Luigi Rispoli

Aaah! ammenazz’ lu ciucce ‘u mulenäre.

Componimento attribuito a Luigi Rispoli da Amodio Salcesi, che sostiene di averlo preso dal numero unico letterario “Maggio” pubblicato nel 1905. Fino a quando non avremo la possibilità di vedere l'originale della rivista "Maggio", non potremo essere certi che il Rispoli abbia utilizzato proprio il sistema di scrittura utilizzato da Amodio Salcesi. Questi, infatti, negli altri casi, e ci riferiamo agli scritti della Giordano e al Bellizzi, ha adattato lgli originali al suo metodo di scrittura dialettale. 

Aaah! ammenazz’ lu ciucce ‘u mulenäre; 
E nu guaglione cante pe la vije: 
-Cum’ e la renele vularrij vuläre 
Sop’ u balcone de la nenna mije!-. 
Tutte se so’ ‘ddurmut’ e dda luntäne 
Se sent’ lu sûone de lu pandulline. 
Stann’ abballanne, mentr’ ‘u tarrazzäne 
väce ‘n-campagne cu sta fuleppine.
- O Pataterne, dice, pecchè a stu munne
Ci-ha dda ghesse sta sorte ‘ defferenze,
Ca une väce tant’avt’e n’at’affunne?
Pigghiamacille ‘n-zanda pacijenze!-

in Amodio Salcesi "Poesia popolare e poesia d'arte a Foggia", Milano 1933, XI - Arti Grafiche UBEZZI & DONES