Crea sito

Gianni Pellegrini

CENTO GIORNATE FOGGIANE

(testo e musica di Gianni Pellegrini)

Quella scena del Quarantatré
una storia vissuta d’estate
quella solita paglia bruciava
il sole spaccava le strade
gonne sozze, mercati, bambini
un’arsura nordafricana
ci mancavano due minareti
era classica vita foggiana
e la guerra soltanto via radio
nessuno se l’aspettava
che spuntasse da dietro quel sole
la bomba che il cielo sporcava
“cari foggiani tenete duro
sono pieno di cordoglio
continuerete per poco lo giuro
ve lo assicura Pietro Badoglio”
“No marescialle, non si ‘ngarrate
vine nu poco a’lluscià
barracca mije l’anne bumbardate
m’anno già acciso a mammà e papà
ne marescialle non si’ arruate
si’ ù capemaste quann’è parlà
quanno i padrune cumannano a guerra
stanno acciungate pe veve e magnà”

TRADUZIONE STROFA
“no, maresciallo, non hai indovinato
vieni un poco a guardare
hanno bombardato la mia povera casa
hanno già ucciso mia madre e mio padre
eh, maresciallo, non sei arrivato
sei sempre il migliore quando c’è da parlare
quando i padroni comandano ‘guerra’
stanno seduti per bere e mangiare”]

Gli Alleati giocavano pure
solo una ricognizione
si, delle volte giocavano pure
ma guaivano le sirene
quando invece non si scherzava
ti piombavano addosso dai cieli
sinfonia che mortale cadeva
bruciava le case e le mani
una scritta sull’unico muro
“taci, il nemico t’ascolta”
per il resto soltanto macerie
e ti giochi la vita ogni volta
e le grandi difese dell’asse
lottavano assai virilmente
rispondevano al fuoco nemico
con la fionda naturalmente
ma finite le cento giornate
a cantar quello sterminio
sulla Foggia coventrizzata
la campana del municipio
[parlato]
non sono rossi, non sono neri
sono civili con pochi pensieri
questi morti nessuno li brama
perché li uccise la bomba americana

LUATAMILLE
(testo e musica di Gianni Pellegrini)

Foggia
che non si pente
gira al contrario
tutta prepotente
Foggia
affilata come un dente
le nasce un fiore
non gliene frega niente

vedo un bolide che avanza nel vento
con un colpo ne salta cento
segnaletica d'arredamento
cuore contento, cuore contento
c'è un soprammobile di veste bianca
che ci si stanca, che ci si stanca
e dal centro alla periferia
me ne fotto, la strada è mia

[RIT.] Luatamille, luatamille
luatamille sta città de despitte
sti quatte stubbete che fanno i dritte
luatamille stu delore da 'mpitte

[due volte]

Foggia terra di nessuno
anzi Foggia solo terra di qualcuno
Foggia milioni di mattoni
Foggia mattone da milioni

Foggia
che ti consuma
che a dodici anni già diventi schiuma
ti senti forte se conosci il palo
ma poi finisci da Gigino lo squalo

vita di stenti
guglie di latta
Foggia somiglia ad un amore che non scatta
provo a cantare "ma che bel castello"
mi sa mi sa che è abusivo pure quello

[RIT] Luatamille etc.

[FINALE]
lei preferisce che riposi in pace
io le propongo una mano che ricuce
lei preferisce una bocca che tace
non la capisco...
...accenderò una luce.