Crea sito

Michele Norillo

 ESCAPE='HTML'

N'ACQUE ...... CHE MACCHJE!!!
(Commedia in dialetto Foggiano in tre atti di Michele Norillo)


PRIMO ATTO

Personaggi:
(in ordine d'entrata)
Mafalda Cardonciello
Alfredo Grandacqua
Olga Passione
Margherita Grandacqua
Osvaldo Corona
Achille Corona

Si apre il sipario aI termine di una musica alquanto allegra, Ia scena è la seguent e: una stanza-soggiorno che ha una finestrasul lato sinistro, accanto una porta che dà all'interno, un altro ingresso è nascosto da un tramezzo (lato destro in fondo). La casa è ubicata a piano 'Romano'. E' notte. Mafalda è la prima ad entrare in scena, ha in mano dei pacchetti e mentre cammina si toglie Ie scarpe e le butta in aria e così facendo appoggia i pacchetti e appoggiandosi al divano si toglie anche le calze e sbuffa......
MAFALDA: (in abito color tortora, cappellino con veletta, guanti avano chiaro) ...Uh!.. che strazje stì cerimonje!.... Eje che nen sò abbituate a stì sorte di taccke!.... m'assimigghjave che stave sope a na barcke!... E quell'ate 'ngandate angore a dà rette a quille scavizacane stace? (alzando la voce) Alfrè ! Mena che aqquà tira a filippina! (nessuna risposta) Ohhh! (si controlla) E' megghje che nen ci facime a canoscje d'a prima notte.. sarrja capace di cagnà pinzire! (con voce melliflua) ...Alfredo, ti preco.. 'nzerra il portongino, la filippona si spande per la casa e sendo freddo!! (si sente vociare e poi..)
ALFREDO: (F.C.) Sì.. Sì.. 'u timbe di salutà a l'amici!.. Buona notte pure a vuje.. Sì.. pinze pè te!..
- Nel frattempo Mafalda si è tolta la veletta, la giacca e la mette nell'interno e si ripresenta in scena con un coprispalle e si sdaria sul divanetto -
Entra Alfredo:
ALFREDO: (abito scuro con fiore bianco all'occhjello, stanco)... E cumme sò filabbustire.. a sfotte annanze annanze!!!
MAFALDA: (stanca) Si vede che sì tu che ci daje l'abuse... vide se l'anne fatte che me!
ALFREDO: 'Bhe, che c'endre... dope tutte tra mascule 'a battute pote pure ascì... ma a na femmina.. s'avessere  azzardate eje....
MAFALDA: Sì.. sì.. amma capite nen ti facenne venì na bile.. tande, tu sì bune sckitte cki parole (controllandosi).. cioè che tu sì troppe bune e nen sarrisse capace di palià a nu cumbagne! ... E' mise u' varrone o purtungine abbascje?
ALFREDO: (togliendosi la giacca).. sì statte tranguille! ... Oh.. nen mi pare ruère che è tutte finite!!!
MAFALDA: A chi ciù dice!.. Assimmegghje che sò jute acogghje cicorje e lambascjule.. tande è a cotile spezzate che tenghe!

da ‘N’acque …che macchje!!!, commedia, dattiloscritto, Foggia 2002.