Crea sito

Perrucci

Riporto, di seguito, una poesia del Perrucci dal titolo “E se n’è gghiut’!”, pubblicata da Ester Loiodice nel saggio “Pochi punti sugli … i” (Tipografia Editrice Fiammata, Foggia 1934).
Anche per questa poesia la Loiodice, che la presenta molto probabilmente non nella forma originale di scrittura del Perrucci, ma utilizzando la sua personale tecnica di trascrizione del dialetto foggiano, avverte che “valgono le stesse note fatte a pag. 13” del saggio a proposito di un canto popolare, e cioè:
(1) L’apostrofo in fine di parola sostituisce la vocale non pronunziata nel dialetto.
(2) Tutte le vocali con l’accento acuto si pronunciano strettissime.

E se n’è gghiut’!
di Perrucci

- Ch’è? Si’ vénut’ subbit’ stasera? (1)
E n’ putiv’ fa’ dalmenó…
- Ij’ tremó?
No… Ch’è succiéss? Niend’…
Sol’ mi dispïace
Ca t’ n’ si’ trasutó all’assacresá
Quann’ aviva truvà sérrat ‘a portá…
- Si? Caschi da li nuvole?
Poveriell’ ‘nnucend’!
Nzomma, qua hind’, cum’è cert’ Dij,
N’n ce mett’ chiù peté,
Prima d’ mò vattinné.
- Che vuo’ capì? … ca si’ nu sbruvégnat!
T’è passata ‘a mengrania d’aiersera,
ca t’ n’ iess’ subbit’?
‘Nu poch’ Che curaggio!
Che t’issa cret’ ca n’n t’agghij’ vist’?
‘U cchiù ttard’ ind’ a villa a passeggià?
P’u viale chiù a’ l’ascurá,
‘Nziemé a quillu mirluzzó senza sanghé…
E ‘a mamm’ … ca’ uardav’ i stellé ‘ngiel’?...
- Ch’è vurriss’ nehà?
- Ah, fussé trascinato? Poveriello!
So’ amiche di famiglia?
E vatt’a sta’ cu’ lor’… E spusatill’
a quella mostr’.
- So i noblé d’oggi giornó, i signoriné
C’addoran’ d’ … cunz’e ruscio, i’ bellé,
e sigarette …
Ij’ so’ di basso ceto,
Cum’ dicite vuie, signuri nati;
Ma tengh’ a’ giuventù; mé zombn’ ‘mbaccia
I rosé d’a salut’,
Quann’ m’ si’ vinut’ a gimendà,
Che ti dicij?
Vattì, guagliò, ca tu n’n faj, p’ mè …
Ij’ so’, capisci, ‘na figghiolá onest’,
‘U porto ‘mbrond’ schett (1)
L’onor’ ca m’ha dat’ ‘a mamma mij’,
E qua, hind’ a’ sta casá,
No’ n’n gì stann’ no, fus’ d’appenn’ …
So’ stata tropp’ bboná,
Ch’agghij cridut’ a’ giuramend’ tuj,
Aveva send’, ‘mmecé, a mamm’, a quand’
M’ l’hann’ semb’ ditt’
Ca tu si’ malamend’ …
Però, ‘na passïat
Ch’ me a’ l’ascurá p’ ind’ a vill’, ‘u saj’ …
N’n l’è putut’ fa’ …
E mo’, vattinn’.
‘A vì, mo’ ven’ mamm’,
Stacé ‘mbundat’ a ‘zenna,
E si t’ ved’, cridiló,
T’arravogghi’ ‘a pichesciá ‘ngann’. Fuj!
- Sì, sì ch’ tutt’ ‘u coré,
N’n ci accustann’ chciù …
. . . . . . . . . .
- E se n’è gghiut’! … -
Dicé appannan’ ‘a port’.
E, jettaté sop’ a’ na seggia, chiagne!
Alì,
‘U cacciuniéll’ suj’ affiziunat’,
Ca sop’ a ‘na buffetta s’ ‘a uardav’,
cutilijann’ ‘a cota,
‘i zomb’ mbiétt’, ‘a ciancijeia, l’allecca
‘i lagrem’ d’ ‘a faccia, ‘a vas’, ‘a parl’
Ch’ l’uocchié hind’ a l’uocchié,
Cum’ vuless’ dicé: E’ fatt’ bbuon’!
Statt’ sol’ ch’ me, ca so’ fidel!
TRADUZIONE LETTERALE di Ester Loiodice
E se n’è andato!
di Perrucci
- Che è? Sei venuto subito stasera?
E ne potevi fare a meno …
- Io tremo?
- No … Che è successo? Niente …
Solo mi dispiace
Che sei entrato di sorpresa
Quando dovevi trovare chiusa la porta …
- Si? Caschi dalle nuvole?
Poverello innocente!
Insomma qui dentro, come è certo Dio,
non mettere più piede.
Prima di ora vattene
- Che vuoi capire? … Che sei uno svergognato.
Ti è passato l’emicrania di ieri sera,
che te ne andasti subito?
Un poco? Che coraggio?
Che credi che non l’abbia visto,
il più tardi, in villa a passeggiare
Per il viale, all’oscuro,
Insieme a quel merluzzo senza sangue (giovinetta magra) …
Muso a muso ... a braccetto …
E la mamma che guardava le stelle in cielo? …
- Che è? Vorresti negare?
- Ah, fosti trascinato? Poverello!
Sono amiche di famiglia?
E va a stare con loro …
E sposatela quella mostra …
- Sono i nobili di oggi giorno, le signorine
Che odorano di belletto, le belle, e sigarette …
Io sono di basso ceto,
Come dite voi signori nati;
Ma ho la gioventù; mi saltano in faccia
Le rose della salute
Quando mi sei venuta a cimentare,
Che dissi? Vattene, ragazzo perché tu non vai per me …
Io sono, capisci, una figliola onesta,
Lo porto in fronte schietto
L’onore che mi ha dato la mamma mia,
E qua, dentro a questa casa
No, non ci stanno no, fusi da appendere …
Sono stata troppo buona,
Che ho creduto ai giuramenti tuoi,
Dovevo sentire, invece, a mamma, a quanti
Me l’hanno sempre detto
Che tu sei cattivo.
Però una passeggiata
Con me all’oscuro dentro alla villa, lo sai
Non l’hai potuta fare …
E ora vattene
La vedi, ora viene mamma,
Sta ferma alla punta,
E se ti vede, credilo,
T’avvolge la giacca al collo. Fuggi
- Sì, sì con tutto il cuore,
Non accostarti più …
. . . . . . . . . .
- E sen’è andato!
Dice socchiudendo la porta.
E, gettata sopra una sedia, piange!
Alì,
Il cane suo affezionato,
Che di sopra ad una tavola se la guardava,
Agitando la coda,
Le salta al petto, l’accarezza, le lecca
Le lagrime della faccia, la bacia, le parla
Con gli occhi negli occhi
Come volesse dire:
Hai fatto bene!
Sta sola con me, che ti sono fedele!