûnzòle. ~

‘Na bella sckàttijata dé mané
salutaije, tànne, ‘u cìcene
fûggiane.
Mò, ghisse sé né stâce,
sule e ‘n pace,
ritte e súlenne
e dêsegnate, ind’ a’ quella
scola rumane !

VENERDÌ SANDÉ
(a Foggia)
VITTORIO BONACCI EDITORE – ROMA (1956)

NOTA GENERALE
La processione del Venerdì Santo è la più austera, drammatica e commovente di quante la tradizione celebra a Foggia.
Essa è la risultante delle sotto-processioni: della Madonna Addolorata d e sott'a l'arché (di sotto l'arco) e del Cristo Morto; la prima, muove dalla Chiesa omonima sita al Largo Addolorata, al quale si accede, passando attraverso un arco; la seconda, esce dalla storica cripta della Cattedrale, denominata Soccorpo.
La fusione delle due processioni, ovvero lo incontro della Madre Addolorata, in cerca del Figlio, e del Cristo Morto, avviene davanti al Soccorpo, alla presenza di una folla strabocchevole e commossa, che, nel passato, vestiva le gramaglie.
Per la pesantezza della bellissima urna, in cristallo e oro, ov’è deposto il Cristo Morto, la processione, intramezzata dai Misteri, segue il breve itinerario: Largo Cattedrale, Via dei Barbieri, Corso Garibaldi, Via Federico II, Via Arpi e Largo Cattedrale.
L'urna è portata a spalla, sopra una impalcatura di travi, da 16 a 18 persone, spesso devote, munite, ciascuna, da un robusto bastone biforcato all'estremità superiore, per adagiarvi i corrispondenti assi di legno, nelle frequenti soste.
Essa è preceduta e seguita dalle confraternite: dell'Addolorata, in veste blu, con croce bianca sul petto e cappuccio ripiegato sul capo, e del Santissimo Sacramento, in veste bianca, mantellina rossa, attraversata da una fascia bianca, su cui spicca il Santissimo, ricamato in oro, e cappuccio bianco. Nè mancano le fedeli, in velo nero, cantanti e recitanti strofette e devozioni, dietro la Madonna; e i devoti, dietro il Cristo.
Un tempo, i lumi, i fanali, le case e le strade, per le quali passava la processione, resa più commovente dalle meste note della banda, seguente l'urna, portavano i segni del lutto profondo.
Il momento della separazione della Madre e del Figlio raggiunge una tragicità straordinaria.
Per tre volte, la Madonna e il Figlio si avvicinano e si staccano, sotto l'impeto del dolore, mentre dalla folla esasperata dal dramma, salgono, pianti, grida, preghiere, promesse, invocazioni di perdono.
Dopo questa sacra rappresentazione, la Madonna torna alla sua casa e l'urna del Cristo scende nel Soccorpo, scivolando su guide di legno spalmate di sego, poste sui ripidi scalini.
Marije d’Adduluraté,
Tu, ca ‘i déluré (1) forté
canusce, (2) dé Cristé,
e, de tutté, accuogghijé (3)
‘i déluré e i strazije,
accuogghije
li trafitté, (4)
fitté fitté, (4)
dé ‘stu coré
mijé, rutté.
Setté spaté, (5) ved’ijé
appundate
sop’a lu pijetté tuijé;
sette fundane, vullenté (6)
de sanghé, (7) ved’spundaté
ind’a lu coré tuijé.
Quant’assemmegghijé (8)
a lu strazijé tuijé,
‘u strazijé dé ‘stu mije
coré, squartaté (9)
e sfraganaté! (10)
Quella faccella tuije,
pare de cera janghé; (11)
doijé lanzé (12) affelaté,
Madonné Adduluraté
de sott’a’ l’arché, (13)
sondé (14) l’uocchijé stanghé,
tuijé.
E tast, (15) tristé,
Madonné Adduluraté,
sond’quilli dité,
affenaté, sop’a lu vestité
dé velluté.
Tu vaijé, p’a vijé,
velaté,
afflitté,
scunzulaté,
chiagnenné,
senza lagreme;
tutté cumbijatenné (16)
l’angoscé e ‘u chijanté
dé tutté quanté.
Tu, sind’a (17) désulaté.
Mo, té l’accumbagné, (18)
Tu, ‘u Figghijé tuijé,
a chijane a chijane, (19)
dop’j tre ore d’angunijé (20)
e ‘nzin’a (21) a la spartenzé!...
E Issé, (22) ‘nzanguenaté,
de spine ‘ngurunaté,
marturijaté,
te vené appijerzé (23)
inde a lu scaravatté (24)
tutte d’oré, trasparenné,
cundendé, e nò, afflitté.
Tacck’ tacck’ tacck’! (25)
se sendé, ogne tanté,
p’a strad’adduluraté.
‘A prucessijoné sé ‘mbonté. (26).
Quilli colp’ sicck’ sicck’
d’i devoté dé Cristé,
sondé curtellaté,
‘mbrond’a lu scaravatté; (27)
sond’chijuové é spiné,
ind’a quell’ora scura’
de la sera.
Sott’a capp’annerute (28)
de ‘nu ciele dé chiummé, (29)
ind’u silenzijé triste,
dé ‘nu coré dé mammé,
che lamijendé, sondé, (30)
e che chijanda chijandé (31)
‘i sunaté lijendé, lijendé (32)
d’a banné, ‘u Venerdì Sandé,
appijerz’a’u Criste
Muorte!
Nun’ sonené ‘i cambane,
p’ tramend’ (33) a prucessijoné
caminé ; puré ‘i tarozzelé, (34)
lundané, strepeteijene, (35)
accorte accorte,
e a chijane a chijane. (36)
Gheijé (37) l’ora d’u deloré!
Citté citté, (38) i fiammellé
d’i cannele, ind’ a nuvolé
d’u deloré, murmureijené:
È fernute! (39) È passaté!
Ecck’, (40) ‘u mumende brutté,
d’a spartenz’é arruate.
Pe’ l’arija ‘ndruvelijeté (41)
e cupa, i lamijenté
se sendené, ‘i strepeté
e ‘i lucckelé (41) d’a genté.
Che strazijé, quillu mumenté!
S’arrezzeniscené (43) ‘i carné
a chi stacé là, accuoste
a Chijesa Matre, aspettanné.
- Che gheijé? (44) oh, che gheijé? -
‘A Mamm’e ‘u Figghije,
Se spartene!... ‘A Madonne
s’accoste a lu Figghije.
Sé l’abbrazzé (45) k ‘ l’uocchijé ;
se lu strengé a lu core,
squartate da ‘u delore.
Nun ne pote cchiù, ‘a Madonné!
‘Ndandé se lu guard’angore,
k ‘ nu penziere d’amore.
Po’, s’allundane, sfracellate, (46)
e ‘u chiame: - Crist’! Crist’ mije!
Addije! addije!
Po’, torn ‘addreté, (47) n’ata voté;
e se torn’accustà,
a lu Cristé suijé.
Issé, (48) se torn’accustà,
a la Mamma suijé:
- Mamma mije! -
- Figghije mije! -
‘A Madonne, guard’n’ciele;
guardé’nterre; guard’attuorné.
Spije li chijaché de gelé; (42)
spije lu sanghé dé li mané ;
spije ind’ a li cochelé, (50)
appassijunaté,
dé l’uocchijé dé DDijé;
s’accost’angoré.
e ‘u chiam’angoré,
k’ tutte l’amoré.
d’a Mamm’adduluraté!
Chiagn’e riré, ‘a povra
Mamm’Adduluraté;
chiagn’e benedicé;
chiagné, rir’e dicé:
- Tu, sindé Figghijé dé DDijé!...
ma puré Figghije mijé! ...
dé ‘sta Mamm’Adduluraté!
Tu, sindé grand’e putenté;
k’ Me, nun puoijé staré -.
Nu friddé dé muorté
passé ind’a l’ossa rotté,
a tutté quanté,
quella botté. (51)
‘Ndandé, ‘u Cristé
se ne scenné,
sciuvelanné,
abbasce a grotta, (52)
ditta:
du ‘Sengorpé. (53)
E ‘Addulurate,
sfrantumata (54) e desulaté,
‘n’ata voté, s’allundané,
a chijane a chijane.
Che chijanda chijandé,
'n’ata vote! ‘A gendé
lucckele e strepeteijé; (55)
chijagne, a lagrem’amaré;
se face ‘a croce;
i capillé, sé tire;
cerché perduoné
de li peccate suijé,
granne granne.
E ‘u Criste guarde,
rire é benedice.
‘A morta suije,
eijé, (56) pé tutté nuijé,
‘a salvezz’e ‘a vite.
‘Nnanz’a quilli scene d’amoré,
e de delore,
agnune (57) vurrijé
essé quillu core,
pé fà, k’u Cristé suije,
‘n’a cosa (58) ‘terna, sola,
granna e bella.

Anno, 1952.

(1) dolori.
(2) conosci.
(3) accogli.
(4) le fitte dolorose.
(5) spade,
(6) bollenti.
(7) sangue.
(8) somiglia.
(9) squartato.
(10) cuore maciullato dal dolore.
(11) somiglia di cera bianca.
(12) due lance affilate.
(13) l’Addolorata che partecipa alla processione del Venerdì Santo, è quella che si venera nella chiesa omonima, al Largo Addolorata, sulla destra dell’antica Via Arpi.
(14) sono.
(15) tasti.
(16) compatendo.
(17) sei.
(18) Ora, te l’accompagni.
(19) piano piano.
(20) le tre ore di agonia.
(21) fino alla separazione.
(22) Il Figlio morto - il Cristo insanguinato.
(23) appresso.
(24) nell’urna.
(25) rumore che fa il bastone di ogni reggente l’urna, contro l’impalcatura di legno, quando si vuole ottenere la fermata.
(26) si ferma.
(27) contro l’urna.
(28) cappa annerita.
(29) di piombo.
(30) sono.
(31) che gran pianto.
(32) lente lente della banda.
(33) mentre.
(34) specie di girandole di metallo che danno l’annunzio del mezzogiorno e dell’Ave Maria, in sostituzione delle campane, dal Giovedì al Sabato Santo.
(35) rumoreggiano.
(36) pian piano.
(37) È.
(38) Zitte, silenziosamente.
(39) È finito!
(40) Ecco.
(41) intorbidata per il dolore.
(42) gridi.
(43) s’aggrinzisce la pelle.
(44) Che è? oh, che cos’è?
(45) se l’abbraccia con gli occhi.
(46) flagellata.
(47) torna indietro un’altra volta.
(48) Egli.
(49) le piaghe gelate.
(50) spia nelle pupille.
(51) in quel momento.
(52) abbasso alla grotta.
(53) Soccorpo.
(54) frantumata dal dolore.
(55) grida e strepita.
(56) è.
(57) ognuno.
(58) eterna.

Stabilimento Aristide Stederini – Roma – Via Crescenzio, 9

IL PRIMO CANTO DE L’INFERNO
(Versione poetica in dialetto foggiano)

INFERNO
CANTO I

Ind' a la metà de lu camine dé 'sta vité,
mé truvaije sperzé (1) ind' a 'na furesté,
pecché nun truvaije chijù 'a vija ritte.
Ah! chi ve pot' accundà cum' agghije visté (2)
quillu vosck' scur' (3) k' l'arvél' irt' e stuorté (4)
e maluort', nutecus' e 'nzaccaté ! (5) Che visté !...
Sckitté ca m'arrecordé (6) me send' arrezzenì (7)
li carne. 'A paure d'a morté eija nijenté
'ngumbrondé ! (8) Si ce penze, mené, me sendé venì!
Ma, pe' tratta d' lu buone k'ije védijé,
dické dé l'ati cosé k'agghije truaté. (9)
Ije nun sacce (10) cume fuijé ca vé trasijé,
tandé stevè 'mbambaluté (11) lu mumenté
ca me scurdaijé d'a bell' e bona vijé. (12)
Quanné me facijé sott' a lu monté (13)
ca steve addò férnevé (14) la vallaté,
quella ca m'aveve assaije 'sckandaté, (15)
avézaijé l'uocchijé a l'arij' (16) e té
védije ca li spalle suijé gheréné (17)
vasaté da la spera d' lu solé (18).
Quanté fijaté ije pigghijaijé tanné tanné ! (19)
Tutta quante quella pauré, ca m'era
duraté indé a lu corè, 'a nuttata sané (20)
senza pijatà, subbet' subbet' sé n'era
ijuté (21). Cum' e lu 'nguaijaté (22), quanné
arriv' ascì da li guaijé (23) sé voté
arreté, e suspiré, e sé tratténé (24) ;
accussì fuijé (25), pe' l'uocchije e 'u corè
mije, quann' isse (26) se n'addunarene
d'esse' fore d' a vija ca deceve: Muoré ! (27)
Arrépusàtém nu pock' l'ossa rotté, (28)
m'assettaije (29); ma, a l'avezà ch'ijé facijé, (30)
védije ca lu pedé mijé, ijeve arrété, (31)
'mbece dé ij' 'nnanze (32). Che sarrà? me facijé
curagge. Ma, a 'la 'nghijanata (33) d'u monté,
a l'assacrese (34) , ascì 'nnanze, me védije
'na fruscka (35) svelta svelt' e zumbelline, (36)
k' nu pare d'uocchije de malandrine,
e nu mante bell' e culuraté. Ess' mene (37)
l'uocchije sop'a me; mò, se face da quà (38)
e mò, da là; me zénneijeijé (39). A guardé;
me vogghije scustà (40); ije vogghije passà;
ma, quella sé chijande annanze a me, (41)
e, tand' fac'e dice (42), ca ije la guardé,
e chijane chijan' mé staché pe' turnarmé. (43)
'Stu fatt' succédev' de prima matine,
probbété quann' u sole 'nghijanavé 'ngijele (44)
k' li stelle ca setevene k' DDije, quanne
a Quiste li pijacije d' crijà (45) tanda belle
cose; sicckè, 'u friscke d'a prima matiné,
l'addore d'a bona stagione, quella pellé
bella, suije, e l'ati cose, me faceven' buon' sperà;
ma, a 'na chijusa d'uocchije (46), 'nu lijoné
mé s'apprésendaije, ca mé facijé sckandà (47)
chìjù de prime. Pareve ca s'abbéndavé (48)
sop'a me; tand' tenevè 'a capa gherté (49)
e k' l'uocchije, li frocé e 'a voccke décevè (50)
ca me vuleve magnà; pure l'arije,
ueh! s' méttev'a paure ! Ije tenéve
angor'u fijate strinte (51) quanne me védijé
'n'ata brutta bestije: 'na lup'! Ah! quelle
me facije squaglia li carne da 'nguolle (52)
tand' era secca secck', k' li spangelle (53)
da for'. K'a famé, li vizij' e 'a magrezza
suije, chisà a quandé avevé fatte male !
Certé si è (54) ca perdije ogne speranzà
de ij' 'nnanze. Cume l'avar' 'ndréstisce (55)
e chijagne, si pe' pocké nun pot' sazijá la
'ngalirija suija (56) , accussì, quann' m'esce
annanz' quella lupe, ije me send' strazijà
'u core; pecchè ije mé vede vuttate (57)
'n'ata vote, ind' a la prima scuretà. (58)
Mendré ije me ne ijeve rucelanne (59)
abbasce, senza putè dice: Criste,
aijuteme! me védije 'n 'urija bone (60)
annanze a l'uocchije. Ueh! appen' visté
li dicije inde a 'stu mare dé guaije (61),
Tu, sind' ome o urija, m'è 'ijutà, pe' Criste ! (62)
Me réspunnije: Mò, nun sond' chijù omé, ije.
Mò, so' spiréte; 'u patr' e 'a mamma mijé
nascirene tutt'e duije ind'a 'Lumbardijé.
E, quann' ije nasceve, cadeve 'nu DDije; (63)
e 'n'atu chijù ver' e granne, nascijé ; (64)
e stije a Rome, sott' Aguste, quillu pìje.
Fuije 'nu puvet' e accundaije 'a vité,
e 'a pasijon' e mort' d' quillu Truijané
ca fuij cumannaté a 'ijr' a metté
li tend e (65) a 'la Mamme d' tutt' u munné. (66)
Ma, tu, dimme: Pecchè, mò, turn' arrete,
'mbece de 'nghijanà 'u monté ca sblenné? (67)
Ah! mò m'arrécordé ! T'agghijé canésciuté! (68)
Tu, si' quillu puzzé préfunn' d' sapè (69),
ca ijette lucé a tutt' ! Ije té saluté,
Vérgì, ca mana 'mbijette (70). Sacce (71) ca si'
superijor' a tutt'; e, pe' me, si' staté
DDije, Patr' e Maijest'. K' l'aijut' tuijé, sì,
agghije pòtut' fa' capì a 'la gente
quille k' agghije viste a l'atu munné.
Aijuteme pure mò, Tu, da chi tutté
tremà, me face. E quillu, 'bbune bbuon' decijé:
Si te vuoije libberà da quistu guaije
e vuoije venge (72), è pigghijà' n'ata vijé;
pecchè, è sapè ca, 'sta brutta bestije,
ca, mò, te face chijagn' e frije, (73)
nun face passà nisciune pe' la vija suijé;
e, tand' fac'e dice (74) ca l'add'accidé.
Eij' accussì trista (75) ca nun se sazijé
maije; e, dope ca s'eij'abbuttate, sendé
chijù fame de prime. Eije tanda vézijusé
ca, de 'nu marite, nun sé cundendé.
Ne vole tand' !... e te creije vézijusé
sopa vézijuse, cum'e la gramegné! (76)
E farrà (77) semb' accussi; 'nzin 'e quanne (78)
'nu cane, k' li zanne suije, nun s' la magné.
Quille, 'a cacciarrà da cità a cità,
'nzin' e quanne nun l'avrà mannaté
a lu 'Mbijerne, addò essa nascije, e addò
ess' adda stà' k' lu dijavéle ca l'eije
cumbagne. Pe'lu bene tuije penz' e dicke:
Vijéné appijerz' a me (79) Pe' te, è megghije.
Jje te fazze vedè (80) lu munn' eterne,
addò stanne li sciagurat' andicke,
ca lucckléne (81), e 'n'ata mort' sé chiaméné;
po', te porte 'mmijezz' a quille ca stanné
cundend' assaije 'mmijezz' a lu fuocke,
pecchè, d' arruà 'Mbaravise, sperené.
Si pò', tu, vuoije vede tutté li bijate,
te lassé (82) k' 'n 'anema bella, chijù degné
assaije dé me, prima ca me ne parte;
pecchè quillu DDije, ca là sope regne,
pecchè senza vulè, ije fuije cundrarije
a la leggia suije, nun me crede degné.
Isse 'mbere da pe' tutt'; e, 'Mbaravise,
regne k' l'amore. Quell'eije 'a cità suijé;
e là stace (83) 'u trone suije. Vijate (84) a chi
sceglie ! E ije, sùbbété: Puvete mije,
pe' quillu DDije ca tu nun canuscissé,
salvèmé, da 'sta brutta bestije, ca eije
pegge d é tutt' i male; e famme arruà
a vedè 'a port' de' San Pijetre, e quille
ca so' tand' addulurat' senza piatà!
Tanné sé muvije (85), e ij' appijerz' a quille.

1 sperzé = smarrito.
2 accundà cum' agghije visté = raccontare come ho veduto.
3 vosck' scur' = bosco foresta scura.
4 k ' l'arvél' irt' = con gli alberi storti e contorti.
5 nutecus' e 'nzaccaté = nodosi e fitti.
6 Sckitté ca m'arrécordé = solo che ricordi.
7 me send' arrezzenì li carné = modo di dire: mi sento accapponar la pelle.
8 eija nijenté 'ngumbrondé = è nulla, al confronto.
9 agghije truaté = ho trovato ho veduto.
10 Ije nun sacce = io non so.
11 'mbambaluté lu mumenté = intontito, al momento.
12 bell’ e bona vijé = via della virtù e della ragione.
13 facijé sott' a lu monté = fui ai piedi del colle.
14 addò fernevé = dove finiva terminava.
15 sckandaté = spaventato.
16 avézaijé l'uocchijé a l'arij' = levai gli occhi verso l'alto.
17 gheréné = erano.
18 vasaté da la spera d' lu solé = baciate dalla sfera dei sole.
19 fijate ije pigghijaijé tanné tanné = presi respiro lì per lì.
20 nuttata sané = intera notte.
21 ijuté = andata sparita.
22 Cum' e lu 'nguaijaté = come il misero, sopraffatto dai guai.
23 arriv' ascì da li guaijé = riesce a liberarsi dai guai.
24 sé vot' arreté... e sé trattené = si volta e rattiene il respiro.
25 fuijé = fu.
26 quann'isse, cioè: il cuore e l'occhio.
27 se n'addunarene = s'accorsero d'essere fuori pericolo.
28 Arrépusàtém' nu pock' l'ossa rotté = Riposate un po' le ossa stanche.
29 m'assettaije = sedetti.
30 a l'avezà ch'ijé facijé = nel levarmi.
31 védije ca lu pedé mijé, ijeve arrété = vidi che il piede mio indietreggiava.
32 'mbece dé ij' 'nnanze = invece di proseguire.
33 a la 'nghijanata = alla salita.
34 a l'assacrese, ascì 'nnanze = all'improvviso, uscirmi innanzi vidi.
35 'na fruscka = una bestia: la lupa.
36 zumbelline = civettuola allettante.
37 Ess' mene l'uocchije = lancia sguardi allettanti.
38 mò se face da quà = ora si sposta in qua.
39 mé zénneijeijé = mi fa l'occhiolino.
40 me vogghjie scustà = mi voglio spostare allontanare.
41 sé chijande annanze =mi si pianta davanti.
42 tand' fac'e dice = modo di dire = tanto fa e dice; si adopra in tutti i modi, per raggiungere lo scopo. Qui, si sente la mimica, che accompagna sempre il linguaggio del meridionale.
43 chijan' mé stache pe' turnarmé = pian piano sto per ritornarmene.
44 probbété quann' u sole 'nghijanavé 'ngijele = proprio quando il sole montava su...
45 Quiste li pijacije d' crijà = quando a Dio piacque creare.
46 'na chijusa d'uocchije = un batter d'occhi di ciglio.
47 sckandà = spaventare
48 s'abbéndavé = si scagliasse s'avventasse.
49 capa gherté = capo alto altero.
50 k' l'uocchije (con gli occhi), li froce = (le narici)... voccke = (bocca).
51 angor' u fijate strinte = ancora il fiato sospeso.
52 squaglià 'i carne da 'nguolle = modo di dire: sciogliere le carni.
53 secca secck' k' li spangelle da fore = modo di dire = magrissima, con le costole scarnite.
54 certé si è = modo di dire: è certo.
55 'ndréstisce =si rattrista.
56 sazijà la 'ngalirija suija = saziare la sua abominevole golosità.
57 me vede vuttaté 'n'ata vote = mi vedo respinto un'altra volta.
58 prima scuretà = la selva: l'Inferno.
59 me ne ijeve rucelanne abbasce = mentre ruzzolavo in basso.
60 urija bone = ombra buona pia.
61 inde a 'stu mare dé guaije = modo di dire: fra tanti guai.
62 m'è 'ijutà, pe' Cristé = mi devi aiutare, per Cristo.
63 cadeve 'nu DDije = cadeva il Paganesimo.
64 'n'ate chijù ver e granne nascijé = nacque il Cristo, il più vero e grande.
65 fuije cumannaté a 'ijr' a metté li tende = modo di dire: comandato a gettare le fondamenta di una città.
66 a 'la Mamme d' tutt' u munné: Roma.
67 sblenné = splende.
68 T'agghije canésciuté = ti ho conosciuto riconosciuto.
69 puzzé préfunn' d' sapé = pozzo profondo di sapere.
70 ca mana 'mbijette = con la mano sul cuore, in segno di rispetto e gratitudine.
71 Sacce = so.
72 vuoijé vengé = vuoi vincere.
73 face chijagn' e frije = fa piangere e disperare.
74 fac'e dice = vedi nota n. 42.
75 Eij' accussì trista = è così cattiva perfida.
76 gramegné = gramigna. 7
77 farrà = farà.
78 'nzin' e quanne = fino a quando.
79 appijerz' = vienmi dietro seguimi.
80 fazze vedè lu munn' eterne = ti faccio vedere l'Inferno.
81 ca lucckléne = che gridano.
82 te lasse = ti lascio.
83 stace 'u trone = sta il suo trono.
84 Vijate = beati.
85 tanne sé muvije = allor si mosse.

ROMA 1959

'U CANTÉ DU TAVULIJERÉ

'U Tavulijeré mijé, nun'eijé
'na fazzatoré (1) pe' 'mbastà;
e manghé 'na tavule pé' struculà (2)
li panne. 'Nu chijané, issé, eijé,
ka se stenné citt' e sulenne,
'ndra mare, terr'e cijele
e mundagnole;
e rire e chijagne, accussì,
cume Dije vole.
Ogne tante, ce ne dinne
de crude e dé cotte!...
Ma, isse, nun sé scumbóne;
e manghé se cumbónne!
Se ne stace, là, citte citte;
addò Criste l'have crijate!
... de vijerne...
‘U Tavulijere mije,
'na tavula gheije (3),
a tijembe dé vijerne,
sulitarije,
scure e mute,
ka se stace a lu pizze
suije (3 bis), cume 'e chi penze
a 'na cosa gross' e granne;
e nun vol'essé scùngiate (4).
Nun cerck' nijend'a nésciuné;
ma, tutt'aggradiscé: vijendé,
acqua e neve, cavede
e fridde, a tijembe ijusté.
Dé tutt'eijé cundendé;
e tutté stip'artàtamendé (4 bis)
indé a 'la terra suijé.
Quann'eije vijerne forté,
'u Tavulijeré mij' assémmegghijé
a 'na pignata chijena chijené
dé fasulé (5),
ka 'nguorpe vollé (6),
citté citte,
cum'e tanda chijacchijarellé;
e dicé, da foré, a chi lu criticheijé (5):
Ohijé, cristijane mijé,
nun' ghijate (8) dé prescia (9);
aspettat'e arrécurdaté
ka, li figghije cecaté,
face fa' la prescia.
Dateme tijembe, ohijé, bbona genté;
e lassatemé solamenté
'ngùmbagnije dé 'nu cijele,
ka me vole bbene, pure
quann' mé facé 'a facci'amaré.
Lassàteme 'ngùmbagnije
de 'nu pastore attèmbate,
dé quatté pécurellé spaijesaté
e dé 'nu passarijéll' mmalangunité,
e 'nfreddélute, cume me.
... de primavere...
Ouann'è tijembe dé primaveré,
'u Tavulijeré mijé,
addevendé 'nu bellé crijaturé,
ka ten'angoré 'a vocc'addurendé
de latte (9 bis);
ma, ka già te facé avvedè, (10)
pazzijanne pazzijanne (11),
'a vàrvarella (12) suije, vérdulellé,
ka li cresce, bell'e ténerellé,
a chijane a chijané (13).
Po', cum'e tutté li crijaturé,
isse, cresce, s'allongh', 'nghijané (14)
e sé veste k' lu mande verdé
avulive (15) de Sanda Lucijé.
Tanné (16) issé, eije tutte 'na fandasijé,
e t'appresende 'nu mare
dé béllezze ka te 'mmíté 'a candà (17)
'na ninna nannarelle
k' na figghijulelle,
'nderzos'e belle (18),
Fijure vijérgén'e tijéneré,
ind'a 'na terra vérgenellé,
sotte a 'nu sole chijaré
e a 'nn'arija d'amore,
chijena chijena de rénnenellé (19)
fanne, lu Tavulijere mijé,
'a chijù bella dé li belle
cose de primavere.
E' vogghije (20), tanne, tu, a penzà
a 'n'ata bellezza, bella chijù
d'a suije! Quillu mare
verd'e tenerijelle,
ka sape de tutte l'addore,
e se nàzzècheije loccké lokké (21),
e belle belle, inde a la nacke (22)
de lu crijate,
te pigghije 'u coré,
te strenge e te ' ngàtène (23)
e nun t'asciogghijé (24),
mentre té dice k'a vocia suijé:
Nun c'è che fà!
Tu, m'eijé'amà!
Quanne, po', magge e giugné,
se fanne annanze,
allèreghé allèregh'e fijurite (25)
e chijne d'amor'e gelusije,
'u Tavulijeré mijé, gheijé
tutte 'nu mare d'ore;
'nu mare ka nun fernèsce maijé
e tutte 'ndore.
'Nu mare de récchezzé,
isse, gheije, e dé prijezzé;
'nu mare de tésore
e de suonne de gioventù.
Ah! chi se pote scurdà
de quillu vrasciere (26) d'ore,
ka ijette faijlle (17 ) d'ore
a tutte l'ore?
Li spicke prené (28) so' tanta mazzetté
dé vérginelle d'ore culaté, (29)
ka rirene, càndan'e abbàlléné,
'ndra gregne, ausijell'e mète (30);
lu pane assécuranne, pe' tutte l'anné.
Quant'armunije, ind'a li massarijé (31),
tanne, 'ngùmbagnije
dé certé fégghijulellé chijacchijarellé,
zùmbelliné (32) e capé all'àllèrté, (33)
k'àspettene li zite (34),
k'u core 'mman'e l'uocchije
malandrin'e 'nnùcenté! (35)
'Ntra magg'e gíugne,
u Tavulijeré mije, gheijé
nu lijette de spos'apprèparaté,
nu lenzuole arrécamaté
d'or'e d'argiente finé,
k' mill'e mille fèrzé (36),
una chijù bella de l'até (37).
Eije 'nu mésal'addàmasckaté (38),
addò spick'e sckattùolle (39),
fijure friscké d'ogne
ckélore, càlandr'e angele (40)
e 'nnammurat'a cocchje (41),
'ndònene tutté li chijù belli canzuné
d'a terra lore.
Quanta félicità,
te sijendé ind'a lu core,
quanne te vid'appresendà
na mamme ca rire de coré,
e, k'l'uocchije suije de fuocké,
ijette vas'e parole
a cijend'a cijende, a 'u sole,
a 'u cijele, a l'arije, a l'avècijellé (42),
a la Madonne dé li Setté Velé (43)
Ce ne stace, mò, de magnà
pe ' la morra (44) de li figghije suije;
e pure, pe' li povéré furmechellé!
E che frìzzecarelle (45) te mette'ncoré
lu marite, quann' dicé a 'la mégghijere,
'mbèmberenaté (45 bis), cum'e'la 'Ngùrnaté:
'Nu pijezze de pan'eije semb'a mègghijeré;
ma, 'nu tesoré bell'e senza funné (46)
essa, gheije, quanne lu grane metté
la cresta d'ore!
Zùmballarijulere !
Zùmballarijulà !
...de statije (47) e d'autunne...
Quanne eije 'n fine la stàtijé,
e se né stace pe' scenné l'autunné,
'u Tavulijeré mijé gheijé
'a bell'addermute
de la favulette,
'mmijezz'a l'addor'angoré pùngechenté (48)
de l'arzùre de la rèstocce (49). Tanné,
isse, pigghije repuosé,
pé ' apprèpararesé
a la semene a 'ghijette
e a sulchette. (51)
Da che munn'è 'munne, isse, sapé già
k'àdda fàtijà e multibblecà
li figghije suije, sembe chijù
bell'e pérfézijunate,
pecchè li voccke da sfamà
so' sembe tante;
e tutte hanne da magnà
past'e pané dé grané d'u Tavulijeré!...
Oh! Tavulijeré! Tavulijeré mijé !
quante si' bell'e bbuone,
quanne, de vijerne,
dice: Stateve citte!...
Psss!... Sélenzije!...
E quanne, de primaveré
'nduon' e cante: Core! Core!
Spéranzé! Récchezz'e Amore!...
Ma, chijù dolecé, tu, scinne
ind'a lu core mije, quanne,
àpule (52) àpule e ammàlijaté,
cante, e suone, appassijunatamente:
Nustalgije!... Nustalgija mije!

Roma, 1961.
Ester Loiodice

AVVERTENZA – Le vocali finali, in ogni parola, sono mute. Quelle portanti l’accento acuto, sono strette, quasi mute; le altre, aventi l’accento grave, sono aperte, larghe.

(1) Fazzatoré: madia spianatoia.
(2) Struculà: lavare i panni sul tavolo scannellato, comprimendoli e strizzandoli, quasi.
(3) gheije o eije: è.
(3 bis) stace a lu pizze suije: sta a posto suo pensa ai fatti suoi.
(4) scùngiate: infastidito.
(4 bis) stip'artàtamendé: stip': serba: da serbare custodire abilmente per servirsene.
(8) Pignata chijena dé fasulé: pignatta piena di fagioli.
(6) 'Nguorpe vollé: bolle in sè, in corpo.
(7) Criticheijé: critica.
(8) Nun' ghijate: non andate.
(9) dé prescia: in fretta.
(9 bis) ka ten'angoré 'a vocc'addùrendé de latte: modo di dire per tenero quando il Tavoliere ha già emesso le prime piantine.
(10) te face avvedè: che già ti fa vedere.
(11) pàzzijanne: scherzando.
(12) 'a vàrvarella: in senso figurato: barbetta i primi fili d'erba.
13) a chijane a chijane: piano piano.
(14) 'nghiane: cresce s'allunga sale.
(15) avùlive: verde oliva.
(16) Tànne: allora, esso (il Tavoliere).
(17) te 'mmite a candà: t'invita a cantare.
(18) 'figghiulelle 'ndèrzos' e belle: giovanetta vigorosa robusta e bella.
(19) chijena de rennènellé: piena di rondinelle.
(20) E' vogghije, tànne: è come dìre: è inutile tentare di dimostrare il contrario.
(21) se nàzzècheije lòccké lòccké: si culla dolcemente pian piano.
(22) inde a la nàcke: nella culla.
(23) 'ngátène: t'incatena ti prende tutto.
(24) t'àsciogghije: ti scioglie.
(25) allèreghe allèregh'e fijurite: allegri allegri e fioriti.
26) quillu vràsciere d'ore: quel braciere d'oro.
(27) ka ijette fàijlle: getta: sprizza faville scintille.
(28) spicke prené: spighe piene.
( 29) mazzetté de vérgenelle d'ore culàte: fasci di spighe fresche e pure, quasi verginali, d'oro colato - puro.
(30) grègne, aùsijell'e mète: mannelli covoni e biche.
(31) massarijé: masserie.
(32) zùmbelline: civettuole maliziose.
(33) Capé all'àllerte: svagate divertite allettanti.
(34) li zite: i fidanzati.
(35) malandrin'e 'nnùcente: vivaci e ingenui.
(36) fèrze: strisce come i teli componenti le lenzuola.
(37) l'àte: l'altra.
(311) addàmaschkaté: come tovaglia da tavola, damascata.
(39) sckàttuolle: papaveri rossi.
(40) ckélore, càlandr'e angele: colori uccelli, in senso generale e angeli, soggetti di lavori femminili, per ricamo.
(41) cocchije: a coppie.
(42) avècijellé: uccelli.
(43) Madonne dé li Setté Velé: Madonna dei Sette Veli, protettrice di Foggia, città al centro del Tavoliere di Paglia.
(44) la mòrra: gruppo.
(45) frizzecarelle: gioia viva stimolante.
( 45 bis) abbigliata come l'Incoronata.
(46) senza funne: senza fondo immensa
(41) stàtije: estate.
(48) pùngèchenté: pungente frizzante.
(49) àrzure de la restòcce: odore acre del bruciaticcio delle reste.
(50) ghijette: semina a getto - a mano, sventagliando.
(51) sulchette: semina a solchi.
(52) àpule àpule e ammàlijate: leggermente – lievemente soavemente.

Pochi punti sugli.... i
FOGGIA
TIPOGRAFIA EDITRICE «FIAMMATA»

Per le cortesi pressioni dei buoni amici, ai quali rendo vive grazie, pubblico la conversazione che tenni in questa Università Popolare il 10 giugno 1925. Libera delle limitazioni del tempo, essa ha subito delle varianti nella stesura. Molti punti sono ripresi e trattati ampiamente nel volume de «I canti di Foggia ».
Foggia, marzo 1934 - A. XII.
Invitata dalla Presidenza di questa Università Popolare, che già tante benemerenze ha conseguito nella vita cittadina, accolsi l'incarico di tenere una conversazione a foggiani e non foggiani. Accettai la proposta solo per rompere il così detto ghiaccio e per provocare l'intesa su alcuni argomenti foggiani. Mi ha sempre solleticato il desiderio di parlare di cose nostre, Sono foggiana; in ciò 1a ragione. Ma, questo bisogno sarebbe passibile di critica se non fosse sostenuto da considerazioni di valore affatto trascurabili.
Per il debito di onestà, che deve prendere ogni animo ben nato, devo dire che qui, come in quasi tutto il Mezzogiorno d' Italia, vige il malcostume di svalutare o di tenere in non cale quanto sa di sapore locale: e, tanto, non per cattiva intenzione, ma per la poca conoscenza della propria storia ; per la nessuna importanza annessa alla cultura derivata dallo studio diretto di quanto ne appartiene o ha relazioni con il mondo che ne circonda; per le ristrette mentalità che ne scaturiscono: per tutto un cumulo di tradizioni religioso - domestico - pubbliche; per le passate condizioni politiche, dividenti quasi sempre i cittadini di una stessa terra in partiti e contro partiti; per un senso di snobismo da saccenti e per tante altre ragioni, che troppo lungo sarebbe enumerare, ma che via via affioriranno dallo sviluppo delle considerazioni che faremo. E verrei meno ad un altro dovere di sincerità se non aggiungessi che, per effetto di questa esagerata interpetrazione, il Mezzogiorno, e, forse, questa nostra Terra in particolare, hanno subìto conseguenze dannose, che minacciano di divenire sempre più interessanti se non subentra la formazione di una nuova coscienza; se non si smette dall' osannare, anche al più brutto, che viene dal di fuori; se non si pone fiducia nelle proprie attitudini ed abilità e non si vaglieranno al giusto segno le risorse comuni e non comuni, che la natura prodigò ad uomini e cose di qui.
Ciò premesso, quando si è trattato di fissare il tema, non mi è parso fuori proposito questo: Pochi puntisugli i. Con questo tema, intendo fare un po' di giustizia e un po' di luce intorno a Foggia ed alla sua gente. Tema arduo, senza dubbio, ma suggestivo molto per chi senta un po' di amore per la sua Terra, ed interessante tanto da richiedere una trattazione ampia, minuta, profonda. Dicevo, intendo sgravare un po' Foggia e la sua gente del pesante fardello di un detto che pesa su di loro, al lume di osservazioni non capotiche; di constatazioni scientifiche; di verità e di falli che non si possono mettere in dubbio e che possono essere sempre controllati quando se ne ritenesse esagerata la fede. I fatti valgono più delle parole; stanno sempre all' erta per distruggere le artificiose concezioni e le maligne insinuazioni. «Sono monete d'oro» scriveva un tale. E, se dopo la trattazione, superficiale ed alla buona che faremo insieme, sorgerà qualcuno che vorrà fermarsi sullo stesso argomento ed approfondirlo, tanto meglio; potremo dire di avere raggiunto in parte lo scopo e di non avere sparso il seme, inutilmente. Sempre, « parva favilla, gran fiamma seconda».
Ed entriamo in argomento.
Pare impossibile, ma è pure vero che, spesso, si sente ripetere: Fuggi da Foggia; ma non per Foggia, per la cattiva gente che l'abita. Quando sia sorto questo dello si potrebbe anche identificarlo; ma lo tralasceremo, perché ci preme venire subito ai fatti dimostrativi del contrario.
Fermiamoci sopratutto sulla Gente, che formerebbe la città e ne darebbe l'impronta, giusta il detto. Vediamo se essa è quella che questo le attribuisce; vediamo se il suo fondo e tutta la sua vita sono, per natura, refrattari all'evoluzione della civiltà; se le sue potenzialità siano degne delle meno promettenti stratificazioni sociali; o essa non sia piuttosto la vittima di elementi fisici esterni; di condizioni etniche; di fattori morali; di un complesso di fatalità politiche; di un insieme di contingenze di varia natura.
Cominciamo col fare qualche considerazione di natura fisica. Domandiamoci: La costituzione organica del foggiano è sempre favorita da elementi militanti in suo pro? Vive esso tra condizioni climatiche ottime per il suo sviluppo e per la sua vitalità? V'è tuttora equilibrio tra il lavoro che compie, le energie che consuma ed i principi nutritivi che immette? Tutto il tenore della vita trova adeguatezza nell' ambiente?
Rispondiamo, ricordando, fra i tanti, un fattore biologico ed antropologico, che dà luogo a considerazioni sostanziali e reali.
L'organismo di nostra gente risente delle idiosincrasie dei popoli mediterranei bruni; delle generazioni spagnuole, francesi, greche; delle sveve e normanne che passarono nell' Italia meridionale e sostarono in mezzo ad essa; quale più, quale meno, tutte incidendo e scalpendo caratteri fisici, accanto ad orme psicologiche.
Di queste generazioni, infatti, il foggiano ha comune la forma del cranio, l'indice cefalico, la circonferenza e la capacità del cranio, l'altezza e il diametro della fronte, la forma del naso, la statura, il perimetro toracico, il peso, l'apertura delle braccia, il colore della pelle, degli occhi ecc. Di questi popoli ha ereditato anche molte note psicologiche. E ciascun dato, considerato in sè e per sè, non dà motivo a rilievi di deficienza o ad anomalie, ma a constatazioni di apporti e coefficienti di organismi forti, normali, equilibrati, resistenti a qualsiasi lavoro. Questi fattori, però, sono, di quando in quando, disturbati ed alterati da agenti esterni, di cui i più importanti sono: la qualità dell'aria, la temperatura, i fenomeni atmosferici. Considerando quel tanto di aria che ne involge e ne tiene in vita siamo in grado di affermare che essa non è ottima, come ritengono alcuni, nè è intensamente malarica, come sostengono altri, ma è piuttosto buona, con tendenza a migliorare; a volte greve, a volte leggera; talora asciutta, tal' altra umida; a volte mista e capricciosa.
La temperatura è incostante; nella durata di un solo giorno, e tante volte nello spazio di una stessa ora, rapidamente si abbassa o si eleva, e viceversa; con quanta ripercussione sull' organismo umano e sulla natura dell' ambiente ciascuno può pensare.
I passaggi dal caldo al freddo o dal freddo al caldo, certe volte, sono così rapidi, recisi, netti in quasi tutte le stagioni, e specialmente in alcune, che, se non si fosse sicuri di esagerare e di attribuire a questa Città un carattere singolare e poco favorevole, si direbbe avere Foggia solo l'inverno e l'estate. Chi gode in questo fascinoso Tavoliere, esposto a tutti i venti e a tutte le intemperie, spesso privo del conforto degli alberi, la bontà dell' autunno e la mitezza vivificatrice della primavera?
E che dire del vento che, spesso, come dispotico tiranno, domina sovrano, e, più volte, nelle forme furiose e turbinose per la durata di uno o di tre giorni consecutivi, in qualunque momento dell' anno; e, con più costanza, nei trapassi dall' inverno alla primavera e dall' autunno all' inverno?
La mobilità dell' aria, le oscillazioni della temperatura, la mancanza di una vegetazione multiforme e continua, di una sistemazione atmosferica, idrica, agraria influiscono non poco sull' organismo fisico del foggiano e creano e determinano situazioni, note e stati fisio - psichici che si manifestano più spiccatamente nel carattere morale e nello spirito delle iniziative, Lo Herder diceva: «E' la natura che col suo clima, le sue valli, i suoi fiumi condanna i popoli alla barbarie o alla civiltà ». E lo Stephenson : «E' il sole che fa correre le locomotive sulle rapide vie ferrate, che ha preparato negli evi preistorici le foreste di carbon fossile ». E più oltre il Niceforo: «E' il sole, il sole moderato, aggiungo io, che fortemente contribuisce a mettere in moto la dinamica di quella rapida e meravigliosa macchina che è la vita delle società umane, correnti sul binario lungo e infinito dell' evoluzione sociale ». Le inflessioni fisio - psichiche, le oscillazioni, le scosse, i trapassi morali, le eccitazioni di ogni natura che si ripercuotono sull'organismo del foggiano di origine si rilevano, con densità proporzionata al tempo della permanenza, anche su quelli che, provengono da altri luoghi, montani o piani; alpini, fluviali, lagunari o marittimi; freddi, caldi o temperati. I presenti, foggiani od ospiti, possono coscientemente constatare ed affermare le osservazioni che qui si fanno.
Il che dimostra che il fattore negativo o non simpatico che assolutamente si vuole dare al foggiano per screditarlo non dipende affatto dalla sua nascita foggiana, ma da un insieme di circostanze fisiche che solo colossali volontà e potenzialità naturali e sociali possono, in parte, modificare.
Per essere più precisi ed efficaci esemplifichiamo.
Che effetti produce il caldo sul sistema centrale dell'uomo? Scuote i centri nervosi e porta l'io in uno stato di mobilità e di eccitabilità disordinata. Porta l'uomo « a correre più che a camminare; a irrompere più che a muoversi » a litigare e a gesticolare più che a parlare con pacatezza; a cominciare ed a finire con fretta e superficialità. L'eccitabilità lo porta ancora ad amare la celerità, il rumore, l'irritabilità, l'esagerazione, gli rende impossibile il giudizio ponderato e calmo. L'intelligenza ha guizzi, ma non profondità; le idee lampeggiano e si dileguano; il sentire è ipertrofico; l'energia intermittente. L'impulsività diventa caratteristica e le azioni che seguono subiscono anche dei contrasti; ciò che prima era stato compiuto con entusiasmo poscia si deplora. Un adagio foggiano significa molto bene il fatto: Si pigghia cu' pulio e si lassé cu' 'a mazza (Si prende col pallio e si lascia con la mazza o bastone); la gioia dei primi successi si muta in malinconia nei primi rovesci.
All'eccitabilità del clima caldo di alcuni periodi dell' anno devono, adunque, attribuirsi l'inattenzione, alcuni infiacchimenti volitivi, l'eccesso delle emozioni e delle immaginazioni, l'impulsività, l'impazienza della intelligenza, il rallentamento del senso pratico in determinati momenti della vita del foggiano.
Alle ragioni predette e ad altre, direttamente conseguenti, si devono quel certo senso di diffidenza e di pretesa infedeltà, la imitazione facile per l'iniziativa presa dagli altri, l'irascibilità piccante, il mutamento degli stati d'animo, le esplosioni linguistiche fugaci, ma scultoree e chiare, e tutto un insieme di manifestazioni, che sarebbe interessante passare in rassegna.
E' sempre un gruppo di fattori ambientali che svia e distrae il foggiano dagli sforzi che compie; che gl'impedisce di battere serrato e stretto sul suo cammino.
Ogni stimolo suscita in lui una folla d'idee, spesso geniali, e di propositi sani che cerca di tradurre in opere; ogni elemento trova eco nella intuizione e nella sensibilità sue e mette il subbuglio nella coscienza, per cui non sempre gli è facile scegliere il fallibile dall'ardito, il facile dal difficile, di essere costante nella realizzazione delle sue vedute. La sua intelligenza, al dire di uno spirito grande e non sospetto, «è pronta e vivace; sa sapientemente cominciare, ma non ha la pazienza di finire; sa creare, ma non giunge a perfezionare; ha un'intelligenza che brilla, che divina; ha un'elasticità massima, ma che non sa insinuarsi sino al fondo e cercare pazientemente i più nascosti e difficili labirinti della cosa, su cui si applica ». Penetriamo il nostro popolo nei lassi di tempo caldo. Veramente, notiamo che le sue eccitazioni diventano sovraeccitazioni e l'organismo rimane come depresso. Le fibre si fiaccano, l'andare è lento, le pupille perdono la loro vivacità, l'intelligenza soffre della caligine esterna e diventa pigra, quasi contemplativa. Il sentire diviene apatico; razione lenta e tarda; tutto si rimanda al domani: decisioni, iniziative, provvedimenti.
E ben s'addice allora l'esclamazione locale: - Mariandò, 'u tarramot' ! ... - Moo ... mo! ... (Mariantonia, il terremoto! Adesso ... adesso!). La lentezza di quei periodi non potrebbe essere resa pi il efficacemente di così. Chiedere in quel periodo uno slancio gagliardo, una risoluzione radicale, un concepimento ardito sarebbe impossibile, innaturale senza uno sforzo erculeo da parte di quegli stessi stimoli che generarono lo stato fisico del corpo. Appare, allora, la massa come incurante dei suoi interessi; quasi indifferente a tutto e propensa a cedere e ad assoggettarsi a chicchesia; divoratrice di pipe e di sigari, oziosa e qualche volta critica beffarda nei luoghi più praticati: sulle strade dei Borghi più bassi o al centro, al quadrivio S. Antonio Abate, al largo di Porla Reale (XX Settembre).