Crea sito

Giacomo Lo Mele

Proverbi foggiani

Chi tarde arrive, màle allogge
Ndr. Chi tardi arriva, male alloggia.

Povere a chi more, biàte a chi campa
Ndr. Povero chi muore, beato chi vive.

M’assemmégghie, a putèie Céccancule
Mi sembra la bottega di Ceccanculo.

‘U ciaciacche chiagne e ‘a puttàne se chenzole
Ndr. Il protettore piange e la prostituta si consola.

‘A ciavele vàce vestita nère, p’i ‘mpicce de l’ate
Ndr. lett. La gazza si veste di nero per gli impicci degli altri.

Chi tène nàse, tène crianze
Ndr. Chi ha naso, ha buona educazione.

Fa dumàne, quille ché avissa fa ogge, sì èje possibbele, faccille fa a l’ate! Si po’, te vène a voglie de fategà, assîttette, e aspîtte ca te passe!
Ndr. Fai domani quello che dovresti fare oggi, se è possibile fallo fare agli altri! Se poi ti viene voglia di lavorare, siediti, e aspetta che ti passi.

Quanne i guàie mie se fenéscene, i tuie s’hann’accumenzà
Ndr. Quando i miei guai saranno finiti, i tuoi avranno inizio.

I pégge càne, i mègghie iazze
Ndr. I peggiori cani -hanno- le migliori cucce.

Luciétte appicce a luce ca stàsère hamma spusà o vuie o nen vuie ‘u manganîlle é pruvà.
Ndr. lett. Lucietta accendi la luce perché stasera ci dobbiamo sposare, o vuoi o non vuoi il manganello devi provare.

Pe ‘ìnere e nepute, quille ca fàie e tutte perdute
Ndr. Per generi e nipoti, quello che fai è tutto perduto.

Pe vénge ‘u ‘nténte suie, mettarrie ‘ncroce pur’ a Criste
Ndr. Per ottenere il suo scopo metterebbe in croce anche Cristo.

Pasque, diune e sénza mésse
Ndr. lett. Pasqua, digiuno e senza messa.
‘A vécchie peducchie peducchie, campàie cînd’anne, pe sapé i fatte de l’ate!
Ndr. La vecchia pidocchi pidocchi visse cento anni, per sapere i fatti degli altri.
Chi passe, se pigghie ‘na fiche
Ndr. Chi passa si prende un fico.
A precessione camine, e ‘a cère se struie
Ndr. La processione cammina e la cera si consuma.
Chi tène i récchie grosse, nen more màie
Ndr. Chi ha le orecchie grandi, non muore mai.
‘U respétte, vène sa ‘n’ate respétte.
Ndr. Il rispetto deriva da -vuole- altro rispetto.
Quanne more une ca prutéste, biàte a mé ca more e frecàte a chi reste
Ndr. Quando muore uno che protesta, beato me che muoio e si frega chi resta.
A precessione se vète quanne se retire
Ndr. La processione di vede quando  rientra.
Quélle che strille, èje sémpe l’utema rote d’u carre
Ndr. Quella che strilla -stride- è sempre l’ultima ruota del carro.
Chi rumàne, s’aggiuste
Ndr. Chi resta si sistema.
Passàte ‘a féste, gabbàte ‘u sante
Ndr. Passata la festa, gabbato il santo.
‘A botta ‘ncàpe, e ‘u sanghe p’u pète
Ndr. lett. La botta in testa, e il sangue dal piede.
Chi fàce ‘u sapute, addevénte sapone
Ndr. lett. Chi fa il saputo diventa sapone.
‘A figghia mope, ‘a scanne ‘a mamme
Ndr. lett. La figlia muta la scanna -capisce- la madre.
Nen me sciupanne i scarpe, me fàie pérde ‘a sorte
Ndr. Non mi sciupare le scarpe, mi fai perdere la fortuna.
‘U diavele ‘u facie fà e ‘u diavele ‘u facie scuprì
Ndr. Il diavolo lo fece fare ed il diavolo lo fece scoprire.
‘U ‘cchiù triste, èje a scurcià ‘a code
Ndr. La cosa più difficile, è scorticare la coda.
I ségge annanze e i ferlizze arrète
Ndr. Le sedie avanti e gli sgabelli dietro.
Chi de speranze vive, desperàte more!
Ndr. Chi di speranza vive disperato muore.
Tratte che quille mégghie de té e facce i spèse!
Ndr. Tratta con chi è migliore di te e fagli dei regali!
Sì nen chiove, stezzechèie!
Ndr. Se non piove, pioviggina.
Chi troppe vole, nînte strénge
Ndr. Chi troppo vuole, niente stringe.
‘U delore èje de chi ‘u sénte, no de chì passe e tène ménte
Ndr. Il dolore è di chi lo sente, non di chi passa e guarda.
Pur’ e pulece, i vénene a tosse
Ndr. Anche alle pulci viene la tosse.
L’acqua fine, trapàne i rine. L’acqua grosse, trapàne l’osse
L’acqua sottile perfora i reni, l’acqua grossa perfora le ossa.
Deceve Pulecenélle, ca pe màre, nen se trovene tavérne
Ndr. Diceva Pulcinella che per mare non si trovano taverne.
‘A chi è l’uteme, a mamme ‘u tène
Ndr. lett. A chi è ultimo, la mamma lo tiene.
‘A galline fàce l’uve, o galle i duscke ‘u cule
Ndr. La gallina fa l’uovo, al gallo brucia il culo.
Ca ce dàie ‘u vacile d’ore e ce fàie iettà ‘u sanghe da inte, a ché sérve?
Ndr. Che ci dai il catino d’oro e ci fai buttare dentro il sangue, a che serve?
I ciucce fanne a lite, i varrile se sfascene
Ndr. Gli asini litigano, i barili si rompono.
Tîne a rugne e tîne a tigne, vavattinne fore a vigne
Ndr. Hai la rogna ed hai la tigna, vattene fuori dalla vigna.
Fin ‘cché stàce ‘a vite, stàce a speranze
Ndr. Finché c’è la vita, c’è la speranza.
‘A galline ck’a vozze, vàce truvanne ‘a sozze
Ndr. La gallina col gozzo, cerca una gallina simile.
Chi vole ‘a morte de l’ate, ‘a suie ‘a  tène arrète o cuzzétte
Ndr. Chi desidera la morte degli altri, la sua ce l’ha dietro la nuca.
E’brutte, zenzose e fastidiose
Ndr. È brutta, cenciosa e fastidiosa.

da "Alcuni proverbi foggiani raccolti da Giacomo Lo Mele", dattiloscritto, Foggia 1974/1975.