Crea sito

Alfredo Ciannameo

I RECÙRDE

Deceve nu screttòre,
ca vecchje s'addevénte
quanne tanta recùrde
te vénene a'mménte.
P'me nen'sò 'i recùrde
a fà 'nvecchjà 'a gente;
lore fanne revìve
l'anne du' passate!
'Nzassòmmene 'i recùrde
quann'ije sende chjòve,
o quanne 'a neve stace
e janghe e' tutt'atturne.
Si vene 'u solliòne,
teranne nu favùgne
e 'u càvete te sckjàtte. (1)
Si trase ind'a na Chjese
e sende nu Resarie;
si passe p'nu viche
e vede 'u funachette (2)
'mbuccànne Via S. Elene;
si gire pa' Janàre,
passe o Kjane 'i Fosse
e trase a Vie Orientale.
Ije stanche m'arretire
ma giòvene me sende,
sendenne 'i ffleggeminte,
'u chjante de crijatùre,
vedenne 'a gente amìche,
'u spose o'zinne a'strade,
'a zite arréte e'lastre
e case ... scuffelàte!
Me scorde 'u munne attùrne
pe'sti recùrde mije
de l'anne bell'assaje.
Ije sonne l'armunije
vevénne quilli timpe
kjùse ind'a stu core
ca'mbitte tuzzeléje.
A l'ucchje mije vene
na lacreme de gioje
pu'timpe du passate,
sunnànne ... ch'è turnàte.

I RICORDI
Si diventa veramente vecchi quando si hanno tanti ricordi?
Per me non è così!
I ricordi fanno rivivere il passato, sia esso gioioso o triste.
Ho conservato nel mio animo i giorni passati senza alcun
alone di morte, di tristezza, ma conservando tutta la loro
vividezza tale da non portare il passato a me, ma sono io a immergermi
in esso, tanto da farmi dire ...giovene me sende".

SCJAMME SCJAMME

“Attannùte (1) i kardùne.
...Kardùne attannùte ”
Nerme’ere’a voce de nu crestijane,
tampòke quelle de nu lupanàre
che, a sere annòtte, p’tutte na vernate
dind’e viche e strade, sendive de ’ndrunà!
kjù che nu lùcchele (2), nu laminde ere,
ca poche e spisse te straziàve ’u core,
quanne u cile apìrte, acque jettàve,
o a neve te ‘nzerràve ca’jelàte
e a voria fredde, a facce te tagghjàve.
Da n’ome asceve stu cante lamentùse
p’venne a’ggente quatte kardùne frisckje
accùvete a matìne dind’a n’urte.
‘A faccia suje nenn’a canuscjve
pa’varva nere ‘mmesckjàte (3) ca’ scurie,
pu’fonge (4) ‘ngape ‘nzaccàte fin’e recchie,
dint’a nu pastràne arravugghjàte!
“Kardùne attannùte ...
...Kardùne janghe e tìnere ...”
Stu lùcchele u sanghe me jelàve (5)!
Nu lùcchele de ragge me parève
o de gastème p’na sorte ‘ngrate
che, a isse, sope a terre, ere tuccàte!
‘A vita suje niscjùne a canuscève!
‘U curpe suje, segnalàte ere
de na brutta guerre ind’a trencèje,
avenne, pu’valore, na meraglia!
Ere nu lùcchele de nu pover’ome,
che aveve date, senza maje receve!
Ere nu lùcchele de nu sventuràte
povere a denare, ma ricche de buntà!
“Kardune attannute ...
...attannute i kardune ...”
Stu lùcchele ca vene dind’e recchie
quanne e’notte e attùrne tutte dorme,
ije, ‘ngile, u sende ancòre de ‘ndruna!
Nenn’ere nè de ragge o de gastème,
ere ‘u laminte de nu galant’ome
ck’na vite de stinte e senza dramme:
...Ere ‘u lùcchele de Scjàmme Scjàmme!

l - Freschi
2 - Grido
3 - “Si confondeva”
4 - Copri capo
5 - Gelava

SCJAMME SCJAMME

Attannùte i Kardùne ...
... Kardùne Attannùte
Questo grido gutturale usciva da un povero uomo, che la sera girando per vicoli e strade, con qualunque tempo, vendeva, per pochi soldi, dei cardi selvatici.
Questo povero uomo, con una barba incolta e un cappellaccio e un pastrano rattoppato, era per molti bambini, la personiticazione dell’uomo cattivo; se poi sentivano il suo grido che di umano non aveva niente, si rifugiavano pieni di paura fra le braccia della mamma. Povero Scjamme Scjamme, così era chiamato ... non era l’uomo nero, l’uomo cattivo, bensì un uomo onesto e generoso che nella sua vita aveva sempre dato senza mai chiedere nulla;anzi: il suo corpo era segnato da brutte ferite avute a Caporetto nella Prima Guerra Mondiale, durante la quale, per il suo valore, aveva ricevuto una MEDAGLIA D’ARGENTO.
Scjamme Scjamme era un uomo povero, ma ricco di bontà! Il grido che dava non era un grido di rabbia o una bestemmia, bensì il lamento di un galantuomo che trascorreva la sua vita fatta di stenti, ma senza drammi!

Da Arcobaleno

‘A NOTTE

'A notte vène chi bellezze suje
ck'nu trascùrse, che te parle o'core!
Cu'càvete, ca'neve o quanne chjove,
p'ogne staggione, tène 'na parole.
Tanta vestite, esse cagne sembe,
ma 'u kjù belle, è quille trasparente,
urnàte tutte de'giujìlle,
che pròpete 'na fate m'assemmegghie!
'Nu mante porte tutte recamate
da mille e mille stelle trapundàte;
'na bella lune kjene p'ciappòne
che, 'ngile brille, sembe kjù lucente.
Ije, mò, te parle cume a 'na fegghiòle
che 'i titte guarde de'stu paese mije!
Cu'mante tuje 'a terre sembe cagne
e ije ck'tanta Amore t'accarezze!
Quanne tu scìnne, apre sembe 'u core;
ogne parola tuje è dolce assaje:
'Nu chjante de'crijature o de'na mamme;
'na voce de'nu cane ca'se lagne;
'nu cante o 'na parole de 'mbrijàche:
'na museche pa'bella 'nnammurate:
'nu lùcchele p'chi'sta terre lasse;
'nu rise p'chi è venùte o'munne.
Tu si' a notte e a tutte quante parle
ch'stu lenguàgge tuje che rire e chjàgne!
Strèngìrte vularrije ind'a 'sti vrazze
p'avè l'amore tuje sckjtte p'me!
Penzànne a quiste chiude 'sta finestre
fessanne appundamende quanne e craje!
Ije mette 'a cape mije sop'o cuscìne
sunnànne che t'abbrazze e che te vase ...!

LA NOTTE
La notte! La più bella, la più romantica, la più misteriosa parte della giornata! Ogni poeta l'ha cantata!
Essa è la complice misteriosa di fatti e misfatti della vita; è l'amica inseparabile degli amanti.
Superba nell'aspetto, a volte dolce e carezzevole; a volte triste e lugubre.
La notte non indossa mai lo stesso abito: ora è nuvolosa, ora stellata e luminosa!
La notte conserva sempre il suo fascino e parla a tutti, affascinando l'uomo!
A volte ride nel suo plenilunio; a volte piange sotto il peso delle nubi e del gelo!
La notte è l'amante capricciosa e adorabile.
Sarebbe divino poterla stringere fra le braccia, parlarle, sussurrarle parole d'amore e poi sognare ...

'A PALUMMELLE

Ouann'eje 'a sere e s'appìcce 'u lume
attùrne, spisse, s'aggìre na palòmme,
ca nen'se pose maje e apprìsse vene.

Si jeve a scole o faceve a'more;
si da spusàte, nu figghie aspettàve;
si certi nutizie, ije desederàve;

sta palòmme, qualcòse me deceve
quanne attùrne o'lume s'aggérave
o apprisse a me, esse s'abbiàve.

Si dind'o core, teneve a' pucundrìje,
queste me metteve n'armunìje
p'sta nutizia 'bbone ... si ma deve!

'U timpe corre ... l'anne so'passate
e sta palomme nenn'a vede kjù,
pure si scrive tutte na nuttate

sott'a nu lume sembe appecciàte.
Quanne ce penze, me fazze na resate!
De me... pure 'a palòmme s'è scucciàte!!

Alfredo Ciannameo, Nu zumbe …ind’o passate, Edtrice Apulia, Foggia 1982

CURIÁNDELE

Site de carte e nen’custàte ninde,
purtate cinte chelùre p'vestite;
tunne e peccenùnne site fatte
e sckjtte pa'llegrije ascìte 'nzande!

'U Carnevale eje 'a festa vostre
e quanne 'a gente v'ha jettàte a l'arie,
a neve culurate assemegghiate
o palummèlle ca'ngile ve ne jate!

Da sècule 'nu bene vuje facite:
da cape, vuje luvète ogne penzire
scurdanne quille ch'è succìsse ijre
regalanne resate a tutte quante!

E masckjaràte vulite bene assaje,
che bàllene e càntane prijàte;
scumpìgghie dind'a folle vuje purtate
p'tutte 'sta'llegrije che 'a gente pigghie.

Vulanne in arie, va gudite assaje
vedenne tutte 'u bene che facite,
ma jenne 'ndèrre, acciaccàte site
perdenne cu'chelòre, l'allegrije!

'A festa vostre, p'vuje, è già fenùte!
'I luce pure, se sò già stutàte
e 'a gente fece già na pulezzàte
scurdanne quille che, ce'avite date.

'A gioia vostre nu mumènte dure!
Senza chelùre e accussì acciaccàte,
rnennèzze sulamente, addevendate!
………………………………………….

CORIANDOLI
Pezzettini di carta colorata sempre presenti nella loro grande festa: il Carnevale!
Nell'aria sembrano piccole farfalle o fiocchetti di neve colorata.
Sono amanti delle maschere; apportatori di risate e di baldorie fra mille luci e gente allegra, facendo dimenticare, anche se per poco, la tristezza e gli affanni di cui la vita è piena.
Offrono senza nulla chiedere, ma la loro gioia dura un attimo; il tempo di svolazzare nell'aria o di posarsi sui volti della gente!
Caduti a terra, vengono calpestati ed insieme al colore perdono la loro bellezza.
La festa è finita, le luci si spengono e dopo aver dato tanto, vengono spazzati via ponendo termine alla loro effimera gioia.
Poveri coriandoli!
"... siete di carta e non valete niente!"


Alfredo Ciannameo – Curiandele, GRAFSUD LEONE, Foggia 1984.

‘A MORTE

Nge'stàce jurne ca'nen'penze 'a Morte!
A sende cume quase me parlasse;
a sende cume fosse cosa vive
e me tenesse sembe cumbagnìje.

'Stu fatte quà nen'capetave maje
o'timpe de quann'ije ere uaglione;
e si parlà da morte ije sendeve,
a'mamma mije, subbete penzave

ck'na paure d'esse abbandunate!
Da quilli jurne... anne sò passate
e 'a Morte ne'me face kjù paure;
a'esse, ije, me sonde rassegnate

pecchè sope a'sta terre è naturale,
che si se nasce... accussì se more!
'A Morte se reduce a 'nu passagge:
se scàse da'sta vite, p'ijì a'n'ate

mettenne fine o'curpe che tenime
e abbandunanne 'i bene 'nzime e'guaje,
che 'a terre a'tutte nuje, ha regalate.
Ije penze a'Morte, senza kjù paure,

pecché esse eje 'nu sunne sulamende
ca'nen'ze sàpe maje quanne arrive
e poche e spisse, a'secherdùne vene
cume'na sajètte... ind'o serene!

P'tutte 'i cose de'stu munne nustre,
ogne prencipie, tene pure 'a fine;
e pròpete ca'Morte, è chiuse 'u gire
senze che esse, qualche grazia face.

'A Morte mette fine a'sta cummedie,
che sope a'tette, avime recetate
e quann'attore, da scene, se ne jùte,
'i luce, 'ndutte, so sò già stutàte!

LA MORTE

Con l'avanzare degli anni, più si pensa alla Morte! Essa non è l'argomento preferito dai giovani, che, giustamente hanno sete di vivere e di godere la loro giovinezza. La Morte è un processo naturale, come la nascita e pertanto non deve diventare un incubo, oggetto di paura e di negazione; bisogna accettarla perché è semplicemente un passaggio ad altra vita; è la fine di tutte le pene terrene. La Morte è il sonno eterno, che non si sa mai quando arriva e molto spesso giunge all'improvviso, mettendo fine a questa nostra commedia, di cui noi siamo gli interpreti!..


Alfredo Ciannameo – Curiandele, GRAFSUD LEONE, Foggia 1984.

Nu pettore

Vularrrije pettà nu cìle de stelle ch─Áne,
na luna ca me rire sèmbe ‘mbacce,
nu mare lucènde e bell’assaje
e tanta fiure cume nu giardine!
Vularrije pettà ‘a facce de l’amore
Cki gioje e i turmînde int’o core,
che si parlà putesse, diciarrìje:
Te vogghije bene assaje, te vogghje angòre!
Vularrìje pettà a facce de na femmene
Cke l’ûcchie nigre, dolce sufferènte.
Ca putarrinne dice a tutte quante:
Nen vide che eje ‘a facce de na mamme!
Vularrìje pettà ‘a facce du delòre
Ca si ‘u tîne, te trafigge ‘u core,
ca nen te dace forze p’ na làcreme
e l’ûcchje suje avrinne sole dìce:
Nen vìde che so Criste puste ‘ngroce!
Vularrije pettà a facce d’allegrèzze
P’ dìce o munne, che ‘a vite eje bèll’assaje,
na facce bèlle…quèlle d’annucenze!
Vularrije pettà na tele quant’eje ‘u cîle
E ‘a terra nostre ch’eje tutte nu giardine
‘i strade, i viche du paese mije
P’arrecurdàrme quann’ere uagliungìlle.
Sò penzîre mije quiste ch’agghie scritte
Ca fazze ‘nnanze a na tela janghe;
p’ quiste i quadre mije nenn’i venne
pecchè da ‘mbîtte me sciupparrìnne l’anèma!
I giurnale e ‘a gente me fànne rire
Quanne dinne ca sò pettòre ‘ngambe;
si saparrìnne quille ca sende ‘u core
ma che nen sape fa sta mane de pettore,
s’accurgiarrìnne ca so nu janghjatore!
 

UN PITTORE

Quanti pensieri, desideri, sentimenti si hanno davanti a «na tela janghe».
Si vorrebbe dipingere un cielo pieno di stelle, il mare, la luna, i fiori.
Il volto di Cristo in Croce, il volto dell'innocenza di un bimbo, il volto delle sofferenze di una madre.
Si vorrebbero dipingere tutte le strade, i vicoli di questa nostra amata città.
E quando tutto questo non si riesce a farlo, non si è pittore ma solo un imbianchino.
Esagerata modestia? .. Insoddisfazione del lavoro compiuto? .. Lieve o totale mancanza di vena artistica? ..

da Alfredo Ciannameo “Arcobaleno Foggiano”- Collana Città Nostra – 2001

'NU SEGGIARE

Tant'anne sò passate
da quillu jurne 'nfàme,
quanne do'cile 'a morte,
scennije ind'a 'stu paese!
Nisciùne s'aspettave
'nu strazie accussì grusse
de' case skuffulàte
e murte a centenaje.
Ind'a 'stu jurne triste,
nu povere uaglione
fuje cundannate a'vite
a nen'priàrse 'u core
da luce du' crijate.
'Nu strazie grusse assaje
fuje p'mamme e padre,
duje povere seggiare
da strade di "Scupare".
'Nu jurne, pover'ome,
cu'core addulurate,
da sule se 'nzerràje
dind' o funachètte
'ddò isse fategave
'ndrecciànne junge frìsckje
pe'fà i funne e segge.
P'jurne nenn'ascìje,
st'ome svendurate;
'nzerràte rumanije
senza magnà a veve;
senza nemmene 'a luce,
senza responne a'gente,
senza segne ... de vite!
P'pacce fuje pegghiate!
Ma ecche, na matine,
che 'a porte se sbalanze
e ch'na segge 'mmane
'stu pover'ome ascije.
Chjagnènne, isse, accundàje,
che dìnde s'ere 'nghiuse
p'fà 'nu funne a'segge,
ma ca' scurìje atturne,
cume si fosse state
pure isse senza ucchje!
'U povere seggiare
dopo 'sta prove 'ngrate,
cu' core straziate,
o figghie suje 'mparaje
a fà 'na segge nove
pure si cundannate
a esse 'nu cecate ...

UN IMPAGLIATORE DI SEDIE

Accadde durante i bombardamenti aerei su Foggia, nella seconda guerra mondiale e precisamente nell'estate del 1943.Un ragazzo, figlio di poverissimi impagliatori di sedie, colpito da scheggie di bombe, rimase cieco. Immenso fu il dolore dei genitori.Una mattina, il padre del ragazzo si barricò nel piccolo terraneo dove svolgeva il suo lavoro, senza acqua e né cibo e nel buio completo. La moglie, i parenti, la gente tutta, cercavano con parole, con grida, di convincere il povero uomo ad uscire.Ma niente da fare, silenzio assoluto! Una mattina, la porta del terraneo si aprì ed il padre del ragazzo apparve tutto commosso, con una sedia nuova tra le mani spiegando a tutti, che, lui, nella completa oscurità, come se fosse stato cieco al pari del figlio, aveva imparato ad intrecciare giunchi e costruire il fondo della sedia, che aveva tra le mani. Da quel giorno, il padre addolorato, insieme al figlio, continuò l'aspro cammino della vita!