Crea sito

Benito Matteo Faleo

Ù MIDECH' E U MALÀTE

Tuppe! tuppe! chi èj? sònde ù mideche, favuresce duttore favuresce, bongiorne.
Ne bbélle uagliò? che t'é succisse? Duttore sta notta hagghij fatte na nuttàte me sturcceve cùme n'ù sérpe sòpe ò litte pi dulure gurpe che jeven'e venevene.
Che te magnàte a ijre sére? nìnde nìnde quatte cicatill'e fasulle, Uagliò n'é ccose de fasule, se véde da facce che fine na frevacce da cavalle, qua n'me pàre bùne, madonna mìj! e che tenche a trubbusij? a m'arruàte ogge se pénze subete malamende.
Avete a cammesole famme sénde ì spall'e ù còre, tìre ù fijàte. Dé sòpe a vij nova de troij stanne trendatré cavalle che vanne a trott' a trotte. Che sendite duttore? sénde n'ù frusce è cùme se tenisse mbìtte na càpe de ciucce, ù ciucce.
Nuij a me tenute sémpe i cavalle? e mò cùme facite a fareme passà stù malanne? mò te skrive a rezzette te pegghie na bbélla purghe accussé te parsene tutt'ì destorbe.
 

IL MEDICO E IL MALATO

Tuppe! ... Tuppe!... chi è? sono il medico, avanti dottore avanti, buongiorno.
Ne bel giovanotto? che t'é successo? Dottore questa notte ho trascorso una nottata mi contorcevo come un serpente sopra il letto per i dolori di pancia che se ne andavano, e venivano.
Cosa hai mangiato ieri sera? Niente niente quattro cavatelli e fagioli. Giovanotto non è cosa di fagioli, si vede dalla faccia che hai una febbre da cavallo, qua non mi pare bene, Madonna mia! Che tengo la cirrosi? siamo arrivati, oggi se pensa subito malamente.
Alzati la maglia e fammi sentire le spalle e il cuore, tira il respiro. Dimmi, - sulla strada nuova di Troia stanno trentatré cavalli che vanno a trotto a trotto - Cosa sentite dottore? sento un ronzio come se nel petto tieni una testa di asino - L'asino!
Noi abbiamo tenuto sempre i cavalli? adesso come fate per farmi passare questo malanno? ora ti scrivo la ricetta e ti prendi una bella purga, così ti passano tutti i disturbi.
 

dal libro “Fogge ‘a ijre e ogge”, Tipolito EDIGRAF snc, Foggia 1994

SÉNZA FRUNTIRE

Quante sarrij bbélle duscetarese da n'ù lunghe sunné, na matine a parege ò a londre, e pruà a gioj de senterese a ccàsa propij, e parlà tutte quante cùme se chiagne.
Arravugghiàte ìnde a stessa bandire, en' zenterese chijù stranire né emigrando, e vulerese bbéne cùme fràt'e sòre ianche ò nére cùme a Chijse da secule predecheij.
Se fràt' e sòre sime: Italiàne, Francise, Inghelise, Spagnule, Te¬deske, e Austrice, pecché cià m'accide cùme bbéstie pe cambà se nuij parlàme e sapime ragiunà? Stù fatte n'già da stà pe farle, eppure cià'hanne mbaràte ch'éj peccàte murtàle.
Ù mùnne fuij crijàte da Dìj pùi bbéne da génde e de l'anemàle, uardanne a carta giografeche pàre vedé n'ù quadre fatte da n'ù pettore chi culure che n'ze skagnine màij: màre, isule, làghe, ù cìle azzurre, muntagne ammandàte de néve, voske, foreste virde ca lune ò sòle che danne luc'e calor.
E loro! cu prugresse e skuperte «Atomeche» vonne fà de tutte pe skangellà stì magnefeche culure che a madra nature ogne anno ch n'ù pennille mageche li rennove sémpe chijù bbélle ancore.
Éj ore d'abbrazzarese tutte quante atturne a sta palle pe salevà «l 'umanetà» e lassà sta: ù màre, ù cìle, ù sòle; e a lune cùme Dìj l’ha crijàte, pe n'fa fermà stù gerotondo ch'èj assàij bbéne a jé ngongozze.

SENZA FRONTIERE

Quanto sarebbe bello svegliarsi dopo un lungo sonno, una mattina a Parigi o a Londra, e provare la gioia di sentirsi a casa propria, e parlare tutti quanti come si piange.
Avvolti in una stessa bandiera, non sentirsi più straniero né emi¬grante, e volersi bene come fratelli e sorelle bianchi o neri come la Chiesa da secoli sta predicando.
Se fratelli e sorelle siamo: Italiani, Francesi, Inglesi, Spagnoli, Tedeschi, e Austriaci, perché ci ammazziamo come bestie per campare se tutti parliamo e sappiamo ragionare? Questo motivo non ci dev'essere per farlo, eppure ci hanno insegnato ch'è peccato mortale.
Il mondo fu creato da Dio per il bene della gente e degli animali, guardando la carta geografica pare vedere un quadro fatto da un pittore con colori che non sbiadiscono mai: mari, isole, laghi, il cielo azzurro, montagne coperte di neve, boschi e foreste verdi, con la luna e il sole che danno luce e calore.
E loro! col progresso e scoperte «ATOMICHE» vogliono fare di tutto per cancellare questi magnifici colori che la natura ogni anno con un pennello magico li rinnova sempre più belli ancora.
E' ora di abbracciarsi tutti quanti intorno a questa sfera per salvare «L'UMANITA'» e lasciar stare il mare, il cielo, il sole, la luna come Dio l'ha creato per non far fermare questo girotondo ch'è troppo bello a girarci sopra.

Natale

I tìmpe so cagnàte; ma Natale a Fogge é sempe
uguòle, cume quanne cl' arrecurdòme: ù campanàre
allumenàte, à chiàzzette chi bangarélle tutt' addubàte,
addòre i cartellàte che si sénde pe tutt'l stràte, ù presepìje
da parrocchije chi pupe che se movéne manghe
angòre ù  bòmmine che da nàsce cremma fine.
I uagliùni tutt' apparicchiàte chi skàrpe nòve, ù
vestitìlle a magliétte, vanne fuienne p'à cundandézze
cume se dicesséne: Finalménd' é arruàt' à féste.
Sta nòtte nesciùne dòrme, chi  zurlìjeje, chi jòch'
e ménele, ò à tòmbele, sempe chi récchije  ngreccàte
aspettane a zé monéche che sòne i campàne, p'jé a
mésse matutìne che da nàsce ù Bommine.
E' na féste de richiàme, ogne anne ce truàme p'ù
còrse zaccàte cte cristìjani venute da lundàne a passà Natàle,
si sendéne tanda parlàte che 'n ze capésce se so
Fuggeàni, quanne hàje n'à vuttàte sinde dice
«pardon-,t'acciacchene i pìdi «scusmi ».
Né givinò mo ce mbrugghiàme de léngue, nuje cià
ma capé, é nutùle che ve sturcìte, pùre ìje stòche a
Torin' e ù  triscketròscke ù stràzze pùre ije, ma mo
stéme a Fogge, a ma parlà cùme ci' hanne mbaràte i
màmme nòstre.