Crea sito

Nicola Bonante

Papanonn

Ass-tt-t sop'a na s-gg-tell
(arr-p-zzat chi strisc du sacchett
ndo avev mis a pagghij pu ciuccij
p' tant'ann e zagagliat cu spagh
ch'er avanzat de gregn du gran).
O sol! Nnanz a port da grott. (1)
Ca pipp d- creta mmocch (a cannuccia
stort e u cupirchij fatt da na
schkat-l d- crumatina Sutter)
Vicin a nu cuccij d- pelati Cirio
eh doij dit- d- s-gatura dint.
U gilè. Na catena fattizz pu ll'orgij
e ngann u facciulett rusc mant-nut
da na nill d- firr arr-zz-nut.
Parev che u putiv j-ttà.
Che nun s-rvev cchiù a nint.
Che ci vulev schkitt a casc.
Ma quand'aprev a vocch
t'addunav che t-nev ancor
tutti i sinz a posto
Ogni parol era na s-ntenz!
nu taratur! (2)
Nun s-sbagliav maij!
E pinz che sapev t-nè
a penna mman, cum'e na zapp,
sul p- fà a firm ca eroe.
Mbè!!
E u vulemmj-ttà?
Eij megghij che ciu
t-nim n'atu poch.

Il nonno

Seduto su di uno sgabello
(rappezzato con le strisce del sacchetto
nel quale aveva messo la paglia per l'asino
per tanti anni e cucito con lo spago
ch'era servito per i covoni di grano).
Al sole! Dinnanzi alla porta della grotta.'
Con la pipa di creta in bocca (la cannuccia
storta ed il coperchio ricavato da una
scatola di cromatina Sutter).
Vicino a una lattina di pelati Cirio
con due dita di segatura dentro.
Il gilè. Una catena doppia per l'orologio
e al collo un fazzoletto rosso mantenuto
da un anello di ferro arrugginito.
Sembrava lo potessi gettar via.
Che non servisse più a nulla.
Che aveva bisogno solo della bara.
Ma quando apriva la bocca
t'accorgevi che aveva ancora
tutti i sensi a posto.
Ogni parola era una sentenza!
un cassetto!'
Non si sbagliava mai!
E pensa che sapeva tenere
la penna in mano, come una zappa,
solo per firmare col segno di croce.
Mbè!!
E volevamo gettarlo?
È meglio che ce lo
teniamo ancora un po'.

1 Grotta = Vano abitato, per lo più unico, sotto il livello stradale, con una scala di accesso ripidissima e
gradini incredibilmente alti per occupare il meno spazio possibile al già angusto ambiente.
2 Taratur = Cassetto inteso come cassaforte, contenitore di cose preziose.
3 Papanonn il nonno è già un modernismo giacché la gerarchia era: tatà: padre, taton o tatarann il
nonno e tataruzz il bisnonno.

"Papanonn" è stato il pretesto per entrare nel sistema che ho voluto usare per rendere possibile la lettura del dialetto foggiano che è stracolmo di parole tronche che non vedo poter chiudere con e-i-j che mettono fuori strada chi legge anche se "crocese"comeme. Prendi, per esempio la parola schkitt. Trovami una persona che sappia seriverla da poterne, leggendola, ripetere la esatta dizione e si becca un Nobel. Perché sch è come la parte iniziale di sciocco, scialle, prima di diventare un duro kitt teutonico. Solo un foggiano che legge a fianco e vede che si voleva dire solo, solamente, riuscirà, e sempre al secondo tentativo, a capire. Nt-s-cat = fisso – stecchito - teso. Mbaccij = di faccia, contro (era jut a sbatt mbacci'o mur = era andato a sbattere contro il muro). Sono parole tronche che si pronunciano calcando sulla consonante finale. Se mettessi juto, muro, offenderei la vera pronuncia. T-nev (tenevo). P-nsav (pensavo). S-ntut (sentito). S- venn-n (si vendono). A p-d-cagn (base su cui poggia una statua). Per non parlare di arr-zz-nut. come altro si può scrivere e poi capire che si voleva dire arrugginito. Da tutto ciò la necessità del corrispondente in lingua, sullo stesso rigo, che ti suggerisce contemporaneamente significato e pronuncia, sempre ad essere foggiano-foggiano.Perchè già a 18Km, Lucera, è tutto un altro discorso, un altro dialetto, un'altra inflessione. Molte le parole assolutamente in disuso. Da indagine fatta, i giovani sanno darti traduzione una volta su dieci e la media non sale di molto con gli anziani che non siano di decisa estrazione "caluccia". Quanti potrebbero dirti con esattezza il significato di tatà - taton - tataruzz? Sembrano le parole di una filastrocca quando invece corrispondono a papà - nonno - bisnonno. Mi è piaciuto non interrompere il ritmo con l'aggiunta delle altre due maniere con le quali si chiamava il nonno: papanonn e tatarann (ossia papà grande da rann = grande). Tatuccj è invece il primogenito su cui ricadeva la responsabilità della famiglia alla morte del padre. Bisogna infatti considerare la più bassa età media della vita e che, ad avere dieci figli, comunissimo a quei tempi, con la scomparsa del genitore c'era ancora tanta gente da seguire-accudire. La sorella grande era invece "sciacell". Ma la parola che può farti vincere decine di scommesse è "skrnuz" che, da dove mai deriverà è difficile dire, significa "lucciola". Il tutto nella intenzione di ravvivare alla memoria parole ed espressioni dialettali forti con la convinzione di non essere stato preciso al millesimo e quindi indenne da correzioni e/o suggerimenti.
N. B.

Z-chill

Tu t- crid che
u pov-r passarill
cant verament
int’a caggiol pur si eij
tutta culurat?
E crid che u lion
chius int’a na gabbij
eij cuntent sul
p-cchè a m-zzijurn
eij s-cur d’avè
na p-zzat d- carn?
E nu canagghjon lup
o nu pastor abruzzes
a campà int’a na cas
chi tappet nterr
e cint m-r-vulezz
d- tutt na famigghij?
Che eij vit quell?
E cum’e a vucill
e u lion n’gabij
e u can furest
t-nut o baliat-ch
er Z-chill chius
a Maria Grazia Baron
Ma ch z-chill
nun cia facev-n
manch i carab-nir.
Lor u n-chiudev-n
e iss s- n’ascev
p- dorm a stazion.
U litt chi cupert,
u piatt a tavul
e i mon-ch atturn
nun valev-n quant’e
nu p-rton scuffulat
e na stozz d- pan tust.
Là s- vutav e girav
senza pigghjà sunn
cum si stess chijn
d- pul-c e p-ducchj
e for durmev sul chijn
d- pul-c e p-ducchj.
Là nun putev azz-ccà ucchj
e mizz’a strad, g-lat,
nterr sott’a nu carton
s- sunnav quilli bell
palij d- maccarun
a fest d- sant’Ann.
S-irr-curdav e facev
una t-rat d- sunn
ch nu surris sop a
quella vocca stort
addò er r-mast ancor
nu muzzon stutat.

Bonante Nicola, Fette d’anguria, s.e., Foggia 1995.

A fi-r d Santa Caterin

Quell nunn' eje na fi-r!

Eje na calamit!

Pur che nun tin a nt-nzion,
picch e p- nint
ti truv mmizz a quillu
sort d- burdell.

A foll! I criatur!
U traff-ch blucch-t
da nnanz a chjsa grann!

E po?

Semp i stess cos!
Semp i stess cucc!

Ma! Girann girann
nu struill t'accatt,
e tu purt, stritt stritt
sott'o vrazz cum si
aviss fatt u megghie
affar da vita tuj.

Turn a cast-t e,
u fà del men?,
faje allit ch mugghier-t
e tann t- n'addun
che pur stà vot
te busch-t na fr-catur.

Quill eje u mument che,
ca man n'pitt,
giur sett vot:

"Nun c'iagghia jì cchiù"

Nun eije u ver!

L'ann appriss
eij a stessa storia.

U bar Cavour

Ci stann i buch
tant'eij u timp
che sim stat ferm
nnanz a quilli port!

U vint da stà vij?
E nuij a l'ata port!
U sol da quà? E nuij
a l'ombr da l'atu lat!

A pr-senz era continua
cum'a s-nt-nell nnanz
a caserma Mial.

Mant-navam u palazz!

Parev che, si p- nu mument
nun ci stess nisciun,
scuffulav e t'abbushkav
a S-lvanuccij n-cap.

e t- par nint nu vr-ccion
cum'e quill?

P-ppin, Pinuccij, Italuccij.
V-tuccij, B-n-ditt e Rafanill.
Orest, Pasquin e Fant-fant.

E po'?

Renz, Arnald e Lelluccij.
Mò f-narrij a list?
Ci vuless na jurnat
e na nuttat san.

Nun ci stev differenz
d- r-cchezz e d- struzion!

Là s- passav n'esam!
O dint o for!

Quist nnanz'a port. Int'o bigliard
ci stev-n i rinforz.

Ch Gigin che s-gnav i punt
e Don M-chel che facev allit'
pur chi mur quann nun ci
stev V-tuccio Pranzo,

Tatonn putev pur murì
ma da là dint nun ci srad-cav manch si
chiamav i carab-nir.

Iss stutav a luce?
E nuij stavam a scurij.

Nun t-niv i sold pu cafè?
E t'arrubbav nu ciucculatin.

Aviva ji o c-n-matò?
E Salvator t- mpr-stav i sold.

Perciò!

Pur si hanna cagnà iv -rgion
a'adda c-rcà u permess a nuij.

U bar Cavour eij u nustr
e guaij a chi ciu tocch.

U ragù

A fuch lint
De sett da matin

Na lavat d- facc
e na girat.

Ddoij parol ca cummar
e na girat.

na scupat nnanz a port
e na girat.

I trucchl a m-zzijurn
hanna ess nu quadr!
Nu monument!

Abbad però!
Dint ce vol na
brasciol d- cod-ch.

S-nnò eij cum a t-nè
u train e u scuriat
e senza ciuccio.