Crea sito

Antonio Ragone

Mminz' a kiazze Sant' Èlìge

Pure de virne, k'i kappe sóp'e spalle o k'i pastráne, mminz'a kiazze Sant'Elìge, a rokkie a rokkie, s'akkokkiene d'a matìne de notte 'i vekkiarille kè, n' gurande d'u mále timbe, fanne sèmbre sott'e sópe, aspettanne 'a sferètte u sole.

Ogge 'u sóle, finalmènde, s'è ffacciáte da sop'o tìtte de na káse e máne máne kè kkiù sópe anghiáne, 'a kiazze se rallègre e 'i vekkiarille sò kundènde.
Póke e spìsse stáke mminz'a 'llóre e ogni vvóte éje kum' e quanne jéve a skóle.
Ogge m'ànne akkundáte de Foggia bumbardáte e marturiáte, de quìlle kè 'i Fuggiáne ànne suffèrte e suppurtáte, d'i sfulláte e de quìlle rumaste sènza káse, de kume Fogge n'ata vóte è nate pe l'orgoglie d'i Fuggiáne.
'U sóle kiáne kiáne s'è spustáte e, passe nnande passe, a pponde de pide, ogne vekkiarille torne 'a kása sùje e ìje, mminz'a kiazze, rumáne súle súle.
Alméne nu póke stamece ke llóre.,. parláme, addumannáme e tanda kóse de sekùre c'i mbaráme.

In mezzo alla Piazza di Sant’Eligio

Anche d'inverno, avvolti nei mantelli o con i cappotti, in Piazza Sant'Eligio, a gruppi a gruppi, si riuniscono di buon mattino i vecchietti che, nonostante il maltempo, fanno sempre su e giù, aspettando un raggio di sole.

Oggi il sole, finalmente, si è affacciato sopra il tetto di una casa e, mano a mano che sale più su, la piazza i rallegra e i vecchietti sono contenti.
Poco e spesso sono in mezzo a loro ed ogni volta è come quando andavo a scuola.
Oggi mi hanno parlato di Foggia bombardata e martoriata, di quello che i foggiani hanno sofferto e sopportato, della gente che ha abbandonato la propria casa e di quelli che ne sono rimasti senza, di come Foggia un'altra volta è nata per l'orgoglio dei foggiani.
Il sole pian piano si è spostato e, passo dopo passo, in punta di piedi, ogni vecchietto torna a casa sua ed io, in mezzo alla piazza, resto solo solo.
Stiamo con loro ... parliamo, chiediamo e tante cose di sicuro le impariamo.

da Antonio Ragone, Nu zumbe ind’o passate, 2012

Sì turne

Agghie vìste n'albere k'a kápe akaláte e 'u vinde kè 'u frustáve, pò 'u vinde se stangáje e l'albere avezáje n'ata vóte 'a kápe.

Agghie viste na tèrre arse d'o sóle e tanda ggènde ngiunekkiáte kè pregáve, pò venìje a kióve e sóp'a sta tèrre nascìje nu fiore.

Agghie viste nu kóre kè a póke a póke muréve de delóre, po' dóje lakreme l'ànne bagnate e quìllu kóre n'ata vóte è nate.

Agghie vìste l'anema mìje ... éje angóre turrnendáte e skúre, ma dumáne sò sekúre ... sì turne tú, l'arrìve 'a luce.

Se torni

Ho visto un albero col capo chino ed il vento che lo frustava, poi il vento si stancò e l'albero rialzò la testa.

Ho visto un terreno arso dal sole e tanta gente inginocchiata che pregava, poi piovve e su questa terra nacque un fiore.

Ho visto un cuore a poco a poco morire di dolore, poi due lacrime lo hanno bagnato e quel cuore un'altra volta è nato.

Ho visto l'anima mia ... è ancora tormentata e scura, ma domani sono sicuro ... se torni tu, gli arriva la luce.

Da Nu zumbe ind’o passate, tipografia Boragrafiche S.r.l., San Marco in Lamis 2012

'U sfatekáte

Tutte quande me dìnne kè sò sèmbe stanghe e 'a fatìke l'agghie nganne, ma nesciùne sápe kè agghie náte sfurtenáte ...
V'u giure vèramènde, nott'e jurne passe p'nnande all'ufficie de kollokamènde!
Mbacc'e trènd'anne, pe kolpe d'i genitóre, pegghiáje 'a brutta decesióne de ìjé ke nu kumbagne a fà 'u fabbrekatóre.
Tanne stèsse 'u cile se ndravulijáje, ognè nùvele s'arravugghiáje e l'akque anghìje sùbbete 'i kanále.
Quìllu jurne sóp'o kandire, p'mmè fúje nu turminde ... e kki 'u sapéve kè 'a kavedarèlle pesáve assáje, 'a kavece e 'i matúne púre e arrét'e rìne m'avèvena vené tanda delúre. Pò menáve na feleppìne akkussì geláte kè me kietráje rèkkie, pide e máne e 'u náse s'ére pure ndesekáte.
Ménu mále kè arruáje súbbete l'óre d'a magnáte ...
Fuijènne fuijènne, ìnd'a na kavedarèlle appecciamme dòje staijèlle e kum' atturne a nu vrascire, ce vuttamme vrazz'e vrazze pe pegghià 'u poste nnanze.
A fine d'a jurnáte a stènde a stènde arruáje a káse, m'adunarene k'a kukkiarèlle, m'arravugghiarene ìnd'a dóje kútre e trè kuèrte, ma kum'e nu kambanille, tremeláve angóre a gangarille.
Durmìje pe dóje notte e dóje jurnáte, ma, quanne me svegliáje, stève angòre n'daveláte, penzáje ... penzáje e me lecenziáje.
Sò propie sfurtenáte ... 'a fatìke me fáce mále!
Mò me sènde bbune, sò dic'anne kè stáke a spasse: de staggióne m'ammùcce d'o sole m'allèkke 'i kapìlle me mètte l'okkiále e akkatte 'u giurnále; de virne, kume ascènne d'o litte, me mètte 'u kappille e
m'abbrazz o' vrascire.
Orrnàje sò troppe sekúre: ìje e 'a fatìke jáme d'akkorde kum'o viulìne quanne se rombe na korde.

 

Lo  sfaticato

Tutti mi dicono che sono sempre stanco ed il lavoro non mi piace, ma nessuno sa che sono nato sfortunato ...
Ve lo giuro veramente, notte e giorno passo davanti all'ufficio di collocamento!
Avevo quasi trent'anni e, per colpa dei miei genitori, presi la brutta decisione di andare con un amico a fare il muratore.
In quel momento il cielo divenne brutto, ogni nuvola s'intrecciava all'altra e la pioggia riempì subito i canali.
Quel giorno sul cantiere per me fu un tormento ...
E chi lo sapeva che il secchio della calce pesava assai, la calce ed anche i mattoni e ai reni mi dovevano venire tanti dolori. Poi, soffiava un vento così gelato che mi congelai orecchie, piedi e mani ed il naso
rimase immobile.
Meno male che arrivò subito la pausa pranzo ...
Correndo correndo, in un recipiente per la calce accendemmo della legna e, come intorno ad un braciere, ci spingevamo braccia a braccia
per prendere i posto più vicino.
Alla fine della giornata appena appena arrivai a casa, mi raccolsero con un cucchiaio di legno, mi avvolsero in due coperte pesanti ed in tre normali, ma, come un campanello, tremavo ancora battendo i denti.
Dormii per due notti e due giorni, ma, quando mi svegliai, stavo ancor tutto teso, pensai ... pensai e mi licenziai.
Sono proprio sfortunato ... il lavoro mi fa male!
Adesso mi sento bene, sono dieci anni che non lavoro: l'estate mi nascondo dal sole, mi pettino per bene, indosso gli occhiali e compro il giornale; d'inverno, appena scendo dal letto, mi metto il cappello ed
abbraccio il braciere.
Ormai sono troppo sicuro: io ed il lavoro andiamo d'accordo come il violino quando si rompe una corda.