Crea sito

Dora Manzo

A staggione de na vote a Fogge ere accusse'...

Nuje criucce  stemme sembe minze a na strade ,ma u pomeregge no! Speciamende de fiore de cavete avemma sta nchiuse e retrate,pecche'a quelle timbe i cristiane durmevene chi porte aperte troppe u cavete ,e nen s aveva sende mosche de vula',ma nuije ereme assaije truamme sembe cume passa' u timbe,mamma' acalave a serrande inda cucine e metteve i cuerte nderre e diceve"me addurmeteve "seee che è dorme tutte nderrr che ce paliamme une che nate,se cume t appapagniave te sendive nu poi nu scaffone ngape,,e i luccl de mamma' da ente,a sentive d avezarse do litte e cammenave scaveze e quanne u passe ere veloce erene taccarate certe vote invece ce stemme indo purtone,e parlamme cette cette ,ma certe vote pure accusse' dive fastedije,e te sentive da sope tutti i sande du paradise ,dicevo ,durmevene chi porte a perte pecche'l arije aveva varia',e chi grumelave a na vie e chi a nate ,arruote a na certe ore ce menamme mizze a strade,ma mica cume e mo che prime i lavame i criature ,tanne stemme sembe cume i zuzzuse,i ginocchie mamma' mi lavave ca spugne a retine ,quanne c arretramme ce menamne inda vasche a duie a vote ,l acque ere nere cume o tezzone ,de fronde a casa mije ere tutta cambagne ,nuije a chiamamme "abbasce e muntagne "e qui taggo Mario La Marra e Rita Speranza ma tanti si ricorderanno in questo gruppo Franco Spagnuolo Nino Martino ricordate?
I vicini di casa erano tutti amici ,erano tutti nostri padri e nostre mamme,l affetto che c era a quei tempi tra vicini oggi.nn esiste più,educazione ,rispetto e tanta umiltà.
Tanne u mare nen ere pe tutte,quelle poche che putevene ie s arretravene tutte appicciate e facevene i buffune che se vedeve u segn du costume,e u iurne a prisse s avezavene chine de vischiche scusatemi ma questi ricordi mi fanno piangere e ridere sono teneri ,eravamo cosi ingenui.
E le sottane di mia madre?le mamme allora le mettevano tutte,era il capo primario ,come erano belle e fini.,io mi incantavo ,mamma le comprava da filomene sope e scale da chiazzetta coperte ,confezionate in scatole quadrate sottili,ogni volta che ne compra una io.la dovevo.indossare le adoravo,erano.bianche,rosa,avorio e anche nere.ma a mamma il nero nn piaceva.
Da filomene mamma c accattave pure i cavezze bianghe a buche a buche che quanne te luave i scarpe ascevene i pide a vuzze a vuzze il.loro ricamo era molto duro .
Po ogne tande asceve nu spusalezije,e tanne mamme ce accattave tutte cose nuve ,da i.mutande cu riccitille arrete ,i scarpe de vernice nere,alla bambolina ,i suttanelle bianche da sotte che finimondo.
Me mo' avaste se no acconde tutte mo ...

D.M. 01/03/2021

Tutte i matine

Tutte i matine sempe a stessa ore sintive quelle parol "wèèèè av'zat'v che è tarde "angore a sente inda mente ,tutte i matine na tavale apparecchiate tanda tazzulelle de latte e cafè e pane fredde da nzuppà  fatte tutte a pizze pizze,tutte in ordine do chiù peccule o chiù grusse  cume suldatine facemme tutte i stesse movimente ,tutte i matine  erene pronte I senale ,e c' aiutamme l'une c l'ate pe appunta' i buttune,nu fiocc rusce chiù grusse di facce nostre ,e pronte fuiemme verse a scole ,mammà o balcone "stateve attinte quanne ascite ",u bidelle salvatore  ce aspettave fine a l uteme criature ce lucculave n'cape e po' chiudeve u cancille de firre, ce vuleve bene a tutte quande ghesse teneve'nu grembiule nere ere n'ome avate e grusse a vederle facev paure ma,se u canuscive er bune cume o pane,finite i lezione tutte in fila per l'uscita ,mamma meij nen vedemme  l'ore de turnà e case nostre ,che avemma magnà quelle che truamme senza sturce,ce leccamme i piatte ,e po' ce ne fuijemme mizze a  strade senza compiuter o telefonine ce divertemme lo stesse,ce congelamme ma ninte,nn ce iemme arretra',fine a quanne i mamme ce chiamavane da i finestre,ricordo le sere d inverno ,la nostra stufa a legna nel corridoio ,la legna recuperata da papà ,e le bucce dei mandarini che emanavano quell odore inconfondibile di famiglia ,di calore ,odore di casa tua ,rientravo e mi divertivo con mia nonna ,le mettevo le mani gelate in faccia e lei puntualmente mi buttava la sua piccola ciabbatta appresso ,che vu diche affaaaa'.

D.M. 27/02/2021

'U mendicande

tene na case inda ogni quartire,
fatte de cence e de cartune,
tene na giacche de vellute a coste,
e nu cavezone truate inde buste,
cà faccia acalate e cù cappille mmane,
senza dice na parole aspette a l'emosine di cristiane,
senza magnià e chi mane gelate passene i iurne e pure i nuttate,
l'uniche fiate nu sturme e palumme,
che aspettene invane na millichelle,
tanda vote chiude l'ucchje,
e se vede inda na fameglje,
ma po' s'accorge che eje nu sunne ,
e tutt'anzimme se repigghie,
passene gente d tutte i manere
pure a signora m'bernacchiate,
che col suo "fare indifferente "
se distingue mizze a gente
nun i manche nu surrise nonostante a triste vite,
cane e gatte pe cumbagnie,
che uccumpagnene pe tutte i vie...
queste eje u destine du mendicande,
che ciadda fà riflette a tutt quante......

D.M 27-01-2015

Cume nu' cineme.....

Nen te scurde andò si nate
cume na vecchia pellicole
cunsumate do timbe
me rivede u cineme da vita mije...
mamme sope a na tine 
e l'uteme criature indo carruzzine
na' case piccule chiene de gente
luccule chiande e risate me tornene a mende!
nu giardine c tanda albere fiurite
lenzole janghe asciugate dò vinde
n'arije fine cà pirdive i sinze...
i recorde belle nen sparescene maije
s'addormene sckitte,e se stipene inda memorie du timbe,
ma po abbaste n'addore inda l'arije...
u cineme de ricorde se ferme
a quanne ancore na criature
jucave mizze a strade ,giocattole senza nome 
n'vendate tanne tanne...
i mane de mamme che facevene da magnià
u grembiule da scole sempe pronde sope a segge
che ancore mu guarde inda mende...
sende ancore addore
che m'aiute inde jurne nere
tanda vote cerche o 
timpe de turnà,tande che li coste....
ma esse nen me sende
e me gire i spalle prepotende
cerche u calore da cucine
e quella tazze de latte cavete
cerche u sole che da finestre faceve capoline
cerche u vinde inde capelle quanne fuijeve pe iè a scole.
mo torne sempe arrete cu timpe
nu cineme già viste ,nu cineme antiche 
cà nen te stanche maije de guardà.

Nà iurnate cume e tande..

Ogne tande me ne scorde
Pure quande anne tenghe, 
Ma nen eije pecchè nen m'aiute a mende
E schette che pe te  nen te reste
Manghe nu mumende..
Cume me sveglije
A matine, stace
già a liste sope o comodine
Che agghje scrette a sera prime,
Manghe mette i pide n'derre
Ben di notte s' accummenze da
 indo o bagne e a fenesce inda cucine,
Pò ascenne a fadigà, fa a spese e
Vute e gire e s'e fatt l'ore pe magnià,
Fuje da quà, fuje da là...
Tielle a manghe e drette
Nen faije manghe attimpe a t'asettà..
Aspette, miche è fenute quà
Tu te cride che pò te puije repusà
Seee, vene a fegghjee che te dice:"mamma mi fa male la gola " 
U aneme du prugatorije e miche a puije dice "nene eije ninde"e allore corre do dottore, ,,
E quanne arrive te fa na trafile de nu pare d'ore,,,,
E intande i vicchiarelle che t 'angappene e t 'accontene
De tutte i  guaije lore... 
Finalmente ce chiame u dottore, ..
Corre corre tocca a nuije,
"Che è sucesso alla ragazza .?"
"Dottò i face male nganne "
"OK non è nulla, sono mali di stagione "
E to pe na parole ce fatte aspettà doije ore ?
"E nò,  dottò pure eije ce l agghje dette, e nen m'ha sentite, almene doije parole de chijò ce le dice, nen te n'ascenne rette rette"
Finalmende ce arretrame... 
Vuije penzate che fenute?
See fosse a madonne, 
"Mamma ho fame , ma fai presto devo uscire "
E ije "uè belle belle, che te pinze che mine a corde e camine ?
E vabbù mitte a tavele, prepare a cene, e po' t ' addurme sope o tavele, nen tu cride manche to, chiude l 'ucchije pe mezz' ore, indo' sunne si convende de sunna'na favole vere, po na mane sope a spalle te duscete... 
D.M.

E' già s'è fatte sere

E' già s'è fatte sere
u vinde s'è calmate
tutte cose s'è fermate
a fà rumore sole i pinziere
e i cambane da chise vicine,
m'avvicine a na fenestre
cu nu scialle sope e spalle
sende u gele fine a l'ossere,
e i brivede sope a pelle,
"quase quase me vache a corche ,tante a iurnate è finite"
e accussè passane e iurne ,sempe a stessa vite,
menu male che arriva a notte a stutà quiste pinziere,
tante già se sape dumane è arruate , e eije cume  ogge ,eije  cume aire. 
D.M.

Nà mamme

A sere me chiamave
da sope o balcone
a voce suije arrevave cu vinde
e ije a sendeve ,andò steva steve
da lundane a vedeve
quella figure,ere cume nu fare 
mizza mare....
giovene ,forte e belle
brillave sotte a luce di stelle
teneve i capille nere
cume nu vellute
doije trecce longhe
che n'curniciavene a facce
nisciune pittore
puteve fà quelle ritratte
in tande ce'hanne pruvate 
ma sole nu fegghije ce l'ha fatte...
nà mamme rimane mamme
pure se passene l'anne...
mammà te vulesse scrive ogne iurne
sta penne m'ha date u curagge!
ma i parole sò sembe troppe poche pe na mamme...
na vote m'è mbarate a cammenà,a scrive e parlà
e mò eije pe te che pozze fa'?
"vine a qua stamme vicine ,queste eije sole quelle che e fà"
D.M
6/04/2015

Ogniìì sere

Ogniìì sere d'arrete a fenestre vedeve sembe a stessa scene ....
nu vecchije e na vecchije ,assettate c u lume da cannele che ,se magniavene na stozze, sembe a stessa ore,sembe i stesse muvemende,ogne sere m'incantave ,chisa' che se dicevene ....quande ere bella quella scene, esse ce tagghiave a mele a felle a felle,.e ghesse a guardave ancore cu l'ucchije giovene de quell'amore ,erene cuntende pure se nen se dicevene ninde,baste che stevene anzimme.
Pò da qualche sere d'arrete a fenestre vedeve sole a vecchie che se nazzecave sope a na segge a dondole, vecchije almene quande e esse ,me sembrave strane vederle da sole ,penzave....forse u vecchije nen sa fide s'è messe indo litte....e invece po agghije sapute che se ne ere iute a l'ate munnne.
che pene me faceve quella vecchije che quanne me vedeve me salutave avezanne a mane  cu l 'ucchije triste e nu surrise furzate, ha perse a cumbagnije ,a vite eije cume nu trene in.corse ,fuije fuije manc u timp de darte na risposte...quella case già silenziose mò nen se vede chiò manghe u lume da cannele ...
D.M

U' trainire

Duje cavalle ,bianche e nere
u trainire facive pe mistire
nen tinive orarije pe t'arretrà,
t'aspettamme tutte quande pe magnià...
Te sentemme d'arruà,cu nu fresche ce chiamave,
"papà,papà è arruate papà"
na more de fegghije chi grusse chi peccule ,
atturne a tavole cume suldatine
a dijune stemme tutt a iurnate,
pecchè u pranze ere uniche e arrivamme a sere affamate ,
ije a chiù peccule de 10 fegghje,steve sembe assettate sope i gamme tuije ,
quelle piatte che te magnave ,nun ere maije tutte pe te
mammà diceve "dorè fa magnià a patete"e tu rispunnive
"angiuli stache apposte ,faccille magnià a criature cadda cresce "
po, a une a une ce avezamme ,e atturne o vracire cu te e mammà c'assettamme,ce accuntave i favulette,e nuije tutte a vocche aperte,
po a stanchezze se faceve assende ,e t'addurmive ca cape appuiate sope o tavole,e ije c l'ucchije d criature te guardave e indande penzave "papà te vogghje bene "
D.M 06/01/2021

Dedicata a mio padre che questo mese compirà 100 anni

I scarpe ròtte...

teneve nu pare de scarpe rotte,
chi buche sotta a sole,da fore parevene belle,
e nisciune se n'addunave,
ma po quanne chiuveve i pide se gelavene ,
senteve u fredde dell'asfalte,
e i cavezette mbosse,
po turnave a case e ammuccine de mammà,
i metteve asciugà,sope a stufe a legne,
luave u cartone bagnate e metteve n'ate,
mammà ca faccia triste m guardave ,
e ee senza dice na parole l'abbrazzave,
quanta timpe è passate ,mo so mamme pure je
e capesce che pruvave mammà quanne m guardave ,
capesce che m vuleve da tutte cose ,ma nen puteve,
però ciamme fatte grusse lo stesse,arrancanne pe campà,
e se tenghe i valore indo core agghja dice grazie sole a mammà......

D.M.

Natàle 

Stù Natàle sembràve nère, 
cume s'ere abbiàte,
ma pò 'na luce s'è appicciàte,
'n'a luce chè brille de làte,
'a càsa mèije s'è rièmpite de regàle,
fatte tutte da gènte spèciàle, 
e chi lacrime al'ucchije de fèlicita',
hamme viste 'a tristèzze de passa' ...
Ogni Natàle e 'nu Natàle divèrse,
ma nun nèje mài 'nu Natàle pèrse.

DM

Cume nu cineme.....

Nen te scurde andò si nate
cume na vecchia pellicole
cunsumate do timpe
me rivede u cineme da vita mije....
mamme sope a na tine
e l'uteme criature indo carruzzine
na case piccule chiene de gente
luccule chiante e risate me tornene a mende!
nu giardine c tanda albere fiurite
lenzole janghe asciugate dò vinde
n'arije fine cà pirdive i sinze......
i recorde belle nen sparescene maije
s'addormene schette,e se stepene inda memorie du timpe,
ma po abbaste n'addore inda l'arije......
u cineme de ricorde se ferme
a quanne ancore na criature
jucave mizze a strade ,giocattole senza nome
n'ventate tanne tanne...
i mane de mamme che facevene da magnià
u grembiule da scole sempe pronde sope a segge
che ancore mu guarde inda mende...
sende ancore addore
che m'aiute inde jurne nere
tanda vote cerche o
timpe de turnà,tande che li coste....
ma esse nen me sende
e me gire i spalle prepotende
cerche u calore da cucine
e quella tazze de latte cavete
cerche u sole che da finestre faceve capoline
cerche u vinde inde capelle quanne fuijeve pe iè a scole.
mo torne sempe arrete cu timpe
nu cineme già viste ,nu cineme antiche
cà nen te stanche maije de guardà

U’ trène

Quant’é bèlle u’ cìle stanòtte,
me pàrle e m'accònde ‘na storia infinite:
gènde che pàrte, gènde che vène ...
‘na storije che pàrle d'amòre
duije còre sòtte a lùce du nu lampiòne
pàrlene sc’kìtte l'ucchie strengènnese i màne
‘na balìge pe ‘ndèrre prònde a viaggià
aspettànne nu trène che nen pàre arruà
duije còre attaccàte da nu sòle destìne
ma che ‘a vìte ha decìse de cagnarle u’ cammìne...
da lundàne nu frisc’ke se sènde
nu frìsc’ke che i còre fàce zumbà chiane chiane
già stànghe s'avvicìne ‘stu trène e sope a facce na lacreme scènne...
nu trène che nisciùne vulève pegghià...
chiù nnànze na màmme s'abbràzze nu fìgghije che a furtùne vulève truà
s'agàprene i pòrte e i màne se stàcchene làssene ammòre,
màmme e fameglije si pòrte lundàne
ind’ a n’ata città sòtte u’ stèsse cìle sperànne de putè turnà..
DM

Mò vene Natale.....

Pure quist'anne natale è arrivate ,
mizze e strade e inde vicule
stanne già luce colorate,
s'appecce pure a speranze
indò core da gende
specije a quelle che
nen tenene niende
ogne anne sembe
i stesse discorse
"Babbo natale portami pace ,amore e serenità"
ma de tutte sti cose nen agghije veste maije ninde
se vede sole a triste realtà,
gende che chiagne mizze a vie
gende che nen pote chiù magnià
gende stanghe de sta vite
che addà cumbatte pe cambà,
se chiude n'anne e vene nate
ma da speranze ce ne sime scurdate
ma che fine ha fatte u vecchije natale
fatte sole de cose speciale?
se cambave c pane e cipolle
a natale l'arje sapeve de bune
chi scorze di mandarine sope a vracere e atturne atturne gende vere ......
mo i timbe sò cagnate ,mo natale so sole luce colorate.......
D.M 12-2014

Mòre a vacche

Mòre a vacche e more l'agnille, more u vòve e u ciucciarille more a gende chiine de guàije ,e me saje dice chi nn more maije?

D.M. 02-2021