Crea sito

Angelo Capozzi

 ESCAPE='HTML'

Fiabe raccolte a Borgo Croci

Donna se prendi me

C'era una volta una ragazza che si era invaghita di un giovane e voleva sposarlo. La madre non voleva, perché, diceva, era uno scansafatiche. Il giovinastro faceva alla ragazza una corte spietata e le cantava il solito ritornello:
“Donna se prendi me
non sospirerai pane
ti faccio mettere i guanti alle mani
le mani di farina non ti faccio sporcare.
Donne si te pigghije a me
ne zuspira pane
te fazze mette li guante a li mane
li mane de farine n'ti fazze spurkà.

La ragazza tanto fece e tanto disse che convinse la madre a farle sposare il giovane. Passarono i giorni e il giovane mostrò la sua vera natura: passava la giornata disteso a letto e si alzava solo per mangiare. La sera poi la passava in cantina con gli amici. La madre della ragazza, vedendo la figlia pallida e dimagrita per le fatiche che affrontava, un bel giorno decise di affrontare apertamente il giovane e così gli disse:
Alzati di buona voglia e vai a lavorare
non mi far patire sta povera figlia
te l'ho data grassa come una quaglia
me l'hai fatta diventare come un filo.
Avezete bona voglie e va travaglie
n' m’a facenne patì sta povera figlie
te l’agghie date grasse come e na quaglie
l'è fatte addeventà na ponte d'assuglie.
E l'altro rispose:
Essa lo sapeva chiaramente
che io di fatica poco e niente so
che io fatico il sabato e la domenica
e mi metto a tavolino col padrone.
Esse ‘u sapeve mmizz’e mane
k'ije fatighe poke, e nninde sacce
k'ije fatighe u sabbete e a dumeneke
e me mette a ttavuline ku padrune.

Anna Pepe – Foggia 13-01-1917

Io, Pantaleone, terrazzano foggiano

‘ U carrettine

‘Ndeniu’, po’, m’àgghije ‘nzuràte, àmme fàtte i fìgghje e parìcchi vòte àmme pakkeriàte, àmme strètte a cìnde.  Anne, megghièreme, abbetàve ‘nda stèssa càsa ke mmè. ‘A màmme d’Anne tenève trè ffìgghje pìccule : Pasqualùcce, Gerùzze e Annarèlle. Quànde Anne tenève sèje ànne l’è mùrte ‘u pàdre p’ pendùre e pulmunìte. Murìrene dùje fràte ‘ndà sètte jùrne. Pigghiàrene ‘nu còlpe d’àrije terànne ‘a ‘ràte. A dùdece ànne jève già a fadega’ k’a màmme. ‘Na staggiòne s’accattàrene ‘u ciucciarìlle p’ ji’ a spegula’ lundàne do pajèse. Se jìrene a pigghia’ ‘mbrìste trècìnde lìre da Lucìa “Appiccialùce”, che ère ‘na fèmmene usuràre. ‘U facìrene magna’ tròppe ùrge, ‘u facìrene vève, crepàje ‘u ciucciarìlle e nen zapèvene cùme paga’ dèbbete e interèsse e ssènza tene’ kkiù ‘u ciucciarìlle. Rumanìrene sènza sòlde, k’i dìbbete e avèvena ji’ a spegula’ allappìde. ‘N’abbrussèse ggemendàje ‘a màmme d’Anne e allòre decedìje chè s’avèva spusa’. Decève che ‘na fèmmena sòle tène mìlle probblìme e nen ge ‘a facève kkiù a sta’ ‘ccussì. Se spusàje ke ‘nu zùppe, Vecìnze “Faùgne”, chè ère pùre mariùle. Po’ murìje ‘u zuppètte e se pegghiàje a pàteme e da tànne cambàmme ‘nda stèssa càse. Quànne ère pìccule Annarèlle ‘a cacciàve sèmbe, ‘a segutàve, ma quànne turnàje da fa’ ‘u suldàte vedìje chè s’ère fàtte ‘na bbèlla pullastrèlle e penzàje: “Sànghe da’ madòscke, ghìje mo ’a tènghe ‘ndà càse, àda veni’ ‘n’àte strùnze da fòre e se l’àda pigghia’? Apprìme che vène quìllu llà àgghia vede’ chè càzze àgghija cumbena’!”. ‘U pàdre mìje jève a scava’ dòje cecòrije e a màmme d’Anne ‘i jève a vvènne. Esse stève sèmbe ‘ndà càse cùme e ‘na pullàstre. E “Crùce” quànne vònne ‘na fèmmene p’ ffòrze ‘i fànne ‘u “carrettìne”, cioè ‘a mènene sòpe ‘o traìne e s’a pòrtene. Ghìje àgghije fàtte tùtte da sùle. A matìne àgghije fàtte a vede’ chè me ne so’ jjùte fòre: àgghije aggiustàte ‘u ciùcce, àgghije mìsse ‘i tagghiòle sòpe e àgghije fàtte fìnde de ji’ fòre. Jève da ziòlle Adduluràte; menàve ‘u ciùcce ìnde, me feccàve ‘nu pastràne grùsse, ke ‘nu cappìlle vècchije ‘ngàpe e me jève a mètte ‘o pìzze ‘a stràde. ‘NNànze ‘a càsa nòstre, ‘i ziàne mìje, stennìrene i pànne p’ nen fàrme vede’. Ziàneme Adduluràte decìje: “Quànne dìke chicchirichì tànne a màmme se n’è ssciùte!”. A màmme se ‘n’asscìje da ìnde e ghìje bèlle bbèlle, bèlle bbèlle, bèlle bbèlle, bèlle bbèlle jìje llà. Anne cùme me vedìje trasi’ se mettìje a luccula’, se menàje vèrse a pòrte e nen m’a facève chiùde. P’ pòke nen ze spezzàve ‘i dìte di’ màne. Tenève ‘na trèzze chè arruàve ‘ndèrre. Ghìje vulève chiùde a pòrte, ma ghèsse mettève i màne ‘mmìzze a pòrte. Currìje a ziàne d’Anne “A Nasòne”, m’arrecòrde mo p’ tànne, e me decìje: “E fàtte a fegùre de Pulecenèlle!”. Respunnìje ghìje: “Mo t’a vàje a ffa’ frìtte ke l’òve!”.A ggènde lucculàve, Anne lucculàve e allòre ghìje me ne fujìje. Arrète ‘a pòrte stèvene cìnghe persùne, fèmmeme e ùmene. Po’ me canuscìrene. P’ dùje o trè jjùrne so’ stàte fòre, ammucciàte, ma po’ ce sìme spusàte. Venìje a ziàna mìje: “Meh, vìne, arretìrete pecché n’è kkiù nnìnde!”. Se feccàje mmìzze a bonàneme de ze’ Lunàrde “Muschètte” e ce spusàmme. Decèvene : “Quìlle vàce sbattènne, oramàje s’è spannùte ‘a vòce: o èje o nenn èje, nisciùne giòvene s’avvecìne kkiù. Se spòsene e bbàste e tùtte s’aggiùste!”. Anne a cundunuàte a fadega’; jève a spegula’, a ffa’ ‘a pungènde, a spagghia’, a cògghije i cicòrije. Ghìje jève a tagghiòle, k’a landèrne, jève a ffa’ ‘i mète, a sfavecia’ ‘u gràne, a kianda’ fàfe e pesìlle : i fìgghije putèvene magna’.
Il carrettino
Anna, mia moglie, abitava nella stessa casa con me. La madre di Anna aveva tre figli piccoli: Pasqualuccio, Ciro e Annarella. Quando Anna aveva sei anni le morì il padre per polmonite doppia. Morirono due fratelli in sette giorni. Presero un colpo d’aria tirando l’aratro. A dodici anni andava già a lavorare con la madre. Un’estate si comprarono l’asinello per andare a spigolare lontano dal paese. Si fecero prestare trecento lire da Lucia “Appiccialuce”, che era una donna usuraio. Lo fecero mangiare troppo orzo, lo fecero bere, morì l’asinello e non sapevano come pagare debito e interesse e non avevano più l’asinello. Restarono senza soldi, con i debiti e dovevano andare a spigolare a piedi. Un abruzzese infastì la mamma di Anna e allora decise che si doveva sposare. Diceva che una donna sola aveva mille problemi e non ce la faceva più a stare così. Si sposò con uno zoppo, Vincenzo “Favonio”, che era anche ladro. Poi morì lo zoppetto e si sposò con mio padre e da allora vivevamo nella stessa casa. Quando era piccola Annarella la cacciavo sempre, la mandavo via, ma quando tornai da fare il militare vidi che si era fatta una bella pollastrella e pensai: “Sangue della “madosc-ka”, io adesso ce l’ho in casa, deve venire un altro stronzo da fuori e se la deve pigliare? Prima che viene quello devo vedere che cosa devo combinare!”. Il padre mio andava a scavare due cicorie e la mamma di Anna le andava a vendere. Lei stava sempre in casa come una pollastrella. Alle “Croci” quando vogliono una donna per forza le fanno il “carrettino”, cioè la buttano sul traino e se la portano. Io ho fatto tutto da solo. La mattina ho fatto finta di andare in campagna: ho aggiustato l’asino, ho messo le tagliole sopra e ho fatto finta di andare in campagna. Andavo da zia Addolorata; entravo l’asino dentro, mi mettevo un cappotto grande, con un cappello vecchio in testa e andavo a mettermi alla punta della strada. Davanti casa nostra, le mie zie, stesero i panni per non farmi scoprire. Zia Addolorata disse: “Quando dico chicchirichì allora la mamma è uscita!”. La madre se ne uscì ed io piano piano, piano piano, piano piano, andai là. Anna come mi vide entrare si mise a gridare, si lanciò verso la porta e non me la faceva chiudere. Per poco non si spezzava le dita delle mani. Aveva una treccia che arrivava a terra. Io volevo chiudere la porta, ma lei metteva le mani in mezzo. Arrivò la zia di Anna “La Nasona”, ricordo ora per allora e mi disse: “Hai fatto la figura di Pulcinella!”. Risposi: “Adesso te la vai a fare fritta con le uova!”. La gente gridava, Anna gridava e allora io me ne scappai. Dietro la porta c’erano cinque persone, donne e uomini. Poi mi hanno riconosciuto. Per due o tre giorni sono stato fuori, nascosto, ma poi ci siamo sposati. Venne mia zia: “Meh, vieni, ritirati perché non ci sono problemi!”. Si mise in mezzo la buonanima di zio Leonardo “Moschetto” e ci sposammo. Dicevano: “Quello va sbattendo, ormai si è sparsa la voce: o è o non è, nessun giovane si avvicina più alla ragazza. Si sposano e tutto si aggiusta!”. Anna ha continuato a lavorare; andava a spigolare, a fare la pungente, a spagliare, a raccogliere le cicorie. Io andavo a tagliole, con la lanterna, andavo a fare le mete, a falciare il grano, a piantare fave e piselli: i figli potevano mangiare.

da "Io, Pantaleone, terrazzano foggiano" - ScenAperta Edizioni, Foggia 2011.