Crea sito

Gaetano Saracino

 ESCAPE='HTML'

FOGGIA E' NA VOTA

So' storie e sturielle
di n'epoca belle,
di quann'i fuggiane
nen cummattevene k'i mane.
Erene i timp di quanne atturn'ò pataffie,
accuntann'i fattarille facemm'a capa maffie.
A radie? ..A televisione?.L'internette? ...
Si facevene rutille p'accuntà favulette!!!
Gente semplice,...oneste, ...puvurelle ...
Erene l'anne d'a carruzzelle.
Oggie t'accidene pe' poche lire...
Ti sparene senza pigghia' neanche a mmire!

FOGGIA NOSTRA

Quànta mistère Fòggia mia bélla
se so' appicciàte k'i tre fiammélle!
Cùmme mo' fòsse, mill'ànne fa'
tu si trasùte nell'eternità.
Pe vulére de Dio 'na tavulétta
venìje a gàlle sòpa o laghétte,
arravugghiàte d'ìnt'a 'na téle
a Madònna bélla di Sétte Véle!
Te facìsse truvà da nu vaccàre
pe ésse purtàte a nu casulàre
ch'éra chiamàte "Tavérna du' Gùfo"
na katapécchia fàtta de tùfo.
Vérgina Sànta, Madre di Dìje
si pùre a màmma de Fòggia mìje
che pròprie da quànne mìzz'a nùje si nàte
ha avùte li gràzie, assàje a ciampàte!
Nemmànk'a guérra cià stremenàte.
Dòppe le bòmbe Fòggia éje rinàta.
P'addeventà chiù gròsse e bélla
cùmm'e nù ciéle chijìne de stélle!
Tùtti i fuggiàne nun se pònno scurdà
de quésta sànta e bélla verità.
Perciò tùtte quànte per Fòggia nòstra
d'i fàtta nùstre hàmma fa' na' mòstra!

L'ASSEDIE O' SINDACHE

CAPO USCIERE:
Signor Sindaco stace CERASE,
quillo che vace e vene p'a case...

SINDACO:
Dicce che forse l'avrà fra n'anne
pecché a stanne fabbricanne

CAPO USCIERE:
Signor sindaco vi cerche ESPOSTO ...
so' tant'anne che busse a posto...

SINDACO:
Adesso basta! ... mo vuie vedé
che assume a isse e caccia a té?...

CAPO USCIERE:
Signor Sindaco, u' cape sturte
dice che i serve u' passapurte...

SINDACO:
Pe' nu vote che ti danne
t'assidiejene tutte l'anne ...
Accuntinte pure a quiste ...
damme a forze pe' resiste ...

CAPO USCIERE:
Signor Sindaco ... c'è Fantasìje...
quille che stace mizz'a vije...
dice che jette tutte pe' l'arie
si n'cì paghene u' straurdinarie ...

SINDACO:
n'cia fazze chiù... Madonna mije ...
vedite che vole stu Fantasije...

CAPO USCIERE:
Signor Sindaco, fuori c'è un tale ...
che non mi sembra per la quale ...
Parle appene mizze dinte
e dice che nen vole ninte...

SINDACO:
Stammece attinte ... chiamate a gente
chissà che vole stu delinquente.

VIJERNE

Quanne è vijerne per Foggia antiche
ije me ne vache pe' strade e viche
si po' è notte e chiove forte
trove nzerrate finestre e porte.
Questa è Foggia che piace a mé
e che a gente avrija vedé.
Int'à silenzio da notta nera
ije sente 'u respire de Foggia vera.
Abbascia a 'na grotte se sente nu lagne
a case a fianche nu' ninne chiagne...
mentre p'i strade chiove e po' chiove,
quanta tristezze stu' core mije prove.
Chiovene lagreme de malinconije,
mentre do' core nasce a poesije.
Tristezze e fridde sente p'a vije
e m'accumpagne sul'a scurije.

TUTT'I SANTE

Quann'eje u' jurn'e tutt'i sante
vache sempe o' campesante
e k'a luce d'i fiammelle
legg'i scritte int'e cappelle:
"Uomo probo,...Uomo onesto,..."
A scrizione è sempe queste ...
Se ci mette po' attenzione
sembr'a frase d'a canzone.
Oneste quà, oneste là...
So' jute tutte all'aldila? ..
E perciò m'insuspittije
ch'erane tutte fissarije.
O sarrà che i fetinte
morene senza avé parinte
o che a morte è nu diplome
che te face galandome!

U' CUNCERTINE

Steve 'na vota a Foggie u' Cuncertine
ke nu cantante 'ntiste e malandrine
quanne sunave a gente asceva fore
pe sente d'annaria' a "Pummadore".
Lanciane Salvatore era 'u cantante,
scusateme perciò si me n'avante.
Stu maste arricamave "tunne tunne"
ke era veramente a fine 'u munne.
Po' Orlando Lo Polito, u viuliniste,
'u re di sunature, nu' vere artiste,
traseve in campo, k'a bacchetta mmane
pe farte iji' arretra' si o no dumane.
Vintanni so' passate in allegria
nzime ke sta' scelta cumpagnije.
Mo' sembre che 'u spettacule è fenute
da quanne tre cumpagne so' sparute!
D'ogni principie è scritte ind'o destine
nu iurne o l'ate hadd'arrua' la fine,
accussì arruaje a fine d'ù complesso
ke sol'a morta nfame ha fatte fesso.